Luca Zaia, Grande Luca. Al Veneto al te ringrazia. (In diaetto Veneto.)


Stasera vui scriver de Luca. Pi che scriver vorie ringraziarlo par quel che l’ha fatt pari Veneti e pal VENETO. Ormai a mezodì e mezo se ferma anca i Jevri in tei camp par scoltar quel che l’hà da dirne, SE no me sbaglie dovarissi essere vizini ai 80 dì de FILA, ogni di a sciorinar numeri, a dirne de PORTAR LA MASCHERINA, a star lontani e no GASARSE MASSA parché anca se ven scomenzà a moverse la “PARTIDA” (come che la ciama lu, no l’è finida. Sto semo de virus a l’è come na RUMOLA. TE sa che l’è là sotto ma te lo vede. Ogni tant però fioi, bisogna ricordarse de dirghe GRAZIE a sto FIOL. LUCA l’à dimostyrà de esser un vero comandante, sia in tel ben che in tel mal. Prima al ne à portà a casa le OLIMPIADI a CORTINA, i CAMPIONATI DEL MONDO, LE COLLINE PATRIMONIO DELL?UNESCO. Tra na ROBA (varda che in Italian se disaria “COSA”) e quelaltra al ne à parà al cul da DO ALUVION e da VAIA. ADESS col VIRUS i varda tutti cossa che l’à fatt al VENETO e i COPIA al MODEL. HAVARD, FINANCIAL TIMES, NEW YORK TIMES, se disè LUCA ZAIA I LO CONOSSE DAPARTUTT.

LUCA al podaria aspirar a qualsiasi carica istituzional del PAESE. Daprimo ministro a presidente. MA meteveo ben in testa: LU AL VOL STAR QUA, in mezo ala so zent, in tea so tera parchè LUCA l’è nassest a CONEJAN e l’à le radise fonde come quee de na QUERCIA. Adess al se à mess in testa de portar a casa l’AUTONOMIA.

MI son stuf de sentirme dir daa zent:” Ah,,,no i ne la dà no i ne la dà, massa schei ghe manden zo a ROMA, no i ASSA andar la VACCA fin che i POL MONDERLA” Basta ragionar CUSSI’, bisogna che ghe credene a sta AUTONOMIA… ma cossa ela po? VEO VIST come che al se à comportà LUCA in te sti do mesi de emergenza? L’à scoltà le diretive del GOVERNO ma l’à savu anca andar contro corrente e far dele ordinanze (col supporto scientifico dei MEJO DOTTORI CHE VEN QUA IN VENETO) che ne à permess do robe: LIMITAR AL NUMERO DEI MORTI, anca se i reesta tanti la podea andar veramente pezo, e de goder de un po de pi LIBERTA’ DECISIONAL quando che le robe le à comincià a andar mejo

Questa saria la vera AUTONOMIA. Al Governo al te da dee direttive e ti te decide in base a dove che te vive e te opera che norme e che leggi applicar. PUNTO. Eo tan diffizile? Varda che fea cussì anca i ROMANI quando che al so territorio l’era deventà massa grando. LA PALESTINA dove che i à copà al SIGNOR l’era governada da PILATO. SE in VAL D’AOSTA VIEN DO METRI DE NEVE, no te podarà mai ver le stesse leggi che te à in BASILICATA o in TOSCANA. Ogni region kl’à da decider par la so terra, par i so costumi, i so piatt, i so vin, le so tradizion. NO pol saver al GOVERNO CENTRAL de ROMA, fatt par la maggior parte de BUROCRATI cossa che sia bon par la LIGURIA o la PUGLIA. Savarà mejo chi che vive e lìè cressest là, come so pare, so nono e so bisnono,

Adess basta, no vui tirarla massa longa se no al BRODO SE SLONGA MASSA. Vui solche dirghe a LUCA: Grazie LUCA te si stat veramente all’altezza de un momento cussì difficile e strano, e no l’è facile tegner cont de tutt e de tutti. Ma al VENETO al riesce sempre a tirar fora al mejo quando che le robe le va pezo. Ringrazien al PADRETERNO che al te à mandà proprio quà, in te sta Tera de tante robe bele, de zent che à voja de far ben e no de ciacole.

Buon Viaggio amica Graziana


Graziana Papes, Lasci un grande vuoto nel cuore di chi hai toccato con il tuo Cuore.

in data dicembre 01, 2018

 

Cara Graziana,

Ho appena saputo che il tuo percorso nella strada della vita si è interrotto oggi. Ti scrivo con il cuore gonfio di tristezza per il vuoto che solo ora comincio a percepire, assieme a tutti quelli che hanno avuto il privilegio e la fortuna di incontrarti e di conoscerti veramente per quello che sei.

Nella mia vita ho conosciuto tante persone, gente di strada, gente comune, gente famosa, politici, attori, registi, papi, ma tu  sei unica, sarai sempre unica. Non e’ sempre scontato che le persone che incontriamo siano speciali. Molti di noi preferiscono una vita tranquilla, fatta di quella routine che serve a garantire a noi e alle nostre famiglie una vita tranquilla e per quanto possibile serena.

Tu Graziana appartieni ad un altra specie. Una donna che ha sempre voluto mettersi in gioco, confrontarsi con le sfide della vita che tu hai sempre affrontato con grande determinazione e coraggio. Hai saputo coniugare la grande saggezza che i tuoi genitori, di umili ma forti origini Venete, hanno saputo trasmettere a te e a tuo fratello Vincenzo, a tua sorella Maria Teresa, e Diana che oggi, assieme alla tua amata Roberta piangono la tua scomparsa. 

La morte unisce tutti gli esseri umani nello stesso destino ma quando ci tocca da vicino , negli affetti, nelle amicizie, ci svuota improvvisamente del nostro orgoglio, ci fa capire tutta la fragilità che spesso dimentichiamo di avere.  

Ho avuto la fortuna di incontrarti nella mia vita, per caso, grazie al fatto che volevi leggere il libro che avevo scritto sulla mia esperienza come tassista  a Miami. Ci siamo incontrati in piazza Cima a Conegliano. Pur condividendo l’origine dello stesso paese, Codognè, non ci eravamo mai incontrati prima, ma quando ci siamo stretti la mano ricordo che mi dicesti “Io ti conosco, siamo paesani..” E’ cominciato così il nostro rapporto di amicizia che è durato fino ad oggi e che continuerà a durare perché non ci sei più fisicamente, non potremo più fare delle belle chiacchierate, ma nel mio cuore ci sarà sempre un posto speciale, dedicato alle persone che mi sono state veramente care e mi hanno aiutato nel mio percorso di fotografo e di scrittore. Ti ringrazio per aver sostenuto  il progetto del mio ultimo libro dedicato al Veneto. In un post che avevi scritto ultimamente mi ricordavi con orgoglio di essere stata inserita nel libro, ed io sono veramente felice di averti potuto intervistare, di sentire dalla tua voce il racconto della storia di una donna che non ho esitato a definire “La Leonessa del Veneto”. Per me sei e resterai una Leonessa, colei che sa prendersi cura amorevole delle persone che ama e allo stesso tempo sa come combattere nella “savana” della vita, spesso fatta di insidie e tranelli. Hai combattuto bene le tue battaglie Graziana. Sono veramente fiero di averti potuto annoverare tra le persone più care. Mi mancherai, anche se ti porto per sempre nel mio cuore come una grande, cara amica.