Ugo Foscolo a Codognè ospite della villa Toderini. Il Poeta parlava dialetto Veneto


Direi che Foscolo è l’emblema di quello che è stato poi  il nostro Romanticismo Trevigiano, e quindi un momento veramente  di splendore e di ispirazione perchè c’erano questi mecenati che ospitavano gli artisti. Da un lato i Toderini nell’omonima villa di Codognè, dall’altro Isabella Teotochi Albrizzi presso la villa Franchetti che era un po’ la “madame d’estelle” e nostra, trevigiana, come lo Sturm und Drang Tedesco che ospitò Lord Byron, Isabella Albrizzi ospitava Foscolo, quindi terra di ispiazione, terra di mecenatismo e ospitalità Foscolo inizio a scrivere i sepolcri dopo un colloquio con pindemonte a villa a franchetti.E non è un caso che proprio in questa terra  il Foscolo parli di una visione un po’ antropomorfa, dell’uomo che i garantisce l’immortalità se fa cose grandi nella vita. In una terra grande non poteva che avere questa ispirazione, Quindi, Treviso non è solo terra di patrimonio dell’umanità con le Colline di Conegliano e Valdobbiadene, ma è anche terra di ispirazione”” Luca Zaia, presidente della Regione Veneto”

CON GRANDE RISPETTO, IN SILENZIO, CONSAPEVOLI DI ENTRARE UNO SPAZIO “SACRO”

In punta di piedi, come si entra in una sala o in un teatro dove il concerto è già iniziato. Questo è l’approccio con cui dovremmo avvicinarci alla lettura della vita di questo Grande Poeta, di cui si parla molto meno di quanto si dovrebbe. Per descrivere la sua storia, la sua vita, le sue emozioni, il fuoco che ardeva dentro il suo cuore. Il “Fuoco Sacro” che non era solo quello dell’ispirazione poetica ma quello che spesso si esprimeva con tanto furore nelle battaglie combattute nell’esercito, quanto in quelle amorose, di cui cadeva spesso vittima.

Nell’aprire il contenitore di una vita passata, è essenziale farlo con grandissimo rispetto. Ogni parola va soppesata con cura, quasi a non voler disturbare e risvegliare uno spirito ribelle che finalmente dopo tante peripezie riposa in pace in una delle più belle chiese dell’altrettanto meravigliosa Firenze; Santa Croce: Lasciamo quindi la descrizione iniziale non a ricerche sommarie fatte nel web o su wikipedia, ma ad una fonte ben più autorevole. Due dei suoi diretti discendenti hanno accettato di riunirsi qualche giorno fa e redarre questo profilo del loro Avo, di cui la loro nobile famiglia conserva il perenne ricordo: Qui sotto, dopo una mia riflessione troverete la loro testimonianza riportata fedelmente come è stata ricevuta

QUELLO CHE HO PERCEPITO DEL GRANDE POETA LEGGENDONE LA VITA,I VIAGGI, GLI AMORI,LE BATTAGLIE

L’idea che mi sono fatto di questo grande poeta leggendo i testi che sono ruscito a recuperare in biblioteca a Treviso è di un giovane focoso, sanguigno, combattente e combattivo su tutti i fronti ma debole in amore. La passione che bruciava nel suo animo gli permetteva di scrivere delle fantastiche odi, poesie, lettere. Quando però rivolgeva questo fuoco verso una donna (magari più avanti di qualche anno) ne rimaneva invischiato, come in una rete che amava e odiava. Foscolo non era capace a star fermo. Ovunque si trovasse doveva andare da qualche altra parte, in un salotto letterario, in un viaggio a Firenze, città che amava molto. Oppure lo si potrà trovare in Svizzera e poi in Inghilterra, dove morirà giovane per poi essere sepolto a Firenze, a Santa Croce. Dalle sue lettere si evince che molto spesso si sia trovato in difficoltà economiche. Chiese aiuto agli amici. Il destino di un grande incompreso, di un genio troppo alto per essere capito dalla sua generazione distratta e assonnata nei salotti delle ville Palladiane come quella dove soggiornò a Codognè. Un grande vanto per un paese di 5300 abitanti. Questo tuttavia era il “rap” di quel secolo. I ricchi signori veneziani, proprietari terrieri e spesso commercianti di stoffe, costruivano le loro sontuose ville in campagna, per sfuggire alla canicola che doveva essere la città di Venezia in piena estate. Il termine “villeggiatura” deriva da questi soggiorni in villa. Spesso erano partite di caccia nelle campagne piene di selvaggina e di mele cotogne. Molte altre erano luoghi di feste sfarzose e se oggi dovessimo fare una festa in villa inviteremmo la rock star del momento, il grande jazz player, o lo scrittore che abbia appena pubblicato il suo ultimo libro. Ecco che Ugo Foscolo era invitato spesso a Codognè e anche a Preganziol. Lui parlava correttamente il dialetto Veneto, lingua nobile a quel tempo in cui la Serenissima si era fatta conoscere dal mondo. Uno dei suoi avi era membro del Gran Consiglio e ammiraglio della Serenissima nel 1200. Il papà di Ugo il cui vero nome non era questo era un medico. Aveva studiato a Padova. Morì quando Ugo era giovanissimo. La trasferta con madre e sorella a Venezia si trasformò presto in ore e ore passate alla biblioteca Marciana dove il nostro piccolo eroe (che non amava studiare a scuola) si diede allo studio dei classici greci dei quali sentiva l’atavica attrazione essendo lui nato a Zante, un’isola della Grecia.Questo in parole povere doveva essere il Foscolo. Bello, passionale, bravo a scrivere, veloce ad innamorarsi e a perdersi dietro a una gonna. Un grande poeta, un uomo simpatico e coraggioso, ed io, da abitante di Codognè non posso che essere fiero di sapere che un giorno, nel 1796 il Foscolo ha condiviso il cielo del nostro paese, guardando una luna nuova sopra la mutera o un cielo stellato aspettando che cadesse una stella che lo portasse ancora una volta tra le braccia di Isabella Teotochi Marin Albrizzi, la Musa che gli aprì le porte del “paradiso”

LA TESTIMONIANZA DEI FOSCOLO.DISCENDENTI DEL GRANDE POETA

“La famiglia Foscolo ha origini remote ed era costituita da diversi rami; il poeta Ugo Foscolo apparteneva ad un ramo dei Foscolo. Attorno alla fine del 1300, primi del 1400, il ramo della famiglia Foscolo si trasferisce a Candia (così era denominata l’isola di Creta dai veneziani)dove i Foscolo rimangono fino alla conquista da parte dell’Impero Ottomano dell’isola, nella metà del 1600.

A seguito dell’invasione delle armate turche, i componenti delle nobili famiglie veneziane che vivevano a Creta e, tra queste. anche il ramo della famiglia Foscolo, si spostano nelle isole ioniche. In particolare la famiglia di origine di Ugo Foscolo si trasferisce nell’isola di Zacinto ove i Foscolo consolidano la loro presenza.

Andrea Foscolo, padre del poeta Ugo, che aveva sposato una nobildonna greca, Diamantina Spathis, si dedica alle arti liberali, e nello specifico studia medicina all‘Università di Padova.Dopo la laurea viene nominato responsabile-medico militare- della città di Spalato durante il periodo in cui la stessa era sotto il dominio della Repubblica di Venezia.

Andrea Foscolo muore giovane, a neppure quarant’anni, lasciando la moglie e quattro figli, una femmina e tre maschi, tra questi Ugo Foscolo. Quando il giovane Foscolo compie 14 anni, con la madre Diamantina, i fratelli e la sorella, lascia l’isola di Zacinto e si trasferisce a Venezia e precisamente in Calle delle Gatte.

Da questo momento la vita del poeta è consegnata alla storia e alla letteratura. Non è chiaro come Ugo Foscolo abbia appreso la lingua italiana, a casa parlava prevalentemente greco, la lingua materna, quando la famiglia si trasferisce a Venezia il giovane Foscolo impara e usa il dialetto veneziano, è probabile che, attraverso la lettura di libri abbia affinato la conoscenza della lingua italiana. Ora il ramo della nostra famiglia discende dall’Ammiraglio Almorò Foscolo, che nel 1200 era a capo della Marina della Repubblica Veneziana e faceva parte del Senato del Maggior Consiglio, al quale a far data dalla fine del 1200, venne confermata l’appartenenza della famiglia Foscolo. Pur appartenendo ad un ramo diverso, la nostra famiglia possedeva alcuni manoscritti e un dipinto che ritrae il Poeta; questi erano conservati nella villa di campagna di Lancenigo. Nella villa di Lancenigo abitava anche la compagna di un mio prozio, con le sue sorelle. Alla morte di questa le sorelle lasciarono la villa di Lancenigo, portando con loro il quadro ed i manoscritti originali. Giancarlo Foscolo. Isabella Foscolo.

LA TESTIMONIANZA DELLA FAMIGLIA BONICELLI

Il Poeta ha trascorso alcuni giorni presso la Villa Toderini di Codognè dove ha scritto due odi. Era infatti consuetudine tra i nobili del tempo invitare personaggi legati alla cultura e ospitarli nei vari salotti. Al Poeta a Codognè è stata dedicata una stanza che porta ancor oggi il suo nome. La famiglia Bonicelli, attuale proprietaria della villa racconta::”“ Una Casa non è mai una questione di mattoni, ma di Amore” . Questa era la premessa che nostro padre, Pier Luigi Bonicelli, anticipava sempre quando ci narrava la storia di Villa Toderini.
Sono passati diversi anni da allora e le sue parole riecheggiano dentro di noi quando ci riuniamo per decisioni riguardanti lo stato di conservazione della nostra dimora. Siamo dell’idea che ciò ci permette, oggi, di osservare la Villa con gli occhi dei nostri avi che la desiderarono e la fecero erigere.
Villa Toderini sempre abitata da circa 320 anni ha visto il susseguirsi di generazioni: i capostipiti Toderini de Gajardis, mercanti veneziani, alla fine del 1600 vennero ammessi al Maggior Consiglio acquisendo il titolo nobiliare di conti, incaricarono l’architetto Frigimelica di realizzare la residenza.
Fu costruita in una porzione di terreno attorniata da campagne, quindi fuori dal contesto di quello che era il centro del villaggio. Oltre al terreno per la costruzione della casa, i Toderini investirono sull’acquisto di campi da coltivare. Ci piace pensare che già a quei tempi il loro arrivo a Codognè portò molti a spostarsi in questo piccolo paese per cercare lavoro all’interno della tenuta e incrementandone conseguentemente lo sviluppo con case , empori di generi alimentari e attività varie e favorendo il sostentamento a grandi famiglie di contadini.
I proprietari, in poco tempo, insieme all’attività commerciale consolidarono la Villa come luogo di villeggiatura dando ospitalità a una cerchia letteraria a cui hanno preso parte personaggi illustri come Ugo Foscolo. Era un salotto che richiamava un’intera classe sociale.
Chi diede inizio a questa tendenza a favorire le arti e le lettere fu Ferdinando Toderini collezionista di odi e sonetti composti da emergenti poeti.
Nel 1796 la contessa Maddalena Toderini Pappafava ospitò il Foscolo.

Durante il suo soggiorno egli scrisse il canto “ La Croce” e l’ode “ Il mio tempo” in occasione della monacazione della contessa Marietta, sorella di Maddalena. Lo stesso poeta per mantenersi e farsi conoscere nella società “ bene” ripagava i suoi soggiorni scrivendo saggi e odi alle famiglie che lo accoglievano.
La “ camera del Foscolo” è una delle stanze con la vista più suggestiva e mozzafiato sul parco antistante la Villa e ciò ha sicuramente influito sulla stesura delle sue opere
Villa Toderini venne seriamente danneggiata dai bombardamenti durante la Prima Guerra mondiale e in seguito ricostruita nelle sue parti strutturali e nelle finiture. Nel corso della Seconda Guerra mondiale divenne sede del comando tedesco, fu saccheggiata e parte dell’arredamento originario bruciato.
Il desiderio della Famiglia di rimettersi in gioco e ridare vita a questo gioiello non ha mai avuto un attimo di esitazione. Con il passare degli anni fu poi ereditata dalla stirpe dei Ferracini – Ton e a seguire fino ai nostri giorni dalla famiglia Bonicelli, attratti tutti dal desiderio di quotidianità che ancora oggi si respira in questa casa.
Ricordando il papà nei suoi innumerevoli viaggi, intorno al mondo, ci è lecito pensare che alla fine della sua vita abbia trovato nella casa materna l’approdo che aveva cercato nel suo vagare.
Su tutti noi la Villa esercita un fascino.
Sì, la Villa ha un cuore, lo ha sempre avuto. E’ per questo motivo che si parla di Amore.
Al sorgere del sole e al calare dello stesso si aprono e si chiudono le finestre come in una qualunque casa, questo è il segnale che la vita continua e che nessun giorno è uguale all’altro, una giornata in più che si somma alle primavere di questa dimora.
Ospitalità, un sostantivo insito da sempre nel DNA della nostra famiglia da generazioni, che, con cordiale generosità, ha accolto e trattato ospiti, conoscenti e amici da tutto il mondo a partire da personaggi illustri come il Foscolo e ancora oggi offre servizio di ricevimento all’Agriturismo Villa Toderini.
Ora spetta a noi tre fratelli, Pier Luca, Pier Francesca e Pier Leonia insieme alla mamma tramandare ai nostri figli il senso di dovere e sacrificio di mantenere in vita questo patrimonio inestimabile. Ci è stato donato, un dono lo si dà con il cuore, fiduciosi che venga coltivato con Amore.”

LA TESTIMONIANZA DI THOMAS TODERINI DEI GAGLIARDIS DELLA VOLTA

Fa eco al loro ricordo quello del discendente dei proprietari della Villa Thomas Toderini dei Gagliardis della Volta :”Nobiltà per definizione, è un termine che avoca a sé l’insieme delle azioni più elevate e sublimi e non è un caso che da sempre, i salotti nobiliari siano stati teatro di espressioni artistiche di varia natura. I Toderini patrizi veneti, benché ancora discendenti dalla nobile e più antica casata dei conti palatini “Gagliardis dalla Volta”, furono certamente protagonisti di quel Settecento veneziano, da cui non poterono sottrarsi in quanto agli sfarzi e all’usanza di circondarsi di artisti di ogni cultura, dalla musica, alla letteratura, alla pittura e fino ad arrivare all ’architettura così ben espressa dalla magnifica Villa che oggi rappresenta il cuore pulsante di Codognè.
La tradizione vuole che queste nobili dimore, oggetto di svago, ma anche espressione di dominio, fossero per parte destinate ad accogliere manifestazioni di carattere culturale, dov’ era usanza incontrarsi per condividere il gusto del bello: in un certo qual modo, potremmo dire che le Ville Venete siano state antesignane dei moderni circoli culturali.
I vari rami della mia famiglia, hanno dunque il vanto di aver ospitato nelle loro tenute, insigni artisti tra cui Ugo Foscolo, il quale di famiglia certamente notabile, poco più che un ragazzo fu ospite in alcune occasioni del nostro ramo patrizio a Codognè.
Testimonianza dei soggiorni codognesi di Ugo, ci arrivano attraverso un paio di odi scritte dal sommo poeta nel 1797, in occasione della sacra vestizione di Maria, figlia di S.E. Ferdinando Toderini de’ Gajardis, il quale naturalmente appassionato di poesia e di letteratura, amò circondarsi degli artisti del suo tempo in quel meraviglioso teatro di vita quotidiana che tutt’oggi Codognè sa incarnare così bene.
Al tempo Ugo Foscolo era poco più di un ragazzo, 19 anni appena, ma aveva già dato sufficiente sfoggio di cultura e sapienza, tanto da essere desiderato dal Toderini, tra i suoi ospiti più apprezzati, e ancora oggi io amo immaginare momenti di incontro a recitare liriche nei saloni di Casa Toderini, ma ancora amabili passeggiate tra i vigneti e la “Mutera” che ancora oggi ci sussurrano la leggerezza del bel vivere in villa…”

LA TESTIMONIANZA DELLO SCRITTORE GIORGIO LEONARDI

Lo scrittore Giorgio Leonardi ha appena pubblicato una biografia su Ugo Foscolo e ne sintetizza così il carattere :”Quella di Foscolo è una figura estremamente affascinante, e soprattutto modernissima nella molteplicità delle sue espressioni. Il retaggio scolastico spesso ci consegna l’immagine di un uomo austero e tenebroso, ma Foscolo fu molto altro. Nella mia
biografia sul poeta di Zante (“Ugo Foscolo. Imprese, amori e opere di un ribelle”,
uscita lo scorso anno per le Edizioni della Sera), attraverso lettere e testimonianze, ne
ho ricavato un ritratto in buona parte inedito. Ho voluto infatti raccontare, oltre al
grande letterato, anche l’uomo con le sue fragilità, i suoi tormenti, le sue
intemperanze caratteriali e i suoi tanti amori controversi (tra cui quello con la
“veneziana” Isabella Teotochi Albrizzi). Ma Foscolo fu anche un uomo molto
generoso, con il coraggio delle proprie idee. Un uomo che non ha mai esitato a
sfidare il potere di turno, senza fare calcoli, pagandone le conseguenze con
l’isolamento, l’esilio e la miseria. Non è un caso che Mazzini lo definì “il padre di
tutti gli esuli”. Fin da giovane, da patriota e giacobino, condusse una vita raminga, a
causa delle sue precoci prese di posizione politiche, perennemente in fuga prima in
Italia e poi all’estero. Nel corso dei suoi innumerevoli soggiorni non sostò mai a
lungo, e questo complica il compito del biografo alla ricerca di tracce spesso labili dei
fugaci spostamenti di quest’uomo dall’indole ribelle. Prima ancora che italiano, fu
veneziano di adozione (la natia Zante era allora un protettorato della Serenissima), e
nel Veneto trovò il suo primo rifugio, sui colli Euganei: luogo in cui inizia, non a
caso, la tragica vicenda autobiografica di Jacopo Ortis nell’omonimo romanzo
giovanile. È sempre lodevole aggiungere tasselli all’itinerario letterario e politico di
questo straordinario ramingo, documentando ogni sosta del suo pellegrinaggio,
perché ciò significa restituire ulteriori scampoli di umanità alla vita di Ugo Foscolo.
Vita breve e travagliatissima, peraltro, conclusa in un tugurio londinese, in povertà e
in quasi totale solitudine. Destino misero, in vita, per un gigante della storia, che solo
post mortem trovò requie ai suoi vagabondaggi, quando il grande esule poté tornare
definitivamente in patria, per riposare in eterno in un sacello fiorentino, circondato da
quelle che lui stesso definì “l’urne de’ forti”.

Prosecco’s Hills of Conegliano & Valdobbiadene.Why are we a world’s heritage spot by UNESCO


Riccardo Poletti with a guitar bought at a charity auction by Desiderio Bortolin

“Take this glass with you” Told me Riccardo Poletti, the “right arm” of the family Bortolin that celebrated last year their 50th anniversary in this adventure ( I wouldn’t call it business because that is not the way they see it) “We are not going to taste our wine inside a cellar, we are going right there, where it’s produced” We took the ten minutes ride on a Land Rover through a rough path till we reached the top. Looking around there were only wineyards. 360 degrees of rolling hills. “This is where we produce, where we shed our swet trying to pamper our grapes so that they can become the best of wine. We pick them grape by grape, by hand. the morphology of the terrain doesn’t give us any other choice. In some cases, where the hills are really steep we have to secure ourselves to ropes, as if we were climbing a mountain, to make sure we do not fall. The hand picking assures a grape that is not smashed or damaged and this gives us thechoice of picking the right time to process it and turning it into the best Prosecco di Valdobbiadene & Conegiano. The recipe comes from our grandfather and other great men who believed in the potential of these hills just after the Second World’s War and experimented continuosly till they developed what is known today as the Valdobbiadene-Conegliano method of processing that is studied by all the producerds around the world” Riccardo uncorks the bottle with its typical sound. He then takes half a glass and purs it on the ground. “Rinsing the glass?” I ask. “Not really.. This is what we do always before drinking our wines. We give back some to Mother Earth what belongs to Her, it is a thanksgiving act that we perform all of the time” I’m positively startled. This is the bond between this working people and their Land, their Hills, their Grapes.

“pouring the wine before drinking it is a sort of Thanksgiving to Mother Earth that has provided us with this nectar made with love and passion. This is what we are”

During the two hours we spent together I learned from Riccardo and Desiderio Bortolin, the owner of the omonym wine producer’s cellar, that it is NOT the Prosecco itself that has gained the world’s heritage mention by UNESCO, is the Territory, the HILLS and all the products tha come within it in a huge container (like a hashtag). There are places and cheeses, meats and honey, churches from the ninth century and salami, and above all the LOVE. The LOVE of this great PEOPLE who were born here and they belong to these hills, to their rock, to their steepness, to the hard work of their ancestors that continues on to the new generations. “We love to provide a honest product. We aren’t in business just for the money or to cheat our customers , we are here to make sure to give everyone who puts their trust in our wines gets the best. Everyone returns for more, and this for us is the best reward.

(copyright by pio dal cin 2019- all rights on photos and text are reserved)

The breathtaking view from the “SALIS” B&B ‘ pool and SPA
The terrace at Salis’ Restaurant on the HIlls
Maria Boghetto manager of Salis B&B and SPA on the Hills

Continuing on my serach for the truth on this breathtaking area I decided to give it a “pink cut” and by that I mean that where there is something great in a place there must be some great women. I searched for them and find a few worth spending some time with, for their dedication to the Territory and above all for their LOVE and the PASSION they put in what they do. MARIA BOGHETTO was a woman keen to deal with numbers. Thirtheen years ago, after the passing on of her husband’s grandfather, she decided to turn the old farmhouse into a B&B. (four daisies is like four stars for a hotel). There are nine rooms and the swimming pool, along with the Jacuzzi, are placed in the right spot so that one can enjoy the amphitheatrical view of the Hills. “Every day, when I come to work, I consider myself a very lucky person” Says Maria :”What more could I ask for? Look at the scenery, isn’t it wonderful? ”

What do you think is needed now to develope this into something “up to the excpectations of the prepared tourists given the new spotlight?

“We really need to work together as in one body. There must be a single direction where we point to and there must be a guidance that would be appropriate to have in order to convey our energies with strict and solid rules as the Ten Commandements of the Hills, we also need a tourisms of prepared people who come here knowing what to expect, no need for load full of tourists who come in the morning and leave in the evening. This Hills and its Territory must be sipped slowly, like a good glass of CARTIZZE.”

Alfia De Sorbo was an accountant who decided to create a joyful, peaceful relaxing spot in VALDOBBIADENE. She remodeled the old houseand its three rooms and called it “LA CASETTA” (the small house). Here the guest have the whole house at their disposal, not just the room. The warmth and the good vibrations are everuywhere as Alfia created a small paradise inside this great place, ” I like to pamper my guests. My reward is to see them coming back, and they do. They love the concept of having the house for themselves. I love them staying here and enjoying the territory slowly, perhaps with a mountain bike, an electric one is worderful to taste the beauty of these Hills”

Michela De Bona was born on these Hills.In the last twenty years she lived her path of Public Relations getting to know all the businesses, the people, the restaurants and all enterprises small, medium and big. She loves these hills like she loves her two twin children and she knows everyone in the area. Michela to me is like a sister and everytime I need to know something in particular, a person, a business, a B&B, a restaurant, a place to visit, she points out the best, the one that has a story behind, because SHE KNOWS the story of every corner, or every person in this wonderful area. She is about to start something new, because she believes that this Territory, from Venice to the Dolomites must be known and the best way to do it is slowly, and why not on top of an eletrical bike.This gives me the opportunity of say THANK YOU Michela, from the deep of my heart, you have made my job of writing, taking photos, talking to people and getting to know these hills really easy.

Codognè. E’ Lisa Tommasella il candidato sindaco della Lega 2019


Lisa Tommasella con il governatore del Veneto, Luca Zaia

Lisa Tommasella sarà il candidato sindaco per la Lega a Codognè. L’annuncio ufficiale è arrivato ieri sera, venerdì 12 aprile, in un’aula magna della biblioteca di Codognè dove gli unici posti liberi erano in piedi. L’investitura della “leonessa” è arrivata in una serata particolarmente interessante visto che il tema della serata era l’AUTONOMIA del VENETO. I relatori erano due calibri da novanta.: Gian Paolo Gobbo, ex sindaco di Treviso e “anima” stessa della Lega Trevigiana e Marzio Favero, sindaco di Montebelluna. Lo stesso Favero, (che ha tenuto una relazione sull’Autonomia che ha lascito la platea a bocca aperta tanto era interessante la sua relazione, ) ha definito Gian Paolo Gobbo, il padre, il nonno, il patriarca della Lega, viste le sue battaglie e il suo impegno a tenere salda la guida del movimento durante gli ultimi decenni. Gobbo, dopo aver plaudito alla investitura di Lisa Tommasella come “il candidato ideale per Codognè” le ha consegnato una spilla che ha definito storica. “Voglio regalarti questa spilla che rappresenta il Leone di San Marco, che mi ha accompagnato in tutti questi anni nelle battaglie da me sostenute. E’ una spilla che porta fortuna e voglio che sia tu ad averla con l’augurio che ti accompagni alle stesse vittorie, e agli stessi risultati che ha portato a me”.

Per scrivere il curriculum di Lisa ci vorrebbe un post a parte da tanto lungo è. Spicca sicuramente il 110 e lode della sua laurea in Conservazione dei Beni Culturali, i suoi studi di managment alla Bocconi di MIlano, il master in managment al Politecnico di Torino, ma il suo punto di forza è sicuramente l’amore che ha dimostrato in questi dieci anni per Codognè.Il suo instancabile impegno ad organizzare la festa della Mela Cotogna, diventata un simbolo e un punto di riferimento delle feste della Marca Trevigiana ( oggi Codognè riceverà un riconoscimento per questo a Volpago del Montello). La sua attenzione speciale ai bandi europei ha fatto si che tra gli altri risultati sia riuscita a vincerne uno che con il nome “E se diventi Farfalla” aiuterà i nostri bambini e li accompagnerà dagli asili fino alle elementari attraverso un percorso guidato da professionisti dell’insegnamento e della psicologia infantile in modo che il passaggio sia sereno e tranquillo.

La preparazione amministrativa, coniugata all’amore per il suo lavoro, per il territorio, per le tradizioni e la cultura locale e per Codognè, fanno di lei il candidato che tutti i comuni vorrebbero avere, ma che solo noi abbiamo la fortuna di avere. Nel segno della continuità di un’amministrazione che per dieci anni si è impegnata a migliorare il “Paese della Mela Cotogna” sotto tutti i punti di vista, Lisa continuerà a spendersi, come ha fatto fino ad oggi, forte di una squadra che la sosterrà nei suoi impegni e nelle battaglie che inevitabilmente si presentano ai “coraggiosi” che si prendono il grande impegno di amministrare un comune.

Lisa con un alberello di Mela Cotogna


La continuità che viene garantita agli abitanti di Codognè con la candidatura di Lisa sarà il punto di forza della sua campagna elettorale. I risultati dell’amministrazione di Roberto Bet sono sotto gli occhi di tutti e se oggi guardiamo alle caserme Maset ponderando nuovi progetti,oltre che alla prossima realizzazione di una casa di riposo per anziani non autosufficienti, è grazie alla determinazione e alla tenacia del sindaco uscente che ha di fatto impedito che la struttura venisse usata, come è successo per la “gemella” di Oderzo, come punto di raccolta e smistamentio di immigrati.

La sicurezza del territorio è un’altro punto di forza con continui controlli e istallazioni di telecamere a garantire i sonni tranquilli dei cittadini di Codognè. Il costante impegno a lavorare con le numerose associazioni che sono state un enorme aiuto all’amministrazione uscente, e visti i risultati, ci auspichiamo possa continuare negli anni a venire.

Marzio Favero ha sottolineato nella sua relazione l’importanza di avere un sindaco leghista in più nel territorio. Percorrendo la storia, il sindaco di Montebelluna ha egregiamente spiegato l’importanza che l’Autonomia riveste in tutto il Paese, non solo nel Veneto. “Se la Germania è riuscita in poco più di un decennio a riunirsi, lo deve solo al fatto di essere FEDERALISTA. Federalismo vuol dire responsabilizzare le regioni ad amministrare meglio, uscendo dal giogo che lo Stato impone a volte cancellando le diversità che rendono l’Italia il più bel Paese del mondo. E’ la diversità che ci rende unici ed è solo attraverso il federalismo e l’autonomia che si può sperare in un’Italia migliore e in un Europa che non sia retaggio delle banche e della burocrazia che contribuiscono all’annullamento di queste diversità che ci rendono unici. L’importanza di avere un sindaco leghista nel territorio è l’unica garanzia verso un percorso che coraggiosamente il nostro governatore Luca Zaia è riuscito a portare avanti con il referendum sull’Autonomia del Veneto e che oggi ci vede a un passo da realizzare un sogno che porterà benessere non solo al Veneto, ma a tutta l’Italia. Sono contento che Matteo Salvini stia portando l’idea del federalismo e dell’autonomia in tutta Italia, perché e’ l’unica via per poter crescere e gestire al meglio le risorse e le peculiarità del territorio”

Ha concluso la serata il sindaco uscente Avv. Roberto Bet, che dicendosi “Preoccupato come marito ma assolutamente tranquillo come amministratore” nel lasciare il testimone alla moglie Lisa” ha ringraziato i relatori ed il pubblico presente per il sostegno alla candidatura di LIsa Tommasella alla quale ha partecipato via video anche Luca Zaia

Perchè Venezia è tanto bella e tanto sporca?


Perchè Venezia è tanto bella e tanto sporca?

Post da Facebook: (http://goo.gl/ISQYDb Si parla tanto di Roma sporca e puzzolente. E Voglio Venezia pulita come un Museo ogni giorno? E Firenze? E’ ora di darsi una sveglia Brugnaro Sindaco adesso hai l’opportunità di fare veramente la differenza. Tutte le precedenti amministrazioni hanno fatto poco o niente per risolvere un problema (le scoasse) che continua da secoli. La soluzione sarebbe molto semplice, basterebbe avere la volontà di farlo. Assumere degli stewards come a Gardaland che tengano monitorata la pulizia minuto per minuto, ora per ora. Mancano i soldi? Fatelo con i volontari, con gli immigrati ma fatelo.Tutte le città Europee e nel mondo che non hanno nemmeno un centesimo dell’arte e della storia che abbiamo noi tengono le città pulite come dei gioielli, perchè proprio noi Veneti dobbiamo avere la città che potrebbe essere l’ottava meraviglia del mondo sporca come un cesso pubblico mai lavato? Se l’amministrazione comunale e la Regione Veneto non si muovono, il problema resterà sempre lo stesso. I milioni e milioni di turisti continueranno ad arrivare lo stesso, ma non sarebbe bello consegnare loro una città senza carte, bottiglie nei canali, deiezioni umane ed animali negli angoli? I have a dream, una Voglio Venezia Pulita sempre come un museo, ma credo che purtroppo resterà solo un sogno.

by pio dal cin. Codognè. Sono un “campagnolo” ma da quando ho memoria, amo Venezia. Ho imparato ad amarla molto di più conoscendola mentre nel lontano 1986 cominciavo a muovere i miei primi passi come reporter. Una nota Agenzia Fotogiornalistica con sede in centro mi dette la possibilità di partecipare attivamente agli avvenimenti che si svolsero negli anni sucessivi; dal Summit ai Pink Floyd, passando per la visita di vari statisti e personaggi celebri, alle Mostre del Cinema.

Mentre camminavo ogni giorno, per calli e campielli, ho avuto il grande privilegio di conoscere questa meraviglia che tutti ci invidiano. Milioni di turisti ogni anno da ogni dove, per vedere quello che noi Veneti diamo per scontato; le meraviglie di un museo unico al mondo, un museo galleggiante che non ha mai avuto replica in centinaia e centinaia di anni. Venezia è una sola. Venezia è Meravigliosa per gli occhi, per l’anima, per il cuore.

Venezia putroppo è sporca, molto sporca. Lo è sempre stata.

Inutile puntare il dito da parte dei residenti verso i turisti, o viceversa, questa diatriba inutile non ha mai portato a soluzioni concrete. La cacca c’è e va tolta. La puzza c’è e va tolta. Le immondizie ci sono e vanno tolte.

Chi ha avuto la fortuna di poter andare in certi parchi di divertimento come Gardaland o Disneyland, avrà forse potuto notare la presenza di parecchi “omini” o stewards addetti a tener puliti i luoghi che la gente frequenta.
comune
Eccoli con scopetta e pattumiera  ripulire ovunque il maleducato o il menefreghista  lasci cadere una briciola, un pezzo di carta, una sigaretta.

Con la crisi che attanaglia il paese, perchè il Comune, la Regionenon trovano il modo di assumere una cinquantina, un centinaio, un migliaio di questi stewards  che sparsi per calli e campielli facciano in modo che la città più bella del mondo sia ricordata da chi la visita anche come la più pulita?

Mi par di sentire la risposta: ” Non ci sono soldi”. Balle!

E anche se cio’ fosse vero, cari amministratori della città, carissimo Brugnaro forse basterebbe impiegare quei detenuti di piccoli reati che in cambio della libertà potrebbero permutare la loro pena in giorni di lavoro per la Comunità.

Bah.. Lo so, non cambierà niente. Ci hanno provato in tanti, a destra e a sinistra, senza risultato forse perchè e’ sempre mancata la convinzione di poter fare veramente qualcosa.

Io butto li questo mio sassolino, spero possa generare dei cerchi nell’acqua che possano un giorno portare ad una Venezia pulita e profumata; un sogno di mezza Estate…

Tosi e la maledizione del Lupo Bianco (decreta la sua morte politica)


Embed from Getty Images

Leggendo questo articolo doveTosi autorizza l’uccisione dei Lupi in Lessinia (per fortuna bloccato poi dal TAR) immagino difficile che una persona sensibile possa votare per un candidato alla presidenza del Veneto che in nome di una “sicurezza dei cittadini” autorizzi che vengano abbattuti mamma papà e cinque lupetti. Ci vuole coraggio, o mancanza di sensibilità dico io. Il Lupo per i Nativi Americani è un animale sacro, il maestro di vita, colui che insegna ad amare il proprio gruppo e la famiglia.Uccidere un Lupo significa attirare la stessa sorte su di te, caro Flavio e la tua “morte” (politica s’intende) ti verrà servita in un piatto d’argento quando le tue migliori aspettative verranno deluse il 31 maggio quando i Veneti andranno a votare. Il lupo vive per il branco, ed il branco vive per ogni singolo Lupo, proprio al contrario di te caro Tosi che non hai nemmeno avuto l’umiltà di riconoscere la saggezza politica e la superiorità di capacità gestionale e di +Luca Zaia  facendogli uno sgambetto clamoroso. Hai cercato di abbattere il Lupo Alfa per prenderne il posto; qualsiasi cosa pur di conservare una bella e comoda poltrona, altro che “Amore per il Veneto ed i Veneti” Se veramente avessi amato la tua regione non avresti fatto questo subdolo tentativo di trascinare giù dalla montagna Luca e magari, secondo la tua logica un po’ incomprensibile, far vincere la sinistra con “ladylike”.
Stai tranquillo. +Luca Zaia  vincerà alla grande, e tu (lo sai già) ti porterai a casa quella risicata “percentualina” che ti servirà ad i,nserirti tra i moderati che hai combattuto per venticinque anni. “Chi di Lupo ferisce di Lupo perisce”. Vedrai, le promesse che ti hanno fatto a Roma non saranno mantenute poichè no avrai quel peso politico che “loro” si aspettavano e ti faranno fuori senza indugio. Allora ti ritroverai da solo e ripenserai a quello che hai fatto e ti sentirai male entro. Gli amici non si tradiscono Flavio. Quello che hai fatto è molto grave e consegna ai “romani” un Veneto diviso proprio quando l’unità avrebbe fatto comodo a tutti in vista del referendum sull’autonomia e di quello sull’indipendenza.

Hai dimostrato di non amare il Veneto ed i suoi abitanti. Personalmente piuttosto di votare te voterei un Siciliano. Loro almeno hanno un forte senso di lealtà e di appartenenza che sembrano non abitare dalle tue parti. Buon lavoro  Flavio e pensa a quello che hai fatto, ogni giorno quando ti guarderai allo specchio, e se alle tue spalle verai l’immagine di un Lupo ricordati di quelli che volevi far abbattere in Lessinia, e capirai forse, il perché della tua sconfitta come politico ma soprattutto di quella come Veneto.

Tosi il rompiscatole al momento sbagliato (la sinistra ringrazia)


Salvini Zaia e il gioco a rompere le scatole di Tosi

Tosi non ha digerito la decisione di Salvini di candidare “in pectore” +Luca Zaia  a Governatore del Veneto e visto che lo sa meglio di qualsiasi altro Veneto che non potrà opporsi alla popolarità del più bravo governatore d’Italia cosa trova di meglio da fare? Cecare di rompere le scatole. Sembra voglia dire come i bambini capricciosi :” Avete scelto voi il candidato? E io chi sono? Non ho forse portato migliaia di voti alla Lega? Se non posso nemmeno candidarmi dopo 25 anni di militanza allora vedrete, so io come rompervi le uova nel paniere” Così facendo regala  migliaia di voti alla sinistra sperando di impedire l’ascesa del suo “contendente” +Luca Zaia . Mi sbaglierò forse ma secondo me il sindaco di Verona sta per annunciare (dopo che verrà eventualmente allontanato dal partito o si allontanerà da solo) la formazione di un nuovo gruppo, di un nuovo partito che immancabilmente (vedi ultimi viaggi a Roma) andrà ad allearsi con Forza Italia e magari con la romanaccia di Fratelli d’Italia. E’ inutile girare intorno, questo è il quadro che si sta presentando a pochi giorni dalle elezioni regionali. Tosi ha aspettato e scelto il momento più sbagliato per fare il bambino capriccioso ma non gli basterà a fermare +Luca Zaia  che ha dimostrato in questi anni di sapere tenere bene il timone di una regione non facile da governare,e dimostrando con le sue decisioni (vedi sanità) che le cose si possono e si debbono cambiare.Oggi nel programma Agorà a Rai 3 Salvini è intervenuto così


Peccato che Tosi abbia scelto lo scontro diretto e l’intransigenza ma come si sa, non c’è partito in Italia dove non ci siano contrasti o beghe interne. Vedi Forza Italia, che con il “tradimento di Alfano” ha tenuto in piedi un governo di sinistra e ha dato a Renzi una mano enorme a rimanere al suo posto. Vedi il Pd dove ogni giorno c’è una contestazione (messa sempre a tacere da “faccia da Cool” Renzi) Vedi il movimento di +Beppe Grillo  che ormai conta quasi più defezioni che accoliti. 

E’ il destino dei partiti quello di avere le correnti e diversi punti di vista. A volte è un bene, perchè vitalizza e rende frizzante il dibattito interno e arricchisce il partito di nuove idee e soluzioni. La tempistica è terribile da parte di Tosi, +Luca Zaia  non si meritava questo dal sindaco di Verona