Codogne’- Torna a casa dopo quarant’anni a Roverbasso la Pala della Madonna Incoronata.

Testo e foto copyright pio dal cin 2022 – riproduzione anche parziale vietata senza in consenso dell’autore

CODOGNE’ Ha fatto ritorno a “casa” , dopo 40 anni la Pala di Maria Assunta Incoronata da Gesu, restaurata e riportata nella chiesa di Roverbasso, dedicata alla Madonna ,lunedi, 15 agosto ,l giorno in cui si festeggia l’Assunzione
La piccola chiesa , di antichissime origini, non e’ riuscita a contenere la folla di fedeli che non hanno voluto mancare alla Santa Messa officiata da don Lucio Marian , don Mauro Polesello, e don Mirco Miotto, quest’ultimo responsabile dell’ufficio di Arte Sacra direttore del Museo Diocesano che ha ospitato fino al suo completo restauro l’opera.

Gianni Pezzutto che ha seguito i lavori ha spiegato che “L’opera e’ stata restaurata presso il Museo Diocesano dove e’ stata portata nel 1980. L’architetto Sergio Pollesel ha seguito l’iter burocratico e alla fine la pala che rappresenta l’Incoronazione di Maria da parte di Gesu’ e’ stata inserita in una cornice di gesso creata su misura per contenerla” Don Mirco ha poi esordito:” Permettetemi di aprire il mio discorso in chiave sentimentale. Un po’ mi spiace vedere la pala andarsene dal Museo. Mi manchera’. Sono contento però che sia qui, nel suo luogo originale, perché sta veramente bene. Il compito del Museo Diocesano non e’ quello di trattenere le opere ,ma di conservarle per un certo periodo, ed e’ questo, sono certo e’ lo spirito che ha animato i suoi fondatori, il vescovo di Vittorio Veneto monsignor Giuseppe Zaffonato e don Rino Bechevolo. Il Museo ha poi continuato la sua opera con Albino Luciani a cui e’ stato dedicato portando il suo nome.


Non sappiamo a chi attribuire con certezza quest’opera . Sappiamo che e’ stata realizzata tra il 1600 e il 1700. Dalle informazioni che abbiamo potremmo azzardare che si tratti del pittore Cenedese Silvestro Arnosti (1560 – 1625), ma servirebbero studi piu’ accurati per stabilirlo con certezza. Presenti alla cerimonia e alla processione che si e’ snodata nelle vie principali di Roverbasso il sindaco Lisa Tommasella il consigliere regionale Roberto Bet e i maresciallo Marco Florio . Il sindaco ha sottolineato l’importanza che quest’opera ha per questa comunita’ e per la singolare chiesetta di Roverbasso: “E’ una chiesa particolare e unica, dove si entra passando sotto il campanile e dove l’abside e’ leggermente inclinata a ricordare la posizione della testa di Gesu’ in croce. Non possiamo che esprimere la nostra gratitudine per tutti coloro che hanno reso questo ritorno possibile” Lo stesso tono ha usato anche don Lucio Marian che ha ringraziato tutti i partecipanti e coloro che hanno contribuito ad una giornata storica e indimenticabile per la comunita’ di Codogne’ e in particolare per quella di Roverbasso.

i.(pio dal cin)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.