Luca Zaia, Grande Luca. Al Veneto al te ringrazia. (In diaetto Veneto.)


Stasera vui scriver de Luca. Pi che scriver vorie ringraziarlo par quel che l’ha fatt pari Veneti e pal VENETO. Ormai a mezodì e mezo se ferma anca i Jevri in tei camp par scoltar quel che l’hà da dirne, SE no me sbaglie dovarissi essere vizini ai 80 dì de FILA, ogni di a sciorinar numeri, a dirne de PORTAR LA MASCHERINA, a star lontani e no GASARSE MASSA parché anca se ven scomenzà a moverse la “PARTIDA” (come che la ciama lu, no l’è finida. Sto semo de virus a l’è come na RUMOLA. TE sa che l’è là sotto ma te lo vede. Ogni tant però fioi, bisogna ricordarse de dirghe GRAZIE a sto FIOL. LUCA l’à dimostyrà de esser un vero comandante, sia in tel ben che in tel mal. Prima al ne à portà a casa le OLIMPIADI a CORTINA, i CAMPIONATI DEL MONDO, LE COLLINE PATRIMONIO DELL?UNESCO. Tra na ROBA (varda che in Italian se disaria “COSA”) e quelaltra al ne à parà al cul da DO ALUVION e da VAIA. ADESS col VIRUS i varda tutti cossa che l’à fatt al VENETO e i COPIA al MODEL. HAVARD, FINANCIAL TIMES, NEW YORK TIMES, se disè LUCA ZAIA I LO CONOSSE DAPARTUTT.

LUCA al podaria aspirar a qualsiasi carica istituzional del PAESE. Daprimo ministro a presidente. MA meteveo ben in testa: LU AL VOL STAR QUA, in mezo ala so zent, in tea so tera parchè LUCA l’è nassest a CONEJAN e l’à le radise fonde come quee de na QUERCIA. Adess al se à mess in testa de portar a casa l’AUTONOMIA.

MI son stuf de sentirme dir daa zent:” Ah,,,no i ne la dà no i ne la dà, massa schei ghe manden zo a ROMA, no i ASSA andar la VACCA fin che i POL MONDERLA” Basta ragionar CUSSI’, bisogna che ghe credene a sta AUTONOMIA… ma cossa ela po? VEO VIST come che al se à comportà LUCA in te sti do mesi de emergenza? L’à scoltà le diretive del GOVERNO ma l’à savu anca andar contro corrente e far dele ordinanze (col supporto scientifico dei MEJO DOTTORI CHE VEN QUA IN VENETO) che ne à permess do robe: LIMITAR AL NUMERO DEI MORTI, anca se i reesta tanti la podea andar veramente pezo, e de goder de un po de pi LIBERTA’ DECISIONAL quando che le robe le à comincià a andar mejo

Questa saria la vera AUTONOMIA. Al Governo al te da dee direttive e ti te decide in base a dove che te vive e te opera che norme e che leggi applicar. PUNTO. Eo tan diffizile? Varda che fea cussì anca i ROMANI quando che al so territorio l’era deventà massa grando. LA PALESTINA dove che i à copà al SIGNOR l’era governada da PILATO. SE in VAL D’AOSTA VIEN DO METRI DE NEVE, no te podarà mai ver le stesse leggi che te à in BASILICATA o in TOSCANA. Ogni region kl’à da decider par la so terra, par i so costumi, i so piatt, i so vin, le so tradizion. NO pol saver al GOVERNO CENTRAL de ROMA, fatt par la maggior parte de BUROCRATI cossa che sia bon par la LIGURIA o la PUGLIA. Savarà mejo chi che vive e lìè cressest là, come so pare, so nono e so bisnono,

Adess basta, no vui tirarla massa longa se no al BRODO SE SLONGA MASSA. Vui solche dirghe a LUCA: Grazie LUCA te si stat veramente all’altezza de un momento cussì difficile e strano, e no l’è facile tegner cont de tutt e de tutti. Ma al VENETO al riesce sempre a tirar fora al mejo quando che le robe le va pezo. Ringrazien al PADRETERNO che al te à mandà proprio quà, in te sta Tera de tante robe bele, de zent che à voja de far ben e no de ciacole.

Colline dell’UNESCO- “Su par le rive” piccola storia in dialetto Veneto


Pendenze Pazzesche da lavorare a mano giorno dopo giorno

Su Par le Rive

Incuò son ‘ndatt su pae Coline. Dovee scriver un articolo pal GAZETIN . Vee da sentir do o tre contadini. Quei de na volta. Quei coe man piene de cai, quei che intorno ala panza i à na corda ligada, co l’è ora dee vendeme. Ma no par tegner su le braghe, par ‘ndar su sue RIVE a vendemar. Parchè, dovè saver, su sue Coline, al Prosecco l’è pi bon. I lo ciama DOCG e al costa de pi de quel che troven in tel supermercato a Conejan o a Vitorio.

No ste dirme che curar le vide quassù l’è la stessa roba che in pianura

Ben…posse dirve na roba? Par mi al dovaria costar vinti volte de pi. Si cari, vinti volte de pi..e saveo parchè? Provè a vegner su, quando che “Conte coe braghe onte” al ne assarà moverse in libertà. Vegnè a veder dove che sta zent l’à da lavorar par far vegner bona la ua che dopo la deventarà BOLLICINE

Deghe na ociada a sta foto quà de sora… Vardè ben. Mi quà no ‘ndaria gnanca a far na escursion de montagna. Inveze la zent la va dentro e foram su e zo e su e zo par tajar l’erba, par zarpir, par sbambolar, par pompar (a man col zaino drio la schena) e dopo ala fine par vendemar.

Adess lori ( i picoi agricoltori) i è inrabiadi e la razon de la so rabia l’è na proposta che l’è drio girar ma lori si spera che no la vae avanti: I vol tajarghe al 40% dea produzion e lori no i ghe sta.. no i vol saverghen parchè dentro de lori i pensa: “Me pare, me nono, me bisnono, i se à fatt un cul cussì par tirar su ste vide in te sti posti impervi e difizii da coltivar. Sen riuscidi a tegner duro coe guere, aluvion, sicità tempeste varie e teremoti. Grazie a Dio sen riusidi a far deventar al PROSECCO un vin che i vol tuti, dal Sudafrica all’Alaska. Inveze de dirne che sen bravi cossa fai? I vol tajarne la produzion. Ma ve sembrelo normal? E proprio sto ano che l’à statt ( e l’è ancora) al Virus? NO no, no va ben cussì. Tajenghe al 40% a quei che i vendemea zo in pianura sentadi in tei tratori magari co l’aria fresca e le cufie sue recie par scoltar musica. Vardè che noialtri quassù, par lavorar un etaro de vigneto ne vol 600 ore. Zo in pianura ghen basta 100. L’à da esserghe na differenza no? Dai. Chi volene cior pai zebedei?. NE vien voja de molar tutt. Quando che l’à da far bea figura i mete le foto dee rive storiche, e dopo i ne taja la produzion a noialtri? Varda, saria da inrabiarse, ma no cambia gnent” Questo cari letori l’è al sentimento che ò colto stamatina su pae coline del Unesco. A voialtri le conclusion. Chissà chi che à rason. Doman l’è marti.Se volè lezer la storia in Italian lezè al GAZETIN de Treviso (riproduzione riservata- testo e foto copyright- pio dal cin)

Alpini Raduno 2014. “Angeli co na penna sola, operai del Padreterno” Poesia in dialetto Veneto


 

Alpini Raduno 2014 “Angeli co na penna sola- Operai del Padreterno” una poesia in dialetto Veneto

(by pio dal cin)  Dedicato a tutti gli Alpini che tanto hanno fatto e continuano a fare con grande solidarietà, senza cercare compensi o gratificazioni, stipendi e pensioni d’oro, ma solamente per aiutare i più deboli, coloro che hanno bisogno e chiunque chieda un aiuto concreto (meditate politici corrotti, meditate).



“In dialetto Veneto” Poesia scritta da pio dal cin (tutti i diritti riservati. la riproduzione anche parziale senza l’esplicito consenso dell’autore è proibita)

Aveo mai pensà che bruta che saria l’Italia se no ghe fosse quei Angeli che se trova solche quà in Italia
e da nessuna altra parte del mondo?. 

Angeli sempre pronti a dir de si a chiunque sie in dificoltà,
vizin o lontan in Italia come all’estero,
che no i è boni de dirghe de no a nissun,
e in silenzio, composti e in
ordine i riesce a portar al sorriso in tel viso de chi che sofre
o a render una zornada bruta in te una
bela co la so allegria.

Proprio  lori si,  i NOSTRI CARI ALPINI.http://users.libero.it/gfuria/pontenizza/alpini_storia01.htm . 

Son sicuro che un dì, el Padreterno al se à svejà e l’à vardà al mondo accorzendose che in effetti si, al
vea mandà zo tanti Angeli par aiutar la zent in dificoltà,
ma che par varie rason, (vacanza, malatia o
pension)
tanti Angeli no i era pì disponibili e po, la popolazion l’era cressuda e l’era bisogno de
“assumerghen” de novi. 

Allora ga à vegnest proprio na bela idea…
Inveze de mandar zo i soliti Angeli

co le ale, l’à pensà de farghe far al lavoro ai ALPINI,
 http://www.ana.it/  
e par farghe capir ala zent
che i era si Omeni,
ma col cuor grando come quel de un ANGELO, al ghe à assà na PENNA SUL CAPPEL 
cussì che la zent la sepie riconoserli a prima vista sti novi “OPERAI DEL PADRETERNO”.

E se come che dise el Vangelo “Dai frutti riconoscerete l’Albero…” Allora poden veramente dir:
“Signor te ringrazien par questi Meravigliosi, Instancabili, Generosi, Inimitabili ALBERI che sono
I NOSTRI ALPINI” (copyright ° pio dal cin -riproduzione vietata, anche parzialmente-autorizzazione a pubblicare chiedere via email: piodalcin@gmail.com 

Enhanced by Zemanta