Luca Zaia alla castagnata di Gaiarine 2019.


La consueta castagnata di Gaiarine alla quale il governatore più amato d’Italia non manca mai. Organizzata dall’inossidabile BEPI FANTUZ attrae oltre che alle centinaia di simpatizzanti e militanti della Lega, il gotha della politica locale, provinciale, regionale e nazionale. Quest’anno per la prima volta LORENZO FONTANA. Inoltre presenti GIAMPAOLO VALLARDI, TONY DA RE, FEDERICO CANER, SONIA FREGOLENT, ROBERTO BET, ALESSANDRO BONET, DIEGO ZANCHETTA,ALESSANDRO BIZ, GIAMPIERO POSSAMAI,RAFFAELE BARATTO e tanti altri.

La diretta di Luca Zaia alla castagnata 2019

Codognè,Gaiarine,Godega, Mareno di Piave,Cordignano,Orsago,Fontanelle Vazzola. Furti a raffica. La gente è stanca. Serve l’esercito! Subito!


Inutile elencare dove e quanti furti ci sono stati negli ultimi giorni nei nostri paesi.Inutile dire che i carabinieri si stanno dando da fare.Sappiamo che il loro numero rende questa una battaglia impari. Le poche pattuglie disponibili non possono certo coprire un territorio di competenza di quasi trenta chilometri. L’unico dato certo è l’esasperazione ed il senso totale di impotenza verso questi scarafaggi che con la velocità della luce si intrufolano nelle nostre case, razziano e fuggono. E’ successo ieri sera a Codognè, tra le 19 e le 20:30 almeno tre furti. Sembra un attacco terroristico e come tale andrebbe trattato. Quando si parla di impiegare l’esercito sembra che si evochi il pericolo o l’imminenza di una guerra Ti guardano in faccia come per dire:”Esagerato..l’esercito?” Non credo però sia esagerato parlare di vera e propria emergenza sociale. I giornali sono pieni di articoli da settimane, si parla di interventi, di potenziamenti di personale, di ulteriori controlli, ma quando cala la sera ecco che gli scarafaggi si scatenano. Cominciano a piovere segnalazioni sui vari siti, la gente esce per cercare di fermarli e loro, imperterriti (e impuniti) se ne vanno per le vie ora di Gaiarine, di Godega, di Cordignano, di Orsago, di Vazzola, di Fontanelle, di Mareno di PIave, di Codognè a razziare le case e a seminare terrore e panico tra la gente che no si sente più sicura e lancia un grido di allarme:FERMATE QUESTE IMMONDIZIE UMANE che ci tolgono il piacere di essere quello che siamo sempre stati, un paese pacifico e sereno. Non è terrorismo urbano questo? Se concordiamo che lo è, allora impieghiamolo questo ESERCITO. I militari con delle jeep che girano dalle 17 alle 21 per le strade dei paesi sarebbero il gusto deterrente per questi maledetti scarafaggi . Non scandalizziamoci se invochiamo l’ESERCITO. I volontari che lo compongono sono dislocati in Paesi lontani come l’Afganistan per garantire l’ordine mentre qui a casa nostra dobbiamo subire una violenza continua. Violenza che è pari ad una violenza fisica o morale, perché un furto toglie non solo i ricordi di oggetti che non sono preziosi solo per il loro valore, ma per la componente affettiva che hanno, ma soprattutto la SERENITA’ che ci siamo conquistata negli anni e che nessuno ha diritto a portarci via. Diciamolo alle istituzioni, ai politici, ai prefetti:MANDATECI L’ESERCITO, proteggeteci, tutelateci da questo cancro sociale, ma non perdete tempo, tra qualche ora tornerà il buio e gli scarafaggi del furto torneranno a colpire impuniti.

Mauro Corona a Francenigo presenta “Il passo del vento” scritto con Matteo Righetto


Mauro Corona superstar sabato sera a Francenigo di Gaiarine in occasione della presentazione del suo nuovo libro, scritto a quattro mani con Matteo Righetto “Il passo del vento”. L’occasione è stata la presentazione del ricco programma teatrale, musicale, letterario e cinematografico dell’Associazione culturale “La Corrente” fondata nel 2013 da un gruppo di amici che si proponevano di fare cultura nel territorio. A giudicare dai numerosi appuntamenti che si svolgeranno da qui a maggio nell’ex cinema restaurato grazie alla famiglia Piovesana e di proprietà della parrocchia, il gruppo ha sicuramente fatto centro. Mauro Corona accompagnato dall’amico che imita il canto degli uccelli e da un pastore di malga oriundo di Francenigo ha catalizzato fin dall’inizio l’attenzione del pubblico con il suo modo diretto, a volte pacato e altre aggressivo, a seconda degli argomenti trattati. Ha spiegato che il libro è un abbecedario che percorrendo le lettere dell’alfabeto racconta delle piccole storie e aneddoti che i due autori hanno sviluppato indipendentemente mettendo a confronto due stili di scrittura diversi ma in qualche modo complementari. Gli uomini sono simili ai cani,, i quali si avvicinano per la prima volta, si studiano, si annusano, poi, se si piacciono vanno via assieme altrimenti si mordono o ringhiano prima di allontanarsi. Con Matteo abbiamo fatto così, e ci siamo piaciuti. Da questo incontro l’idea del libro. Mauro Corona non ha solo parlato del libro. Ha spaziato da argomenti leggeri (autodefinendosi un comico con la passione per il cabaret) ad altri di toccante attualità come quello dell’ambiente e delle proteste dei giovani per il clima arrabbiandosi quando racconta che:” Greta, quella vecchietta. Si ha risvegliato gli animi, ma se in duecento città italiane c’erano solo due milioni di persone cosa vuol dire? Dovevano essere venti milioni. Dov’erano prima che Greta li svegliasse? Che senso ha poi manifestare per il clima quando si lasciano tonellate di rifiuto quando la festa è finita? L’ironia ed il senso dell’umorismo hanno scatenato l’ilarità del pubblico quando lo scrittore, scultore, alpinista di Erto ha raccontato che :”MI farò cremare vivo, perché non mi fido di mia moglie…voglio esserci anch’io per essere sicuro che lo faccia” Tutti i libri messi a disposizione dall’organizzazione sono andati a ruba e alla fine della serata Mauro si è fermato a firmarli tutti, preso d’assalto dal pubblico che aveva gremito al limite della capacità il grande salone dove si è svolta la presentazione. Molti hanno dovuto rimanere in piedi e anche gli spazi esterni dove era stato allestito un maxi schermo erano affollati di gente venuta ad ascoltare questo personaggio unico nel suo genere ma che con il suo modo di scrivere ha conquistato milioni di lettori. Il segreto del suo successo è sicuramente in quel suo modo diretto di raccontare le cose e le storie, senza peli sulla lingua e senza paura. Ne traspare un uomo che ha vissuto una vita in salita, non solo per tutte le scalate che ha portato a termine, ma per aver avuto un’infanzia difficile, lassù tra quei monti dietro la diga del Vajont, a Erto dove domenica si incontrerà con don Ciotti, dove ha trascorso gi anni più belli della sua vita in quei boschi che solo lui sa raccontare accompagnando il lettore in un viaggio interiore fatto di emozioni e di sensazioni che solo lui riesce a trasmettere così direttamente e in maniera semplice perché l’uomo e lo scrittore si sono fusi, forgiati nella fucina di una vita non facile che oggi riesce a trasmettere nei suoi libri ottenendo il meritato successo.