Codogne’- Marcinelle 1956- Mario Piccin ricordato con un monumento.

CODOGNE’ – La tragedia della miniera di Marcinelle in Belgio ha segnato per sempre la storia di moltissime persone Le vittime di quel tremendo evento che sconvolse l’Europa l’8 agosto del 1956 furono 262, 136 Italiani. I Veneti a morire in quell’incidente furono Dino dalla Vecchia di Sedico, Giuseppe Polese di Cimadolmo, Mario Piccin di Codognè, Guerrino Casanova di Montebelluna e Giuseppe Corso di Montorio Veronese. Due le diverse commemorazioni del fatale evento nella Marca, Montebelluna e Codogne’ hanno ricordato i due minatori uniti dallo stesso terribile destino

A MONTEBELLUNA BANDIERE A MEZZ”ASTA

Bandiera a mezz’asta oggi a Montebelluna in occasione della “Giornata del sacrificio del lavoro italiano nel mondo”, istituita nel 2011 per celebrare la ricorrenza dell’evento di Marcinelle,
Una dramma che, ha toccato nel vivo anche Montebelluna in quanto, a perdere la vita, fu anche Guerrino Casanova, decorato con medaglia d’oro al merito civile nel 2005 per avere “sacrificato la vita ai più nobili ideali di riscatto sociale. Luminosa testimonianza del lavoro e del sacrificio degli italiani all’estero, meritevole del ricordo e dell’unanime riconoscenza della Nazione tutta” Guerrino, di Montebelluna morì a soli 32 anni, la moglie e due figli.

A CODOGNE’ INAUGURATO UN PICCOLO MA SIGNIFICANTE MONUMENTO
A Codogne’ inaugurata domenica un piccolo ma significativo monumento realizzato da un artista locale, Egidio Saccon che ha riprodotto il casco e la lanterna tipici dei minatori di quell’epoca., Il ricordo a Mario Piccin classe 1919 morto tragicamente l’8 agosto del 1956 a Marcinelle,La fatalita’ volle che con il crollo della miniera morissero oltre duecento minatori I resti di Mario furono recuperati solo 15 mesi dopo e furono riconosciuti grazie a tre elementi: l’orologio, alcuni brandelli di camicia e il numero della lanterna che veniva associato ad ogni minatore. La cerimonia si e’ svolta domenica alla presenza del presidente dei Trevisani nel Mondo Franco Conte del sindaco Lisa Tommasella, due dei tre figli di Mario e , Don Lucio Marian che ha benedetto la targa e officiato la Santa Messa. ‘L’amministrazione e’ particolarmente sensibile a mantenere viva la memoria storica del territorio. Auspico che queste targhe e questi piccoli monumenti aiutino i cittadini a ricordare quella che e’ stata la nostra storia del , per non dimenticare come in questo caso la figura di un marito, di un padre, di un fratello costretto ad emigrare per garantire un futuro migliore alla sua famiglia.” Erano anni in cui le scelte erano poche per molti dei nostri avi. i raccolti che andavano male costringevano i mezzadri a partire per Paesi Europei e Sud Americani dove la domanda di manodopera era alta. Lo stesso presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha ringraziato nell’incontro con i Trevisani nel mondo in Cansiglio i Veneti :”Grazie per aver lasciato un posto libero nelle tavole quando mancava il cibo – Aveva detto Zaia- Grazie per aver portato nel mondo l’orgoglio e la dignita’ del nostro popolo. Grazie per aver sostenuto l’economia della Regione da lontano, con il vostro lavoro. Senza di voi non saremmo il Veneto di oggi. Grazie per non aver riempito le carceri ma per aver fatto conoscere al mondo le vostre origini e integrita’(pio dal cin)

CRONOLOGIA DI UNA GIORNATA FUNESTA

Alle 7:56 dell’8 agosto Antonio I., addetto alle manovre del livello 975 m, una volta caricato l’ultimo carrello pieno, dà il via alla rimonta[4]. Poi lascia il suo posto di lavoro e va alla ricerca di altri carrelli pieni; il suo aiutante Vaussort rimane sul posto.

Verso le 8:00 Mauroy, addetto alle manovre in superficie, telefona a Vaussort poiché ha bisogno dell’ascensore per il piano 765 m. Mauroy e Vaussort prendono un accordo previsto dai protocolli di lavoro, ma che in seguito risulterà fatale.[5] L’accordo è il seguente: per due viaggi l’ascensore sarà “libero”. Questo permette a Mauroy di fare partire l’ascensore senza il via libera del piano 975 m, ma questa decisione implica che il piano 975, per due volte, non potrà più caricare l’ascensore. Dopo essersi accordato, a sua volta Vaussort parte alla ricerca di vagoncini pieni; secondo le registrazioni del “Rockel” sono le 8:01 e 40 sec.[6]

Alle 8:05 uno dei due ascensori (d’ora in poi indicato con A) arriva al piano 765 m per essere caricato. L’altro (B) si ritrova nel pozzo verso 350 m[7].

Alle 8:07 l’ascensore A è carico e rimonta in superficie, mentre B ridiscende a 975 m. Durante questa movimentazione Antonio I. è ritornato al suo posto di lavoro. Qui vi sono due versioni divergenti. Secondo Antonio I., lui avrebbe chiesto al suo aiutante Vaussort se poteva caricare, ricevendone una risposta affermativa; secondo Mauroy, Vaussort era ancora assente e quindi non avrebbe potuto autorizzare Antonio I. a caricare e neppure avvertirlo che quell’ascensore gli era vietato. Nessuna delle due versioni è totalmente soddisfacente; Vaussort morirà nella sciagura e non potrà quindi testimoniare e confermare una delle due versioni o fornirne una sua terza.

Alle 8:10 l’ascensore A arriva in superficie, mentre B arriva al livello 975. Incurante (o ignaro) del fatto che quell’ascensore gli fosse vietato, Antonio I. comincia a caricare i vagoncini pieni, arrivati dai cantieri durante la sua assenza. Ma la manovra non riesce: il sistema che blocca il carrello durante la rimonta dell’ascensore s’inceppa. Questo sistema avrebbe dovuto ritirarsi un breve istante per lasciare uscire totalmente il vagoncino vuoto. Ma ciò non accade ed i due vagoncini si ritrovano bloccati e sporgenti dal compartimento dell’ascensore. Il vagoncino vuoto sporge di 35 cm, mentre quello pieno sporge di 80 cm. Per Antonio I. la situazione è fastidiosa, ma non pericolosa: è sicuro che l’ascensore non partirà senza il suo segnale di partenza. In superficie Mauroy ignora totalmente la situazione verificatasi al piano 975 m. Mauroy è nel protocollo di lavoro «ascensore libero» e farà partire l’ascensore allorché avrà finito di scaricare i vagoncini rimontati dal piano 765 m.

Alle 8:11 Mauroy ha finito di scaricare l’ascensore A e dà il via alla partenza, il che immancabilmente provoca anche la partenza dell’ascensore B. Al piano 975 m Antonio I. vede l’ascensore B rimontare bruscamente. Nella risalita l’ascensore, con i due vagoncini sporgenti, sbatte in una putrella del sistema di invio. A sua volta questa putrella trancia una condotta d’olio a 6 kg/cm² di pressione, i fili telefonici e due cavi in tensione (525 Volt), oltre alle condotte dell’aria compressa che servivano per gli strumenti di lavoro usati in fondo alla miniera: tutti questi eventi insieme provocano un imponente incendio. Essendo questo avvenuto nel pozzo di entrata dell’aria, il suo fumo raggiunge ben presto ogni angolo della miniera, causando la morte dei minatori. In quanto al fuoco, la sua presenza si limitò ai due pozzi e dintorni, ma il suo ruolo fu determinante perché tagliò ogni via d’accesso nelle prime ore cruciali, fra le 9 e le 12. L’incendio non scese sotto il piano 975 m, mentre divampò nei pozzi fino al piano 715 m. A questo piano Bohen, prima di morire, annotò nel suo taccuino “je reviens de l’enfer” (ritorno dall’inferno). L’allarme venne dato alle 8:25 da Antonio I., il primo risalito in superficie tramite il secondo pozzo, anche se già alle 8:10, in superficie, si era capito che qualcosa di gravissimo era accaduto, poiché il motore dell’ascensore (1 250 CV) si era fermato e il telefono non funzionava più (il responsabile Gilson era corso ad avvertire l’ingegnere Calicis che probabilmente erano di fronte a un cassage de fosse, cioè a una “rottura nel pozzo”, un deragliamento). Calicis ordinò al suo aiutante Votquenne di scendere nelle miniera per informarsi.

Verso le 8:30 Votquenne è pronto a scendere, ma il freno d’emergenza è bloccato per mancanza di pressione d’aria. Ciò era dovuto alla rottura della condotta in fondo al pozzo, che aveva svuotato il serbatoio in superficie. Votquenne ordina la chiusura della condotta d’aria che scende nel pozzo: ci vorranno più di 10 minuti per ristabilire una pressione sufficiente. Votquenne e Matton scendono senza equipaggiamento, arrivano sotto 835 metri, ma devono rinunciare a causa del fumo. Nel frattempo 6 minatori superstiti arrivano in superficie mentre Stroom scende nella miniera.

Alle 8:35 Calicis telefona alla centrale di soccorso chiedendo di tenersi pronti e precisa che richiamerà in caso di bisogno.

Alle 8:48 Calicis chiede l’intervento della centrale di soccorso distante 1,5 km dalla miniera. I soccorritori impiegheranno 10 minuti per arrivare.

Alle 8:58 la prima squadra di soccorritori arriva sul posto. Votquenne e uno dei soccorritori equipaggiati con i respiratori Dräger fanno un secondo tentativo. Arrivano a 1035 metri, ma non riescono ad uscire dall’ascensore, in quanto i suoi occupanti erano montati nel terzo compartimento dell’ascensore fermo a 3,5 m più in alto del livello di uscita. Odono dei lamenti, ma l’addetto alle manovre non risponde più alle loro chiamate[8], probabilmente già incosciente. In superficie, Gilson decide di far rimontare l’ascensore. Rimontando, a livello 975, Votquenne vede già le fiamme che hanno raggiunto l’ultima delle tre porte di sbarramento fra i due pozzi.

Verso le 9:10 il pozzo di estrazione dell’aria era a sua volta inutilizzabile, raggiunto dall’incendio. I cavi degli ascensori di questo pozzo cedettero a poco a poco. Il primo si spezzò verso le 9:30, il secondo cavo si spezzò verso le 10:15[9].

Verso le 9:30 due persone tentarono, senza equipaggiamento, di farsi strada attraverso un tunnel laterale comunicante col pozzo in costruzione al livello 765 m. Il tentativo risultò vano. Il passo d’uomo venne allargato solo quattro ore e mezza più tardi e ciò permise di scoprire i primi cadaveri (Il primo cadavere era in realtà un cavallo, trovato da Arsene Renders, ingegnere della società Foraky, che dichiarò che “era un brutto presagio”)[10]. D’altro lato fu anche verso le 9:30 che si decise di fermare la ventilazione.

Alle 10:00 Calicis decide di separare i due cavi del pozzo numero I. Questo permetterà di servirsi dell’ascensore rimasto bloccato in superficie. Questo lavoro lungo e delicato sarà finito poco prima di mezzogiorno.

Alle 12:00 3 uomini, Calicis, Galvan e un soccorritore, scendono fino a 170 m, ma un tappo di vapore impedisce loro di continuare.

Alle 13:15 Gonet, il caposquadra del piano 1035, lascia un messaggio su una trave di legno. «On recule pour la fumée vers 4 paumes. On est environ à 50. Il est 1h 1/4. Gonet» (“Indietreggiamo per il fumo verso 4 palmi[11]. Siamo a circa 50. È l’una e un quarto. Gonet”). Questo messaggio sarà ritrovato dai soccorritori il 23 agosto.

Verso le 14:00 si decide di rimettere la ventilazione in marcia.

Verso le 15:00 una spedizione scende attraverso il primo pozzo e scopre tre sopravvissuti. Gli ultimi tre furono scoperti più tardi, da un’altra spedizione.

Il 22 agosto, alle 3 di notte, dopo la risalita, uno di coloro che da due settimane tentavano il salvataggio dichiarò in italiano: «tutti cadaveri». Persero la vita 262 uomini, di cui 136 italiani e 95 belgi. Solo 13 minatori sopravvissero.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.