Alpini a Codogné. Comincia stasera la festa di tre giorni per i 25 anni dalla fondazione


OCT
23

Alpini a Codogné. Comincia stasera la festa di tre giorni

Codognè si veste di tricolore.Le strade, i negozi, i ristoranti, i bar, le pizzerie. Non c’è casa lungo la strada dove domenica sfileranno le PENNE NERE che non abbia esposto una bandiera, una coccarda, dei cimeli di guerra. Il paese si prepara così alla festa per celebrare i VENTICINQUE anni dalla fondazione del GRUPPO ALPINI DI CODOGNE‘ che trasformerà il paese della provincia di Treviso nei prossimi tre giorni nella CITTA’ DEGLI ALPINI.

Il gonfalone di Codognè a Conegliano portato da Angelo Tonon con il sindaco Roberto Bet

Per quelli che non hanno mai assistito alla pacifica invasione degli Alpini in una città sarà sicuramente una lieta sorpresa. Quando arrivano le penne nere arriva la serenità e la gioia di ospitare questi “Angeli con una penna sola” che tanto hanno dato nel corso dei decenni all’Italia e al mondo. Da sempre sono loro i primi ad accorrere quando c’è bisogno. Sia per una calamità naturale che per costruire il tetto di un asilo, riparare,mettere a posto,organizzare. Ho avuto il piacere di assistere a Conegliano Veneto al Raduno Triveneto 2015   ed è stata un’esplosione di colori, di bandiere di volti di fanfare e di spunti interessanti per un fotografo di strada. Quello che mi ha molto colpito é stata la capacità organizzativa che ha fatto funzionare tutto come una macchina ben oliata. Il minimo comune denominatore in tutto questo però è il senso di ALLEGRIA  che gli Alpini si portano dietro e trasmettono alla gente ovunque decidano di organizzare qualsiasi evento.Daranno l’impressione di invadere il paese,poi, mano a mano che le strade si riempiranno dei vari gruppi provenienti da ogni dove sarà veramente una kermesse indimenticabile. Al termine se ne andranno quasi in punta dei piedi, senza lasciare niente fuori posto, e il sentimento che prevarrà nella gente sarà quello di tornare ad ospitarli.. W.GLI ALPINI!

Si comincia quindi questa sera, nell’aula magna della biblioteca di Codogné dove si terrà  la conferenza” CODOGNE’ DURANTE LA GUERRA” A cura di Claudio Botteon a cui seguirà una proiezione con i momenti salienti dei Venticinque anni del Gruppo . Qui sotto troverete il programma completo della manifestazione che proseguirà domani presso il PALABLU’ con l’esibizione dei due cori ALPINI e culminerà domenica mattina con la sfilata,l’alzabandiera presso il monumento ai caduti, la Santa Messa e l’intervento delle autorità per concludersi poi con il rancio Alpino a cui tutti sono invitati a partecipare.

programma della tre giorni a Codogné

Blab Photos of Blabbers Blabbing from every corner of the World


If You have beeb blabbing chances are that you may be on these pictures. I have been on blab.im just for one week but this new video chat platform connected with your +Twitter  handle seems to be the craze of the moment. The secret must be its simplicity and the fact that there are very few things you have to know about videochatting in order to participate actively. +Mike Downes  and I go a long way back to the very beginning of +Google+  #Hangouts in 2011. Today we aren’t hanging out as much as we did when the videochatting platform was  launched. The reasons may be many. Today we are happy about this new platform and the success that blab.im is having shows that there is always need for something new on the Web and people are really willing to hop in and try something that is well done and simple to use. +Team Blab  is doing a great job, and I’m pretty sure these are days of bug squashing, pints of coffee drinking,few hours a day sleeping, wghile sorting all the suggestions coming in from everyone. My suggestion is to keep it simple. There are a couple of features I would love to see if I may suggest: A) An invite button, so that I could invite my friends over to my chat on Blab. B) a sound annoucing when someone wants in the room. In a multitasking world it would be very helpful.C) the possibility of screen sharing. (It could be a fifth window where anyone could share their photos or links, or desktops. That is all. I am a  street photographer This is my collection on G+ so I will keep taking screenshots of blab.im Blabbers blabbing from all over the world. You can find me onFacebook Google Plus Twitter Pinterest

Fotografia Creativa. L’uso delle superfici riflettenti.


Quando frequentavo il Broward Community College di Fort Lauderdale, negli anni 80, una delle classi a cui mi ero iscritto e mi dava tanta soddisfazione era la classe di ARTE. Si parlava di pittura, di scultura, di fotografia. Ricordo che l’insegnante un giorno ci disse che “Per fare una bella foto, dovete girare, girare, girare attorno al vostro soggetto. Sembra banale, ma così facendo avrete la completa idea di quello che state ritraendo.” Verissimo. Provare per credere. Oggi parleremo delle superfici riflettenti. Mentre camminate per un bellissimo centro storico della meravigliosa penisola Italiana vi capiterà di vedere case, monumenti, castelli, scorci meravigliosi, e chissà quante altre bellezze. L’ultima volta che sono stato a Firenze per esempio, mi sono trovato di fronte al duomo. Quante foto sono state fatte a questo simbolo del Rinascimento Italiano? Milioni. Ecco che la creatività entra in gioco. Voglio e debbo fare una foto diversa, una foto che nessuno abbia mai fatto. Impossibile? In Fotografia nulla è impossibile.Bisogna però pensare alla luce come ad un pennello, e disegnare qualcosa di nuovo. Mi son guardato in torno ed ecco il mio aiuto; un’auto della polizia con un bel cofano blu rivolto verso la facciata del duomo.Ecco il risultato in questa foto

. Il duomo risulta riconoscibile e distorto.Una foto unica ed irripetibile.Questo è lo scopo della foto creativa; creare nuove immagini, soprattutto creare uno stile personale in modo che un’osservatore attento che veda quella foto possa dire: “Quella è una foto di Tizio, Caio, o Sempronio” senza bisogno che ci sia scritto sotto il nome. Le superfici riflettenti ci sono sempre. Un fiume, una pozzanghera,uno specchio, una vetrina, un paio di occhiali da sole,il cerchione di un’auto. Usateli, guardatevi attorno, aprite gli occhi ad altre forme non comuni.. Girate attorno alla chiesa, al castello, alla persona che volete fotografare, guardate in su, in giù a destra a sinistra, sopra e sotto. La luce è lì per voi, per essere usata. Che abbiate uno smarthphone o una fotocamera professionale non importa. Dovete scattare la foto. Ecco altri esempi: Treviso, una viuzza bellissima con una pozzanghera.La prima foto rende l’idea della via intera. La seconda scende nel particolare. Fate le due foto così potrete confrontare e discutere sull’uso delle superfici riflettenti.

Altro esempio.La peschiera di (www.villatoderini.it) fotografata in modo che il cielo vi si rifletta. In un secondo momento, ho girato la foto di 360 gradi ed ecco che il risultato fa sembrare che l’acqua sia il cielo stesso. Non è difficile vero? Basta pensarci.

Ed ecco una delle mie preferite: Burano. Le case coloratissime si riflettono nel canale. Se amate  la fotografia, se la passione per lo scatto vi brucia dentro, fatevi un regalo; una giornata a Burano vi risciaquerà l’animo e vi riempirà la testa di colori. Buona fotografia a tutti. SE volete chiarimenti o volete contattarmi per qualsiasi domanda scrivetemi a piodalcin@gmail.com

Mark Zuckerberg announces on Facebook that a baby girl is on the way


Mark’s Baby Girl on the way

JUL
31

Mark Zuckerberg announces on Facebook that Priscilla is pregnant of baby girl

Here is the news as announced by Mark himself about the pregnancy of his wife Priscilla. The couple is expecting a baby girl. Congratulations on “Facebookina”

Priscilla and I have some exciting news: we’re expecting a baby girl!
This will be a new chapter in our lives. We’ve already been so fortunate for the opportunity to touch people’s lives around the world — Cilla as a doctor and educator, and me through this community and philanthropy. Now we’ll focus on making the world a better place for our child and the next generation.
We want to share one experience to start. We’ve been trying to have a child for a couple of years and have had three miscarriages along the way.
You feel so hopeful when you learn you’re going to have a child. You start imagining who they’ll become and dreaming of hopes for their future. You start making plans, and then they’re gone. It’s a lonely experience. Most people don’t discuss miscarriages because you worry your problems will distance you or reflect upon you — as if you’re defective or did something to cause this. So you struggle on your own.
In today’s open and connected world, discussing these issues doesn’t distance us; it brings us together. It creates understanding and tolerance, and it gives us hope.
When we started talking to our friends, we realized how frequently this happened — that many people we knew had similar issues and that nearly all had healthy children after all.
We hope that sharing our experience will give more people the same hope we felt and will help more people feel comfortable sharing their stories as well.
Our good news is that our pregnancy is now far enough along that the risk of loss is very low and we are very hopeful.
Cilla and our child are both healthy, I’m extremely excited to meet her and our dog Beast has no idea what’s coming. In our ultrasound, she even gave me a thumbs up “like” with her hand, so I’m already convinced she takes after me.
We’re looking forward to welcoming her into the world and sharing more soon when she’s ready to come out and meet everyone!

— with Priscilla Chan.

Mark Zuckerberg's photo.

Conegliano Raduno Alpini Triveneto 2015


Raduno Alpini Triveneto Conegliano 2015DSC00466 DSC00468 DSC00489 DSC00490 DSC00508 DSC00509 DSC00510 DSC00515 DSC00516 DSC00520 Fullscreen capture 12062015 232749 FullSizeRender

Balotelli & Company Great game (of Golf)


baloMario Balotelli is crying on Instagram about the way he is being treated by the Italians and writesSono Mario Balotelli ho 23 anni e non ho scelto di essere italiano . L ho voluto fortemente perché sono nato in ITALIA e ho sempre vissuto in ITALIA. Ci tenevo fortemente a questo mondiale e sono triste arrabbiato deluso con me stesso . Si magari potevo fare gol con la costa rica avete ragione ma poi? Poi qual’è il problema? Forse quello che vorreste dire tutti è questo? La colpa non la faccio scaricare a me solo questa volta perché Mario Balotelli ha dato tutto per la nazionale e non ha sbagliato niente.( a livello caratteriale) quindi cercate un’altra scusa perché Mario Balotelli ha la coscienza a posto ed è pronto ad andare avanti più forte di prima e con la testa alta. Fiero di aver dato tutto per il Suo paese. O forse, come dite voi, non sono Italiano. Gli africani non scaricherebbero mai un loro ” fratello” . MAI. In questo noi negri, come ci chiamate voi, siamo anni luce avanti. VERGOGNA non è chi può sbagliare un gol o correre di meno o di più. VERGOGNOSE SONO QUESTE COSE. Italiani veri! Vero?”

I’m Mario Balotelli, I’m 23 years old and I choose to be Italian. I wanted it so much because I was born here and I always lived here. I strongly believed in this World Cup and I feel sad angry and deluded  with myself. Yes, I could have scored maybe with Costa Rica you are right, and then? What is the problem….”  He continues trying to find a reason why Italy is out of the competition. Why? Because neither balotelli or the others have really played SOCCER. They could have sent them to a GOLF tournament, or to a CRICKET game, but what I saw wasn’t ITALY, it was the worst team of the World Cup since the extintion of the dinosaurs.

He tries to blame on the colour of his skin but he is wrong again. Had he scored the goal he is profumately paid to score, he would have been hailed as a hero here in Italy, and all the kids would have bought the Tshirt with his name and number on it. Instead if they could now, they would bring the Tshirts, already bought with a great wish, back to the shop, swapping it for the Tshirt of an Ecuadorean player (they played a wonderful game of courage against France).

Nobody would have noticed you were black, or white, or yellow, or green Mario, nobody really cares about the skin’s colour anymore. It is you, who is using it as a mere excuse for a flaw that is not to be blamed only to you and will stay with you and your team members for the rest of your carreers, as you will be sent into the history trip as the worst soccer team who played in Brasil 2014. This will be your reward for looking as if you were made by wood, like a bunch of PINOCCHIOS unable to even throw a ball into the goalie’s hands in 90 minutes. Be ashamed of the money you make not about the colour of your skin.

Bibione Beach and the wireless flaw


(by pio dal cin) Bibione is a great beach on the upper Adriatic. The beach is wide and services abound. The prices are contained now in June. The broadwalk is full of people in the morning jogging, or riding their bikes along the shore. At night restaurants and pizzerias fill up with people and the downtown stroll is a wonderful experience.

If you are a web addict and you cannot live without your emails, Facebook, Twitter, Pinterest, Google plus, Youtube, get ready for disappointment as BIbione does NOT offer a free WIFI service. Why should Bibione do it? Because this is the Web 2.0 Era. People love the beach and the pizzas, the restaurants and the services on the beach, but business men and young people love to be connected 24/7, so by the same token you charge a tax just for being there (tassa di soggiorno) you should provide your spending guests with FREE WIFI. If not, we’ll go to a resort or beach with that service. Wouldn’t that be a shame? Wake up Bibione, this is the 2014.

.DSC05046