E’ tornato alla casa del Padre Don Battista Barbaresco.Buon Pastore con il senso dell’umorismo. “Miracolo” del Beato Toniolo


LE ORIGINI, LA FAMIGLIA,I PRIMI ANNI

Nato a Codognè da Domenico di Pietro ed Elisa Corte di Luigi il 29 dicembre del 1932 . Don Battista viene battezzato il 6 gennaio . Entra in seminario nell’ottobre del 1945 a tredici anni non senza qualche difficoltà La prima è economica, in quanto mantenere agli studi un figlio con una famiglia che ne conta dodici non dev’essere stata una passeggiata per papà Domenico e Mamma Elisa.

Don Battista Barbaresco(prima fila a sinistra) con i suoi 12 fratelli

I due genitori, animati da una fede profonda, davanti alla vocazione del figlio non oppongono alcuna riserva, con la consapevolezza che, se il Buon Dio gli ha dato questa ispirazione, lo aiuterà a portare a compimento il suo percorso. Non sono solo le difficoltà economiche ad ostacolare don Battista, gli iscritti alla prima classe del Seminario erano già 54 e non si ritiene ammetterne altri. La famiglia Barbaresco abitava in zona Palù che era aggregata alla parrocchia di Roverbasso, dove era parroco Don Paolo Meneghello (parrocchia istituita nel 1943). Don Paolo aveva qualche difficoltà a presentare il ragazzo che di fatto non conosceva in quanto la famiglia Barbaresco continuava, come da sempre a frequentare la vecchia parrocchia di Codognè. Se queste due difficoltà non bastassero ( e questo dimostra che le vie del Signore sono veramente infinite) don Battista non riesce a superare l’esame di ammissione che gli viene chiesto di fare presso il Collegio Balbi Valier di Pieve di Soligo. Davanti a tanti ostacoli, al giovane Battista viene suggerito dalla madre di andare a pregare sulla tomba del venerabile Giuseppe Toniolo a Pieve. Lui ascolta le parole della mamma e lo fa, con grande devozione, prima di presentarsi al colloquio decisivo con il rettore del Seminario Vescovile di Vittorio Veneto, mons. Zoppas che gli dice“Per l’esame non superato chiudiamo un occhio,per il numero di alunni ne chiudiamo due, per la presentazione del parroco di Roverbasso, ti raccomando, quando tornerai a casa nel periodo di vacanza, di andare a Messa nella tua parrocchia”

GRAZIE AL BEATO TONIOLO

Don Battista è certo, e lo racconterà spesso ai conoscenti e agli amici che fu l’intervento del Beato Toniolo ad aprirgli le porte del Seminario, Oggi che è ritornato alla Casa del Padre, ripercorrendo la storia della sua vita non c’è ombra di dubbio. Inizia così il cammino del giovane Battista verso il sacerdozio, ma problemi sembrano non essere finiti. Finita la terza media, i fabbricieri della parrocchia di Roverbasso, constatando l’assenza del giovane dalle funzioni, si rifiutano di versare il contributo parrocchiale per il giovane seminarista e convincono il parroco a scrivere una lettera ai genitori per comunicare loro l’impossibilità di iscrivere il figlio alla classe successiva, senza fornire ulteriori spiegazioni. Su consiglio del parroco di Codognè, il giovane si presenta ugualmente in Seminario alla vigilia della ripresa delle lezioni. Il colloquio con il rettore ed il vice rettore permette di chiarire la situazione e così egli può iniziare il Ginnasio. Sono anni in cui Battista si fa voler bene da tutti, compagni di classe e insegnanti,per il suo buonumore ed il suo spiccato senso dell’umorismo che lo accompagneranno per tutta la vita come uno dei suoi tratti caratteristici più importanti, assieme all’umiltà e alla bontà d’animo che tutti coloro che lo hanno conosciuto gli hanno reputato.

LA MALATTIA

Nel 1953, anno in cui vengono ripristinati gli antichi confini della parrocchia di Codognè, il chierico Battista si ammala ma non si riesce a diagnosticare subito la polmonite acuta complicata in seguito da setticemia. In poco tempo perde 30 chili di peso ed è ormai in punto di morte. Viene ricoverato il 29 gennaio, ma il primario dell’ospedale, dopo averlo visitato, invia superiori e familiari a rassegnarsi al peggio. La mamma, da sempre devota alla Madonna di Lourdes prega per la vita del suo amato figlio. Poco dopo la perizia e la scrupolosità di un radiologo riescono a individuare con precisione il focolaio dell’infezione.L’intervento successivo al polmone da esito positivo e il giorno della festa della Madonna di Lourdes il giovane Battista viene dimesso dall’ospedale. Tutte queste “coincidenze” possono passare inosservate a un non credente. Per don Battista invece sono certezze e conferme di un disegno Divino e di una speciale protezione da parte della Madonna di Lourdes alla quale rimarrà devoto per tutta la vita compiendo numerosi viaggi in pellegrinaggio alla Grotta, tanto che il 1 febbraio 1993 gli verrà conferito il titolo dal vescovo di Lourdes di “Cappellano Onorario di Nostra Signora di Lourdes”. La nomina, anticipatagli con un telegramma da Don Decio Cipollini, assistente nazionale dell’UNITALSI, gli verrà conferita personalmente dal vescovo di Vittorio Veneto mons. Eugenio Ravignani, il 6 giugno del 1993 nella Basilica di S.Maria di Follina.

IL PERCORSO DI SACERDOTE E LE PARROCCHIE

Nel 1969 vene assegnato alla parrocchia di FALZE’ DI PIAVE dove rimane per sei mesi.

Nel 1970. l’11 gennaio, giorno di gran freddo e di pioggia intensa, fa il suo ingresso a SARONE come parroco, dove rimane fino al 30 maggio 1982 quando l’allora vescovo mons. Cunial gli assegna la parrocchia di BIBANO resa vacante dalla scomparsa di Don Dionisio Ragazzon, il 9 aprile durante la processione del Venerdì Santo. Qui trova una grande accoglienza da parte dei parrocchiani, sempre pronti a sostenerlo nelle sue numerose iniziative. Tra le opere parrocchiali da lui intraprese, i suoi fedeli ricordano il 9 novembre del 1985 la consacrazione della chiesa parrocchiale a San Martino Vescovo da parte di mons. Eugenio Ravignani vescovo di Vittorio Veneto.

Nel novembre del 1998 una brutta influenza compromette per sempre il suo udito e lo costringe con grande sofferenza d’animo a lasciare la sua amatissima parrocchia di BIBANO. Da BIBANO infatti proveniva la nonna che lui amava tanto, Teresa Buoro in Barbaresco, conosciuta come donna di grande fede e per le sue virtù eroiche.

Nel giorno del Santo Natale del 1998 il vescovo di Vittorio Veneto mons. Alfredo Magarotto, ha voluto onorare don Battista con la nomina di Canonico della Cattedrale di Vittorio Veneto con il titolo di Monsignore.

LA PERSONALITA’ IL CARATTERE, L’UOMO DEL SORRISO

Le coincidenze sono il modo di Dio per rendersi anonimo” (Albert Einstein)

Chi ha avuto la fortuna di conoscere don Battista sa benissimo che la sua caratteristica principale era quella di avere sempre un sorriso sulle labbra. Con il suo sorridere trasmetteva quella tranquillità d’animo e quel senso di pace che erano le altre componenti del suo carattere. Il percorso che ha seguito per arrivare al traguardo tanto agognato del sacerdozio è stato difficile e pieno di difficoltà, ma le “Coincidenze” che per un fervido credente come lui altro non erano che piccoli grandi aiuti Celesti al fine di coronare un sogno. Il sogno di don Battista era quello di portare il Vangelo nel cuore dei suoi fedeli e di far conoscere l’amore per Maria, alla quale era profondamente legato dalla devozione trasmessagli da mamma Elisa che lo accompagnerà fino al giorno del suo ritorno al Padre, nel mese dedicato alla Madonna del Rosario, mentre a Codognè, suo paese natale si celebra in questi giorni proprio la festa della Madonna del Rosario. Un’altra “Coincidenza” di cui è costellata la sua vita. Una semplice coincidenza per i non credenti ma per l’uomo di fede ed il Buon Pastore che è stato don Battista, sicuramente un ABBRACCIO della Madre Celeste che oggi lo accoglie assieme alla sua mamma terrena nel Paradiso dei Giusti. (riproduzione riservata@piodalcin copyright)

E’ questa la nostra religione? Padre Pio esposto a Roma?


Padre Pio e Padre Leopoldo esposti a Roma per il giubileo? Credo sia una buffonata da evitare

Leggo su Facebook questo articolo che annuncia l’esposizione dei corpi di Padre Pio e di Padre Leopoldo in occasione del giubileo il prossimo febbraio 2016 (http://www.famigliacristiana.it/articolo/padre-pio-sara-esposto-in-san-pietro.aspx)

 E’ vero che la gente ha bisogno di qualcosa di tangibile per credere di più. Forse è questa la ragione per cui in Italia abbiamo questo bisogno di vedere per credere, ed è qui che casca l’asino. Mi chiedo a volte come fanno le altre religioni a sopravvivere senza una madonna che piange o parla a Medjugorie, senza San Gennaro con il sangue che si liquefa e tutte le altre “trovate” del genere. Ho sentito che da Padre Pio hanno costruito una mega cattedrale con toma d’oro e tutto il resto. Conoscendo Padre Pio attraverso i racconti di mio padre che l’ha conosciuto posso dirvi con sicurezza che il Santo da Petrelcina si sarà rigirato nella tomba almeno un paio di volte al giorno. Lui che abborriva gli sfarzi ed ha dedicato la sua vita a raccogliere fondi per il suo ospedale non avrebbe mai accettato di essere messo in una specie di sarcofago dorato e qui sbaglia la Chiesa a far passare per “migliore” una cosa solo perchè è rivestita d’oro. Padre PIo è nel cuore di chi lo ha conosciuto ed amato, non serve farlo itinerare come un fenomeno da baraccone, e nemmeno padre Leopoldo, un’ altro semplicione e umile frate che passava dodici ore al giorno a confessare. Vergogna per un’iniziativa “ridicola”, chiunque l’abbia concepita sta facendo perno sull’ingenuità e la voglia di “toccare” con mano della gente. Rimettete Padre Pio in un umile tomba e lui riprenderà a fare miracoli come prima. E’ ora di finirla con le buffonate ed è meglio insegnare alla gente che il cuore è il miglior veicolo per la preghiera ed il ricordo delle persone che non ci sono più. Perché ostinarsi a voler produrre “idoli”. Le loro vite sono il segno più evidente di una semplicità e umiltà che purtroppo ci sta sfuggendo di mano. A cosa servono veramente queste icone? Ad attirare più “fedeli”. Se cancellassimo improvvisamente tutte queste esposizioni con forte valenza circense, quanti sarebbero disposti a credere ancora a Gesù? I Santi sono coloro che hanno speso la loro vita cercando di imitarne l’esempio e atttraverso le loro opere ed i loro miracoli ne perpetuano il ricordo e l’amore.Abbiamo veramente bisogno di queste buffonate?
 Ecco l’articolo di +Famiglia Cristiana 

Le voci si erano rincorse dallo scorso giugno, ma ora c’è la conferma ufficiale: l’arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e la provincia “Sant’Angelo-Padre Pio” dei frati minori cappuccini, in un comunicato congiunto, annunciano che l’urna con le spoglie di san Pio da Pietrelcina sarà esposta nella Basilica Vaticana dall’8 al 14 febbraio 2016, in occasione del Giubileo straordinario. Con l’autorizzazione del cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, arriverà a Roma da Padova anche l’urna con le spoglie di san Leopoldo Mandic, altro frate cappuccino che esercitò in modo straordinario il ministero della confessione sacramentale.
San Leopoldo Mandic, frate cappuccino che esercitò in modo straordinario il ministero della confessione sacramentale.

San Leopoldo Mandic, frate cappuccino che esercitò in modo straordinario il ministero della confessione sacramentale.

Entrambi i santi potranno essere venerati dai fedeli, in particolare, il 10 febbraio 2016, Mercoledì delle ceneri: quel giorno papa Francesco «invierà in tutto il mondo i missionari della misericordia, conferendo loro speciale mandato di predicare e confessare perché siano segno vivo di come il Padre accoglie quanti sono alla ricerca del suo perdono», ha scritto l’arcivescovo Rino Fisichella (presidente del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione) all’arcivescovo pugliese Michele Santoro. Precisando che il pontefice aveva espresso il «vivo desiderio» di avere in Vaticano i resti dei due santi confessori in questa circostanza, monsignor Fisichella aggiunge nella lettera: «Anche la presenza delle spoglie di san Pio sarà un segno prezioso per tutti i missionari e sacerdoti, i quali troveranno forza e sostegno per la propria missione nel suo esempio mirabile di confessore infaticabile, accogliente e paziente, autentico testimone della misericordia del Padre».

Il 13 febbraio papa Bergoglio incontrerà in udienza privata i figli spirituali di san Pio, provenienti da tutto il mondo: in Vaticano confluirà una folta rappresentanza dei Gruppi di preghiera che riuniscono i devoti del santo originario di Pietrelcina. Dal primo giugno 2013 il suo corpo è esposto in modo permanente a San Giovanni Rotondo (in provincia di Foggia), nell’intercapedine del plinto centrale della chiesa inferiore intitolata al Santo, custodito in un’urna di vetro. Il prossimo anno ricorre anche il centenario dell’arrivo di padre Pio (Francesco Forgione) nel piccolo paese sul Gargano e il 60° anniversario della nascita dell’ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza”. Lo scorso 22 aprile – a margine dell’udienza generale del mercoledì – papa Bergoglio aveva annunciato a fra Flaviano Giovanni Gusella, rettore del santuario di san Leopoldo Mandić, che il santo sarebbe stato «uno dei protettori del prossimo Anno santo della misericordia», anticipando l’intenzione di presentare ai cattolici la figura dell’umile confessore cappuccino.

I suoi confratelli – ha scritto fra Gusella in un messaggio pubblicato sul sito internet del santuario – «rendono lode al Signore, fonte di ogni misericordia, il quale ha reso padre Leopoldo Mandic specchio della sua bontà e, attraverso il sacramento della penitenza, ha aperto le coscienze di molti alla grazia e alla conversione. Egli ha vissuto la sua vita consacrata e il suo ministero desiderando ardentemente l’unità di tutti i cristiani in un solo ovile, sotto un solo Pastore. La sua intercessione ottenga anche agli uomini e alle donne del nostro tempo di desiderare e sperimentare la gioia del perdono, faccia sì che tutti i confessori siano volto e braccia della misericordia del Padre, preghi per noi affinché siamo pazienti e tenaci costruttori di unità».