Facebook Gruppo – BASTA PATENTI A CHI HA GIA’ UCCISO- Appello ai politici-


Ciao a tutti. NOn ho ancora visto nessun uomo politico di spicco iscriversi a questo gruppo fatta eccezione per alcuni gruppi della Lega Nord, non ci sono politici di spicco che si sentano di entrare a far parte di un gruppo come questo che chiede solo che vengano addottate leggi un po’ abbastanza di più ancora, severe in modo che le strade possano un giorno essere più sicure. Un’utopia? Non credo, basterebbe l’impegno e la buona volontà, certro che di tempi come questi si da la priorità a cose più “importanti” come la ripresa economica,la disoccupazione ecc.. Ma se riuscissimo solo a salvare una vita applicando delle leggi giuste avremmo fatto solo il nostro dovere.E’ comprovato che l’unico deterrente ai pazzi della strada sono le sanzioni più forti e le leggi applicate con severità… cosa aspettiamo allora che ci siano dieci, venti, trenta morti al giorno. Ad onor del vero bisogna dire che qualcosa è stato fatto, ma è ancora troppo poco. Chi si mette al volante convinto di essere un dio in terra dev’essere messo in condizione di non nuocere più e deve andare a piedi, specialmente se ha già ucciso. Immaginatevi il dolore di una famiglia, degli amici, dei conoscenti di una persona uccisa sulla strada da un deficiente che usa la macchina come una pistola carica puntata a casaccio…. Faccio quindi un appello a tutti gli iscritti al gruppo: Se conoscete qualche politico, invitatelo ad iscriversi al nostro gruppo http://www.facebook.com/home.php?#!/group.php?gid=112011118847994e a partecipare attivamente al cambiamento delle regole e delle leggi che dovrebbero tutelare la nostra vita e quella dei nostri cari. Pio

Zent de strada- Marcellino Gloria- El pi bel “Barbon” che ò mai conossù


De tute le foto che ò vu la fortuna de scatar, quele che me à dat pi sodisfazion no le è certo stade quele dei atori cantanti omeni o femene famosi, capi de stato o papi, ma la Zent che se trova in strada.

A New York, Miami, Conejan, Betlemme, Praga, Codognè, Berlino, Zagabria, Santa Fe' Los Angeles, o a Zimeta me à sempre attirà le facce e i visi segnadi della Zent de strada…. Visi che te conta na storia solche a vardarli….

Al pì dele volte i è "barboni" (li ciamen cussì, ma a volte i veri barboni sen noialtri) che i à sti oci che te varda e i voria contarte la so vita, ma sembra che no sie massa bastanza temp par scoltalrli.

Al pi bel de tuti i volti de strada che ò fotografà, le statt Marcellino, Marcellino Gloria; eccolo qua' fotografà pena fora de la stazion dei treni a  Venezia.F1000081

Quando che ò comincià a far al reporter, andee ogni dì a Venezia in te un studio fotografico vizin a Piazza San Marco (fotoattualità). L'era un studio che el fea le foto par al gazetin, e mi me interessea imparar le varie tecniche de sviluppo e stampa e "taglio giornalistico" de le foto.

Ho ciapà al treno tutti i dì, par un anno.  Marcellino l'era sempre là, in tea prima panchina a sinistra, vegnendo zo' da le scale dea stazion.

Nol domandea mai ne schei ne altro, ma se vedea chel vea bisogno de tutt…

Un dì.. me son fermà e ghe ò domandà se ghe servia qualcossa, lu al me à dita che l'era a posto e dopo qualche minuto al à tacà a contarme la so storia….

No la divide quà, parchè, anca se Marcellino adess l'è in Paradiso, me despiasaria metter la so storia in pubblico.. Quel che importa l'è che lu, nonostante la dificoltà de viver su na strada, l'à sempre conservà na dignità che se ghe la leze sui oci…F1000080  

Dovunque tu sia in questo momento Marcellino Gloria…. Un saluto ed un abbraccio.

Un po’ de saggezza dei Indiani d’America



This we know: All things are connected

like the blood that unites us.

We did not weave the web of life,

We are merely a strand in it.

Whatever we do to the web, we do to ourselves.

-Chief Seattle

Traduzione:

Questo sappiamo. Tutte le cose sono connesse

Come il sangue che ci unisce.

Non abbiamo tessuto la tela della vita.

Ne siamo appena un filo.

Qualsiasi cosa facciamo alla tela

Lo facciamo a noi stessi.

(Capo Indiano Seattle)

La filosofia e la Spiritualità dei Indiani (Americani), lè tutta che la se svolge attorno a stò semplice concetto: Sen tutti connessi l'un co quel altro.

No se pol pensar che na roba che succede in Australia o a New York…In Africa o a  Berlino, no ne interesse parchè l'è lontan…

Al mondo l'è come un balon…. se mi ghe dae un calcio da na parte, anca tutta que l'altra la sentirà al colpo.

Questo l'è probabilmente un dei errori che fen pi spess al di' de incuò: Pensar de esser desligadi da tutt quel che succede.

F1000023  Appena fuori Betlemme – Bambini- Natale 1991-

Il Prode Mario Prode Collezionista D.O.C. di dischi dal 1969


Marioprode 027 Se un personaggio verace l'è restà a Codognè questo l'è Mario Carnelos detto Mario Prode.

Chi elo che nol conosse sto ragazzon co la barba e coi cavei longhi che l'à sempre el sorriso stampà in faccia  e che l'è famoso sopratut par na roba: I SO DISCHI.

Mario l'à incomincià a  far la collezion de dischi in tel 1969 e no l'à pi smess.

Te pol andar a domandarghe qualsiasi titolo,qualsiasi autor, italian o straniero che lu, te pol star sicuro  el te lo trova fora…in tute le verision posibili imaginabili… vinile, cd, assetta  eccetera.

Ogni so sforzo in tel tempo libero lo à concentrà a far na raccolta de dischi che scommetto che saria

fadiga trovarghene naltra compagna in tutta italia.Tanti ani fa ghe vessi fat anca un articol sul gazetin…. Me ricorde che andando a farghe le foto a casa sua, al vea dischi in cusina, in camera, soto el let e anca in bagno, parchè dove che el vive no l'à tant posto da meter tutti i so dischi.

Al de là de la collezion Mario l'è veramente na persona disponibile, mi al conosse da quaranta passa anie deve dir che lè veramente difizil trovar na persona cussì solare e disponibile al di de incuò.

Ieri son passà par casa soa e l'ho vist la sentà che el magnea "pomi de San Piero" sentà in tel scalin

davanti casa. Me son fermà e ghe ò domandà se podee farghe do foto e lu naturalmente al me à dita de si….

"posse meterte sul me blog Mario? "  Ghe ò domandà… "Ah meteme pur …nessun problema".

Alora ghe ò dita che stasera l'avaria mess in tel blog in dialetto, e ecome quà a mantegner la

promessa. De sti temp bisogna star atenti a tut… a quel che se scrive e a quel che se fa.. L'è sempre qualcun

massa sensibile, anca se te parla ben de lori, no i à caro che te fae massa publicità.

Questo comunque no l'è el caso del "PRODE MARIO" che colgo l'occasion par mandarghe un abbraccio

affetuoso e dirghe GRAZIE par la so disponibilità e la so originalità de Personaggio Caratteristico

 de CodognèMarioprode 028

Marioprode 032  Marioprode 035

Le Suore de clausura de San Giacomo (Omaggio a dele Grandi Persone ..)


F1000179 F1000180 Circa venti anni fa, quando che lavoree come reporter, Don Giovanni Dan allora direttor de l'Azione de Vittorio Veneto al me à domandà se volee andar a farghe qualche foto alle suore de clausura de San Giacomo.

Naturalmente ghe ò dita de si ( a chei tempi no disee mai de no se l'era calcossa de novo da veder o da fotografar).

Ho dovù farme far l'autorizazion da l'allora Vescovo de Vitorio Mos. Ravignani e dopo son andà dentro al convento.

El posto al me à piasest suito. L'era na pace, un silenzio, un bel verde. La parea l'anticamera del Paradiso, se stea proprio ben.

Col permesso dea Madre Badessa , dopo verme presentà, ho fatt tante foto e Don Giovanni al me le à publicade suito.

Da chea volta no le ho mai fatte veder pi a nessun… Prima par un senso de rispetto che ghe dovee a queste Sante Persone che l'è le suore de clausura. Ho sempre ammirà come che le posse dedicarse tutta na vita a pregar stando dentro in tel stesso posto, veramente GRANDI PERSONE.

Secondo parchè no volee dar in "pasto" ai giornai dele foto che varia in qualche maniera esposto la fragilità e la sensibilità de le suore.

Adess che ho fatt al blog in Veneto ò pensà de farghe  un omaggio a ste Grandi Persone e vist che l'è passà tanti tanti ani, son sicuro de no farghe un dispiazer o de offender nessuna de le sorelle che era presenti quea lontana primavera che ò vù la fortuna de fotografarle.

Le pubbliche in punta dei piè…con grande …immenso senso de rispetto.El vialet del cortivo interno

Son veramente restà sorpreso quando che ò vist che le vea la so staleta co do tre vache e che una dele suore l'era la col forcon che la metea a posto el stran…F1000183

F1000177E le lavea la so roba come na volta le nostre none le lavea in tel lavador…F1000171  Dopo le e andate tutte a pregar in tel coro, e l'era anca do novizie….che ancora no le vea ciapà i voti..F1000190