Papa Luciani tra poco Beato. Che notizia favolosa per la nostra comunita’

E’ la notizia che tutti coloro che hanno avuto l’immenso privilegio di conoscere Albino Luciani stavano aspettando da anni. A Pieve di Soligo, durante l’inaugurazione del nuovo municipio il CARDINALE BENIAMINO STELLA lo aveva anticipato in una breve intervista che gentilmente mi aveva concesso. “A ottobre ci saranno delle novita’- Disse- Sulla Beatificazione dell’amato Papa Luciani. Oggi la notizia ha fatto il giro del mondo ed e’ ritornata qui da noi, dove lo abbiamo conosciuto di persona e amato per la GRANDE UMILE e SANTA persona che fu. Pubblico il comunicato che oggi mi e’ giunto con grande gioia e soddisfazione, aspettando l’annuncio del giorno in cui verra’ proclamato BEATO.

Queste le parole di LUCA ZAIA (dal suo profilo Instagram)

Questa mattina Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione per le Cause dei Santi a promulgare il decreto riguardante il miracolo attribuito all’intercessione del venerabile Giovanni Paolo I, il bellunese Albino Luciani di Canale d’Agordo, già vescovo di Vittorio Veneto e Patriarca di Venezia.
Entro pochi mesi con una cerimonia in Vaticano, “don Albino” (come lo chiamavano tanti nostri anziani che lo avevano visto giovane prete nel Bellunese) sarà ufficialmente proclamato Beato, e quel giorno sarà una grande festa per tutta la nostra regione.

E’ un pontefice che, seppur per soli 33 giorni, ha portato a San Pietro la semplicità e la concretezza della nostra gente; il sorriso e la dolcezza del suo accento veneto hanno conquistato il mondo. A nome di tutti i veneti esprimo la gioia e l’orgoglio per la notizia del decreto che apre la via della beatificazione di Giovanni Paolo I.

La modestia che, fin dalla nascita in un’umile famiglia di lavoratori delle montagne agordine, ha sempre contraddistinto Papa Luciani non ha impedito che fosse protagonista di un pontificato che, nonostante la brevità, ha segnato un periodo importante nella vita della Chiesa.
La sua beatificazione ci appare anche una eccezionale sottolineatura del ruolo che ha avuto la Chiesa veneta nella vita del ‘900. Sono tre i patriarchi di Venezia, pastori delle Genti venete, eletti pontefici nel ventesimo secolo. Pio X e Giovanni XXIII sono già stati proclamati Santi, anche Giovanni Paolo I salirà presto agli altari come beato.

Mio Padre, Narciso con Papa Luciani (foto copyright archivio famiglia Dal Cin)

Stefano Zanin e Marco Zabotti a nome dell’Istituto Diocesano “Beato Toniolo”
“GIOIA E RICONOSCENZA PER PAPA LUCIANI BEATO”
“Una grande gioia per tutta la Chiesa, e in modo speciale per la nostra diocesi
vittoriese!”. È questo il primo commento dell’Istituto Diocesano Beato Toniolo. Le
vie dei Santi alla notizia della prossima beatificazione di Papa Giovanni Paolo I,
attraverso le parole del presidente Stefano Zanin e del direttore scientifico Marco
Zabotti. “Il Papa del Sorriso esprime in beatitudine il volto di una comunità cristiana
ricca di fede, speranza e carità, aperta al mondo ed eloquente per i suoi gesti di
amore – affermano – e siamo proprio lieti che questo annuncio di Papa Luciani Beato
avvenga in questo tempo in cui l’umanità tutta ha bisogno proprio di una santità
credibile, coerente e generosa, umilmente al servizio, capace di dire Dio nella vita di
ogni giorno”. “Esprimiamo la nostra felicità insieme alla diocesi di Vittorio Veneto
che l’ha visto negli anni ’60 guida pastorale illuminata e amata, da Papa Luciani
stesso definita “il primo amore che non si scorda mai” – aggiungono Zanin e Zabotti
a nome del consiglio direttivo, della commissione scientifica e di tutti gli operatori
culturali dell’Istituto – E ora le vie dei Santi e dei Beati tra Piave e Livenza potranno
annoverare un nuovo punto di riferimento di straordinario valore e richiamo per
tutti coloro che vogliano seguire un cammino di scoperta e di conoscenza del
territorio alle sorgenti della fede e della vita cristiana”. “Siamo profondamente grati
al cardinale pievigino Beniamino Stella per tutto il lavoro compiuto come
postulatore della causa di beatificazione – aggiungo i vertici del “Beato Toniolo” – e
ancora per essere stato il donatore che ha consentito alla diocesi di Vittorio Veneto
di diventare proprietaria della casa natale di Albino Luciani, in quella comunità di
Canale d’Agordo in cui proprio di recente il nostro Istituto ha rinsaldato stretti
rapporti di amicizia e di cooperazione culturale con la Fondazione Papa Luciani e il
Museo – Casa Natale Albino Luciani Giovanni Paolo I, diretti da Loris Serafini”.
“E mentre a Pieve di Soligo, città in cui ha sede il nostro Istituto Beato Toniolo –
concludono Stefano Zanin e Marco Zabotti – ricordiamo in particolare i legami
fecondi di stima e collaborazione dell’allora Vescovo Luciani con il Collegio Balbi
Valier, il senatore e ministro Francesco Fabbri e il sindaco emerito e missionario don
Mario Gerlin, autentiche realtà e vite illustri della comunità, siamo molto contenti di
essere tra i soggetti ecclesiali e civili che offrono il loro patrocinio all’Oratorio in sei
quadri “Albino Luciani Pastore e Padre. Da Vescovo di Vittorio Veneto a Papa del
sorriso”, in programma in prima assoluta sabato 16 ottobre al Teatro da Ponte di
Vittorio Veneto. Un grande evento musicale che esprimerà in maniera corale gioia e
riconoscenza per Papa Luciani Beato”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.