L’amore e la passione di un piccolo sogno diventato una grande realtà. Il CJF 2019 si presenta al grande pubblico


Non tutti possiamo fare grandi cose, ma possiamo fare piccole cose con grande amore.
(Madre Teresa)
Forse questa frase semplice di Madre Teresa sintetizza in due righe il lavoro di nove anni. Un festival, un concertone, una kermesse che si aspetta di attirare quindicimila, forse ventimila persone durante la tre giorni prevista per i tre giorni di luglio 18 19 20 a Codognè. E’ l’edizione 2019 del CJF acronimo di CIMETTA JAMMING FESTIVAL. Una festa nata quasi per caso come un modo per stare insieme, nella frazione di Cimetta di Codognè, paese di cinquemilatrecento abitanti. Alex Perin è alla sua prima conferenza stampa a Ca Del Poggio, dove il mitico ALBERTO ha deciso di ospitare questo straordinario giovane che assieme a un drappello di cento volontari è riuscito a trasformare una festicciola di piazza tenuta insieme “con lo scotch” in una kermesse che attira i giovani da tutte le regioni limitrofe a dove si svolge a Codognè. Alex parla con un linguaggio semplice, non avvezzo alle conferenze stampa, si dimentica i nomi di alcuni sponsor, guarda Jessica Masini che lo aiuta quando non ricorda. E’ questo il bello di Alex, l’anima del CJF, una semplicità disarmante che riesce a mettere insieme passo dopo passo, tassello dopo tassello, anno dopo anno, una manifestazione a definire poco “SPAZIALE”. I nomi dei gruppi partecipanti non dicono molto forse alle vecchie generazioni più abituate ai Beatles o ai Rolling Stones ma sono sicuramente un’attrattiva per i giovani, come fiori profumati per le api, le api che il comune di Codognè e la nuova amministrazione si stanno impegnando, assieme a molti altri comuni della marca trevigiana a riportare nei nostri campi, nelle nostre siepi.

Quello che Alex trasmette ai giornalisti presenti è veramente un senso di pace che di solito non è congruo alle conferenze stampa. L’ingrediente principale, il motore che ha reso tutto questo possibile è la PASSIONE e se ce ne fosse bisogno basterebbe ricordare che le cose fatte così sono quelle meglio riuscite. “Nessuno di noi si mette un euro in tasca” Precisa Jessica e continua : ” Questo è un festival fatto e voluto per le famiglie, per la gente, per i giovani ed è opera di centinaia di volontari che ci hanno creduto fin dal primo giorno.” L’anno scorso la pioggia ha rovinato la serata clou del sabato, impedendo al gruppo di maggior richiamo di tutto il festival di esibirsi. “Eravamo tutti dietro le quinte, tutti, nessuno escluso, a iniziare da Alex e la sottoscritta a piangere. L’impegno di un anno che vedevamo sfumare a causa del temporale è stato emotivamente un colpo troppo forte.” Per alcune settimane gli organizzatori hanno pensato di finire, di lasciar perdere, di “ecchicelofafare”, poi è prevalso l’orgoglio che distingue da sempre i Veneti; di fronte alle difficoltà ci si rialza e si va avanti, pancia a terra. Alex ha saputo trasmettere a tutti il messaggio e quest’anno il CONCERTONE sarà un successo ancora più grande perchè anche da lassù si sono accorti che non serve accanirsi con lampi e tuoni, con pioggia e grandine contro chi le cose le fa con un cuore grande, motivato non da facili guadagni ma dalla cosa più bella che una persona può esprimere; un SOGNO, una PASSIONE.

Na picola frazion..co un cuor grando come na Montagna


   Recita 059  Parlando co na amiga al telefono stasera,  ghe ho dita che in te la me vita ghe no vist de tuti i colori: storie bele,brute,alte e basse, come in tele montagne russe dea vita.

Me ritegne un che no se emoziona fazilmente, no parchè mi sia mejo de qualcun altro, solche che co te ghe na vist de tuti i colori te fa pi fadiga, bisogna che sie calcossa de novo o de talmente grando….

Epure….epure quando che o vist i boce de l'asilo de Zimeta far la recita stasera, giuro che ere content de ver la telecamera che me scondea i oci parchè me son veramente emozionà.

Co le so canzon, le so poesie, i so vestitin fati far aposta dale maestre, i à fatt veramente un figuron!!

L' Asilo co la "A" maiuscola che nonostante le dificoltà passade e presenti al riesse ogni ano a sfornar emozion e robe nove, e al merito al ghe va sopratut a chi che ghe à credest de pi : LA ZENT DE ZIMETA.

Partendo da chea Santa Persona de Don Angelo (de nome e de fato). Un vero  Pastor che co la so semplicità e la so maniera docile e tranquilla l'à conquistà tuti, ma proprio tuti. Lo so che no ghe piase che se scrive de lu, ma l'è massa bravo a tegner insieme tuta la comunità e mi no posse far de manco de portarghe un immenso rispeto e amirazion par quel che l'à fatt e che el continua a far ogni dì par i so parochiani.

Dopo l'è tuta na miriade de ZENT che ghe vorià un mese par menzionarli tuti. Mame,maestre papà, zie, none,noni,veci zoveni, manco zoveni. Un esercito de volontari in prima linea par afrontar qualsiasi problema insieme, come una comunità  ligada e solidale, cole so diferenze ma sempre unida par al ben comune.

El Spirito che ò trovà a Zimeta no lo ò trovà da nessuna altra parte. Al par che el temp al se sia fermà e che le robe le vae avanti cusì da secoli e che le continuerà a andar avanti par sempre co la stessa serenità e voia de far le robe insieme.

Qualche ano fa ò mandà me fia all'asilo e lo so quant ben che i ghe à insegnà  tute le robe che ghe servia par afrontar la sfida dea scuola e dea vita.

Ho vu el modo de conosser zent che vee vist solche na volta ogni tant, e co zerti ò fatt anca amicizia.

Quel che me à sempre colpì però l'e statt sempre el Spirito de aggregazion e de voia de iutarse l'un co l'altro attorno a un bravo capelan e sote al stesso campanil.

Se scrive questo, scuseme, ma lo scrive solche parchè Zimeta la me à veramente lassà un segno positivo in te sti ani che l'ò frequentada.

Col dovu' rispeto de chi che no l'è degno de entrar in tea casa de un altro son veramente contento de averve conossù e ò vossù scriver ste do righe par esprimer al me sentimento forte, che l'è stat rinovà stasera quando che drio la me telecamera, filmando un grupo de asilotti me son sentì veramente commosso e fiero de esser in mezo a sta ZENT cussì brava e co un cuor grando come na montagna himalaiana (pio dal cin)Recita 003