Disabili e impiego. Ora di cambiare (se vogliamo far funzionare il ministero per la disabilità)


Disabilità e inadempienze delle aziende nella Marca Trevigiana (e nel resto d’Italia purtroppo)

Avviso ai naviganti: Le foto e il contenuto di questo post sono “Copyright 2018” di pio dal cin. L’utilizzo anche parziale delle foto o dell’articolo senza la specifica autorizzazione dell’autore verrà perseguita a norma di legge.

Nel calvario della ricerca di un lavoro ci sono leggi che potrebbero aiutare le persone con disabilità ad essere assunte. Le aziende hanno l’obbligo di assumere un certo numero di disabili in base al numero di persone che impiegano.

STATISTICHE VERGOGNOSE

L’altro ieri sono entrato in possesso della lista delle aziende (in particolare del Coneglianese e della sinistra Piave) che sono inadempienti a tale legge.

Risulta così che aziende storiche e con grandi fatturati avrebbero posto per 26 disabili e poi si leggono altri nomi con 12 inadempienze e giù fino alle piccole ditte locali che “dovrebbero” assumere 4, 5, 6, disabili. La domanda che sorge spontanea è “Perché non lo fanno?”

La mia idea, come persona disabile, è chiara: “Dei disabili non gliene frega niente a nessuno tanto meno a coloro che sono chiamati ad ottemperare agli obblighi di legge”



                                         VENGANO APPLICATE LE LEGGI

Se una legge viene promulgata, dovrebbe venire applicata, altrimenti a cosa serve? E qui casca l’asino perché  coloro che dovrebbero assicurarsi che le leggi vengano applicate non lo fanno e siamo punto e a capo.

L’alternativa è quella di “imporsi” all’azienda, magari inviando un’ email alla ditta facendo loro notare l’alto numero di inadempienze, candidandosi. Cosa succederebbe? Magari, una volta messe con le spalle al muro le aziende accetterebbero di assumerti, ma poi come sarebbe il clima di lavoro una volta che ti assumessero come disabile in ottemperanza alla legge e non per loro SPONTANEA VOLONTA’? Credo che il clima sarebbe molto teso e triste e la cosa si risolverebbe in un flop totale.

ANCHE LE AZIENDE VENGANO FACILITATE NELLE ASSUNZIONI CON NORME PIU’                                                                            ELASTICHE

Oggi la paura delle aziende è forse quella di dover assumere un disabile per poi trovarsi sul “groppone” una persona che non sia utile all’azienda stessa e che venga “parcheggiato” come inutile costo per l’azienda stessa. Sembra brutto ma è così. SE CAMBIASSERO LE NORME che regolano l’assunzione, in modo che, l’azienda sia messa in grado di decidere dopo un periodo di sei mesi, un anno con un contratto a tempo DETERMINATO se prolungare e confermare il contratto stesso e trasformarlo in uno a tempo INDETERMINATO, ecco che avremmo dato la flessibilità che permetterebbe di trovare e assumere la persona (disabile) giusta. Potrebbero venire inoltre create delle “classificazioni” dei disabili in base alle loro conoscenze linguistiche o ad altre conoscenze specifiche che potrebbero essere d’aiuto all’azienda in fase di scelta del candidato ottimale. Tutto si potrebbe migliorare con un pizzico di buona volontà.



CAMBIARE IL MODO DI GESTIRE E LOCALIZZARLO IN SINTONIA CON IL                                                             MINISTERO PER LA DISABILITA’

Da queste riflessioni ne nasce un’altra più complessa ma anche più semplice. La gestione dell’assunzione delle persone con handicap dovrebbe essere gestita localmente e non a livello provinciale. I Comuni fatto un censimento delle persone disabili dovrebbero gestire un piano di assunzioni mirate in enti pubblici, biblioteche, amministrazioni comunali atti a venire incontro a coloro che hanno più bisogno di altri di un lavoro. Spesso la persona con difficoltà fisiche deve essere sostenuta dalla famiglia che deve affrontare spese, e deve organizzare le giornate in maniera  da poter assistere il loro caro tenendo conto di orari, spostamenti e logistiche varie.  Con il nuovo governo è stato istituito il ministero della disabilità. Speriamo che non rimanga solo uno dei tanti ministeri ma che venga utilizzato per arrivare caso per caso dove c’è n’è più bisogno. A questo potrebbero servire degli aiuti da parte dei Comuni con l’istituzione di assessorati “alla disabilità” che potrebbero fornire dati utili anche al ministero (se la volontà fosse di farlo funzionare veramente). Diamo la possibilità ai disabili di essere impiegati negli enti pubblici e nelle pubbliche amministrazioni, nei musei, negli uffici che oggi vengono gestiti da persone normo dotate, venga assunto un numero sempre più grande di disabili (perlomeno quelli previsti dalla legge, se non di più)

URGE METTERE LE PRIORITA’ IN PROSPETTIVA  PER AIUTARE GLI ITALIANI IN                                          DIFFICOLTA’ E NON SOLO I DISABILI

Chiedendo alla persona disabile se si sente tutelata o aiutata dalle istituzioni la risposta sarà probabilmente un’occhiata sarcastica o un sorrisino del tipo “Mi stai prendendo in giro?” .

Alla base di tutto rimane il totale menefreghismo per i problemi altrui. L’egoismo che non trova spazio per i più deboli. Ci sono molte priorità da considerare quando si aiutano le persone che hanno più bisogno. Direi che partire dagli italiani in difficoltà sia essenziale. Ci sono i disabili ma ci sono i pensionati e le persone che vivono sulla soglia della povertà. Le differenze si fanno sempre più grandi e così anche l’indifferenza. Non mi si venga a dire che mancano le risorse. I soldi ci sarebbero ma purtroppo vengono mal utilizzati o svaniscono nel nulla come nei giochi di prestigio. Quello che è successo a Genova per esempio non sarebbe dovuto succedere. Le autostrade costruite con i soldi degli italiani producono circa due miliardi e mezzo di utile all’anno alle società che le gestiscono che tuttavia investono poco o niente nella miglioria delle infrastrutture, ma questa purtroppo è un’altra storia. Un’altra storia italiana. Se vogliamo veramente cambiare le cose in questo bellissimo Paese lo sforzo deve essere mirato ad eliminare corruzione e corrotti. Una partita non facile ma che deve essere giocata a tutti i costi.

Chi ha inventato la Chiocciolina delle email?


Chi ha inventato la Chiocciolina delle email? I mercanti Veneziani naturalmente, però Fibonacci nel 1200…

Chi l’avrebbe mai detto? La chiocciolina che è diventata il simbolo delle email non è niente di nuovo e appare nella storia già nel ‘500 quando i mercanti veneziani lo usavano nelle loro contrattazioni come riportato da  Questo articolo della “Repubblica”

 La chiocciola, tracciata esattamente con quello stilema compare in alcuni scritti del ‘500. Sono scritti commerciali, lettere mercantili. E sono italiani. Veneziani, per essere precisi. Come, dalla fiorente economia della Serenissima, passando attraverso l’impero navale inglese e sfiorando il mondo arabo e la Spagna, la chiocciola sia sbarcata su Internet, è un viaggio che ha scoperto Giorgio Stabile, docente di Storia della scienza dell’Università “La Sapienza” di Roma.

  

Alla fine però forse è stato il “vecchio” FIBONACCI con la sua sequenza ad essere il primo a spiegare che in pratica tutto il nostro universo è formato da una sequenza di numeri che poi tradotta in disegno rappresenta una chiocciola presente in tutte le forme vitali, dalle conchiglie agli alberi, dai fiori al sistema solare. Era inevitabile allora che la “chiocciolina” dell’email assumesse questa forma e continuasse nel futuro un processo iniziato dalla notte dei tempi.

Suicidi e giornalismo Vergogna!


DEC
8

La vergogna del giornalismo Italiano- suicidi (di minori) in prima pagina- J’accuse (ancora e ancora e ancora)

Non so a chi spetti la decisione di sbattere in prima pagina una notizia come questa Si impicca a dodici anni nel +Gazzettino . Stiamo veramente andando tutti fuori di testa? Faccio appello all’ +Consiglio Nazionale Ordine Dei Giornalisti  affinchè questa “barbarie” finisca.

Lo avevo già scritto in Questo Post e continuerò a scriverlo.

Se non la smettete pubblicherò e manderò all +Consiglio Nazionale Ordine Dei Giornalisti  le foto di un adolescente che si è impiccato una trentina d’anni fa in provincia di Treviso (mi capitò di arrivare sul luogo prima dei Carabinieri) così vediamo se vi passa la voglia di pubblicare certe notizie dalle quali siete lontani anni luce.

Non si può scrivere una notizia così, con dovizia di dettagli (e conseguente rischio di emulazione) specie quando si tratta di un giovane adolescente. Basta con il giornalismo fatto di questi fatti “stupefacenti” al solo fine di vendere le copie che compreranno le “betoneghe” di quartiere. Diritto di cronaca?  E se fosse TUA figlia? TUO figlio? TUO nipote? il TUO migliore amico?

I media Anglosassoni da anni si rifiutano di riportare queste macabre notizie che altro non fanno che deprimere l’umore di chi legge e di chi ne è rimasto vittima diretta o indiretta.

J’accuse! Vergogna a tutti i giornalisti che si prestano a questa macabra roulette. E’ ora DI CAMBIARE STRADA.

Il giornalismo non è questo!

Tagliare un Cedro di 180 anni?Delitto Perfetto!


Significato e simbologia del Cedro

Il Cedro è il simbolo dell’immortalità e dell’eternità.E’ l’incarnazione della grandezza d’animo e di elevazione spirituale per l’altezza del suo fusto e dei suoi rami. Spesso le statue sacre sono scolpite in legno di Cedro. Il Cedro del Libano, in antichità, era molto diffuso nella Mediterraneo Orientale. Si ritiene, infatti, che il tempio di Gerusalemme, il palazzo di Salomone ed il Labirinto di Minosse, fossero sorretti da colonne di Cedro.

Abbattere un Cedro del Libano di 150 nel mio modo di pensare è un vero e proprio delitto. Siamo stati abituati fin da piccoli a vedere gli alberi nel modo sbagliato. Erroneamente li consideriamo dei “vegetali”. Io li considero alla stregua delle persone umane. Esagerato? Pensate ad un mondo senza alberi per un momento e capirete che la vita non sarebbe possibile ne per noi “umani” ne per tutti gli esseri che hanno bisogno di ossigeno per sopravvivere. I Nativi Americani mi hanno insegnato che gli alberi sono “persone ferme” e condivido appieno la loro filosofia a riguardo di un albero come questo che era sopravvissuto ai bombardamenti durante la guerra. Un monumento degno di onore e di rispetto cancellato dalla storia di Conegliano. Certo, il parere dell’ agronomo lo dava per “pericoloso”, ma non si poteva fare altrimenti? Questo mi chiedo e lo chiedo alla famiglia Zoppas che ha deciso per il taglio. Nel passato le querce erano tenute in considerazione come alberi sacri; tagliare un solo ramo era considerato un segno di sventura. Non vorrei essere nei panni di chi ha ordinato l’ abbattimento. A Villa Varda, Brugnera, appena si entra nel parco c’è un bellissimo Cedro del Libano. Era pericolante ed è stato salvato con un sostegno visibile ed efficace. Peccato. Adesso quello di Conegliano potremo solamente rimpiangerlo.

Il cedro centenario abbattuto in centro (foto +La tribuna di Treviso )

Dalla +La tribuna di Treviso  leggo ” Ha resistito alle bombe della Grande Guerra, non alla fredda relazione tecnica di un agronomo che lo scorso dicembre lo giudicava«vulnerabile e pericoloso», e per questo da abbattere. Il cedro di Villa Zoppas che faceva ombra alla Fontana del Nettuno, un“Cedrus Deodara” alto 23 metri e con un’età stimata di 150 anni, è stato abbattuto ieri su ordine dei proprietari, i fratelli Enrico, Gianfranco e Maria Teresa Zoppas, tra gli sguardi malinconici dei residenti. «Da storica e da coneglianese, questo è un giorno triste per la mia città» commenta Isabella Gianelloni, consigliere del Pd che nei mesi scorsi si era battuta per un censimento degli alberi storici di Conegliano. Secondo lei e altri cittadini, la vecchiaia del grande cedro andava gestita meglio, senza aspettare che la situazione fosse compromessa, e il suo abbattimento almeno annunciato alla popolazione.

«Il Comune non può dire di no alle esigenze dei privati, approvate dai tecnici e dalla Sovrintendenza» risponde l’assessore Leopoldino Miorin «mi rendo conto che Conegliano perde uno dei luoghi più amati e fotografati, un monumento vivente, ma che era arrivato al capolinea». Ieri mattina in viale Carducci, davanti alla Fontana del Nettuno, si è assistito a una sorta di funerale laico della vecchia pianta, con decine di cittadini con il naso all’insù ad assistere alle operazioni di taglio e a ricordare la storia del cedro. I coneglianesi avevano imparato ad amarlo dopo la Prima Guerra Mondiale: le foto testimoniano che dopo i bombardamenti del 1918 erano rimasti in piedi, in viale Carducci, solo lui e la Fontana dei Cavalli.
Negli ultimi anni la famiglia Zoppas, proprietaria del terreno, ha commissionato una serie di indagini sul cedro. L’ultima, datata dicembre 2015, riferiva di«fessurazioni nella parte apicale e all’altezza delle branche primarie», e terminava con la prescrizione di abbattimento: «Le verifiche effettuate evidenziano la potenziale pericolosità dell’esemplare arboreo dovuta alle anomalie strutturali e ai difetti riscontrati. Gli interventi previsti sono un contributo alla sicurezza delle persone e del fabbricato». «Tutto vero, ma si poteva, anzi si doveva pensarci prima, senza arrivare a questo punto» commenta Gianelloni «abbiamo chiesto, in una mozione, un’indagine sullo stato di salute dei grandi alberi coneglianesi, ma l’idea è stata bocciata. Servono analisi in modo da intervenire per tempo, e invece in questi anni non abbiamo mai visto stanziamenti di bilancio in questo senso, né per piantumare nuovi esemplari al posto di quelli abbattuti. Ci stiamo liberando dei giardini e ci teniamo i palazzi».

Il cantiere per l’abbattimento della pianta è iniziato ieri mattina, con tutte le complicazioni del caso per un “gigante” di 23 metri stretto fra palazzi e strade. L’assessore Miorin spiega perché non si poteva anticipare la notizia ai cittadini: «Non c’erano margini per una concertazione, il terreno è privato e il Comune non può opporsi. È stato fatto tutto quello che era necessario: un’indagine sulle condizioni biologiche e fitosanitarie dell’albero e sulla sua pericolosità. Conegliano perde un pezzetto della sua anima, spiace anche a me, ma la pianta non era più sicura».
Un anno fa subì la stessa sorte il pioppo del Cerletti.

Michelangelo’s David letter to Matteo Renzi


Letter of Michelangelo’s David to Renzi and Rouhani (Italian PM & President of Iran)

Dear Matteo Renzi (Italian PM).

I’m David. Michelangelo sculpted me as you can see me in this photo, completely naked, with my “pisello” dangling out. It has been over 500 years since that 1504 when the master of Italian sculpture decided that he wanted to do a statue of me. Here is how VASARI described the statue ““When all was finished, it cannot be denied that this work has carried off the palm from all other statues, modern or ancient, Greek or Latin; no other artwork is equal to it in any respect, with such just proportion, beauty and excellence did Michelagnolo finish it”.   (http://www.vocfm.co.za/italy-covers-museum-nudes-for-iranian-president/)

Like many other famous painting and  artistic masterpieces in Italy I am naked. 

Yesterday a major blow was given to all free people who believe in art as a form of expression of our human nature. You sold your soul and your ass to a chief of State (Rouhani president of Iran) who was visiting the Country of Michelangelo, leonardo, Botticelli, Giotto, Galileo, Tiziano, Caravaggio, Bernini and many many other Masters who spent their lives making this Country the most beautiful and the richest in Art that any other Country in the world.
By hiding two sculptures behind panels “so that the sensibility of your guest will not be offended” represents the most barbaric act that was perpetrated in our Country since the sack of the Lanzichenecchi (https://en.wikipedia.org/wiki/Sack_of_Rome_(1527)) in 1527.

How could you perform such an horrifying act and get away with it? Are you the beholder of  what is good or bad? Are you just a merchant ready to give his butt away because this guy has promised to spend a few Billion ou?  What are you mr Renzi? If your role is that to represent your people, well I do not recognize myself as “your people”.

What you did as a tremendous impact in every free mind and soul. I feel my heart bleeding because if Rouhani had come to Florence you’d probably covered me as well as if you were ashamed of me as if  I was a “child old a minor god”

When you’ll go to Iran in a few months, tell mr. Rouhani that what you did, in order to kiss is ass, will have an impact of the way Italians relate to muslims because every time a muslim come to visit us we tend on hiding our masterpieces. Artists and free mind are very concerned about your behaviour.

Something similar happened last october  in Florence (http://www.lonelyplanet.com/news/2015/10/08/nude-statue-in-florence-covered-to-avoid-offending-visiting-sheikh/).

Are you going nuts? What are you doing to BEAUTY? It is about the  sensibility of Italians, free Italians, those who did not vote for you and never will because if these are the directories that you are giving to your gang, you might as well get out of this Country because YOU DON’T BELONG here.


I’m finishing this letter by telling you that I would have never thought that something like this would ever happen. I am sad, really sad for what you did, and by joining virtually all the statues, paintings and artworks penalized by what you did, I raise my medium finger to you hoping that you may reconsider your actions and at least have the balls to come in public and excuse yourself for what you did, even if is not going to change a bit about the way I feel about you mr Renzi: You can KISS MY NAKED ASS.

Taxi Driver A Venetian in Miami


http://www.youcanprint.it/component/option,com_chronoconnectivity/Itemid,352/

My book finally is an ebook in English: Taxidriver A Venetian in Miami Is a true story11059775_992288257502532_9064099305045590608_n

This is a true story. The story of a country boy who wants to travel to know, to understand, to learn and confront himself with the world and its people. He lives his hometown of five thousand nested in the province of Treviso, in north eastern Italy on the day he turned twenty three, and flies to the USA , Florida, Miami. He wants to know the way of life, the trends, the curious habits of its people.

 

The initial enthusiasm clashes with the hard reality of the search for a job.

 

Six months in America and the tourist visa expires and our hero goes into hiding and that’s when the real story begins. Like a small eagle out of his nest for the first time, trying the thrill of flight. He must look out for the winds, the rocks, the predators.

 

I always believed in my dreams. The most wonderful adventure that can happen in a person’s life is to have a dream and see it happen. Life becomes a path designed to reach the goal. The choice of following your own dream comes with a price tag though. You must be willing to endure some sacrifices. It is like climbing a mountain one step at the time, without turning around to check on the road already travelled  but looking ahead to the road that lies ahead . Those who have hiked a mountain’s trail know that. It doesn’t pay to start the trail at a fast pace and having to stop ten minutes later to gasp for air. Many are the difficulties, as many are the satisfactions, the delusions and the successes .

The pleasure of climbing remains intact. The reward is the breathtaking view you’ll see upon reaching the top.

 

Photography and writing two equal and different ways of expressing your emotions and make them public so that everyone can benefit from them somehow.

 

The people, the street’s names, the places you will encounter in this humble book are all true. Nothing is invented, as reality often surpasses  the fantasy.

 

I did  so many jobs in my life that it would take a whole book just to describe them in full. Two were the jobs that helped me in realizing my dream : being a photojournalist  had me travel the world and getting to know it better, being a taxi driver has given me the opportunity to meet thousands of people and understand their emotions, dreams, fears, and  all the feelings that are part of human nature.

 

When people get in the taxi they feel they can open up as if they were  in a confessional or laying on  the “shrink’s” bed. They know that chances to meet again with that particular taxi driver are very slim. They know that by living and working on the streets you acquire a kind of “street wisdom” that is not taught in any school.

 

I had people crying, laughing telling me their stories in ten minutes, asking me for advice, cussing, smoking, using drugs, dressing, undressing, drinking passing out, counting money, trying to escape without paying or giving me huge tips, people trying to rob me and women who wanted to take me home. When I started my day as a taxi driver I always had the same attitude as if I was going to see a movie and the script  was unfolding right on the back seat of my Yellow Cab.

 

It was just a great feeling of freedom being able to pick the hours in which I wanted to work, the area where I wanted to work. Nobody was telling what to do, I was a young Italian working in a wonderful place, working hard  and having fun. What else could have I asked for?

 

 

You will find some of these stories , both about the photojournalist and the taxi driver that I tried to tell using simple words.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: