Codognè alle urne tra poco.Chi voteremo?


Roberto Bet all'arrivo della corsa contro la crisi(by pio dal cin)

 

Cinque anni sono passati in fretta

Ci siamo, di nuovo, capperonzoli sono già passati cinque anni? Ricordo con piacere quel periodo di campagna elettorale che portò alla vittoria dell’attuale sindaco Roberto Bet. Erano altri tempi.

 

Cos’è cambiato e cos’è rimasto uguale?

Quante cose sono cambiate in cinque anni. La crisi morde ancora, i politici ed i politicanti sono diventati sempre meno credibili e si sono divisi l’elettorato in tre parti uguali (più o meno). Grillo sbraita, Renzi dice di fare,Alfano sottoscrive e Berlusconi sta andando ai servizi sociali o agli arrresti domiciliari.Brunetta fa dichiarazioni di guerra e viene smentito dal Cavaliere
 

Facce  Toste

Formigoni appare in tutte le trasmissioni televisive ostentando una faccia tosta e non solo; riesce a distribuire consigli e frecciate ai suoi compagni di partito ed ai suoi opponenti quasi fosse il nuovo “Messia della politica“. E’ di oggi la notizia del sequestro di 40 milioni di Euro di valore immobiliare che lui naturalmente, continua a negare

I Veneti vogliono più autonomia

Il Veneto vota il plebiscito. Vengono arrestati dei Veneti con un trattore armato di cosa non si sa, mentre chi ruba e ha rubato è comodamente seduto in poltrone inattaccabili in parlamento

Vogliamo il referendum ma sappiamo che non ci lasceranno mai essere indipendenti. Qual’è il contadino che lascerebbe andare la sua “mucchetta” più fedele nel fornire abbondanti quantità di latte fresco e appena munto e di ottima qualità? 

Come voteranno i Codognesi?

 

Le elezioni di un Comune sono molto legate alla persona ed alla squadra che è stata scelta per governare. Poco centrano con i giochi subdoli e strani i un Palazzo che sembra sempre più lontano dalle esigenze della gente comune e semplice (mi riferisco ovviamente al Palazzo di Roma, non a quello di Codognè).

Se dai frutti dovremo riconoscere se l’albero è buono, non servono altre promesse elettorali. Se la gestione di Roberto Bet è stata buona lo si capisce facendo un breve rewind degli ultimi cinque anni, tenendo vicino il foglietto  su cui erano scritte le promesse fatte in campagna elettorale.

La domanda è semplice e lascia spazio solo ad una piccola riflessione dettata dal buon senso: Il sindaco e la sua squadra hanno saputo governare bene il paese oppure hanno dimostrato incompetenza e menefreghismo verso i problemi e le opere da realizzare?

Ognuno si dia la risposta. La mia me la sono già data. Cinque anni dopo non appartengo a nessun gruppo politico e non ho nessuna tessera in tasca. Baserò il mio voto su quanto ho scritto sopra.

 

Dis-Unione Europea

Non voterò invece per le Europee. Non credo all’Europa Unita, mi spiace. Facciamo fatica ad andar daccordo tra Paesi della stessa provincia, tra province della stessa Regione, tra Regioni dello stesso Stato e vogliamo mettere insieme la Finlandia con la Francia, la Norvegia  con la Turchia (prossimo candidato all’entrata in Europa) la Danimarca con la Spagna?  Non abbiamo una politica estera, una legge che tuteli l’immigrazione e la regoli in modo da non far pesare tutto su un solo Paese. L’unica unione in Europa è quella monetaria e dello strapotere delle banche più forti (Germania) Abbiamo bisogno di un’Europa che ci dia le direttive su come vogliamo spendere i nostri soldi? O come dobbiamo cucinare le nostre Pizze con forno a legna o elettrico?

Votiamo chi conosciamo

 

>Foto dal Paese

Nessuno ha formule magiche per uscire dalla crisi e le promesse se non si possono mantenere è meglio non farle. La nostra gente è tutto fuor che stupida e saprà fare la scelta giusta.In Paese abbiamo l’opportunità (e non è poco) di dare la fiducia con il nostro voto a volti conosciuti, a gente che possiamo andare a trovare in municipio se abbiamo bisogno di parlare e discutere di qualche problema.

Non resta che continuare sulla strada iniziata, sperando che diventi meno ripida, meno tortuosa, soprattutto per le persone più deboli,per i giovani che cercano un esempio ed un pizzico di fiducia nel futuro che avevamo promesso essere più bello;

per i nuovi poveri,i disoccupati, gli esodati,i cassaintegrati e tutti coloro che hanno perduto o rischiano di perdere il lavoro travolti da una crisi che sta mettendo alla prova tutti.

Nel nuovo modo di far politica le promesse poco contano; siamo ai ferri corti, il FARE è di gran lunga superiore al “Prometto di…” al quale ormai non crede più nessuno.

>-Fotostoria- Video -Campocervaro Cimetta Codognè Corsa Podistica 2009 -

 

 

 

 

 

 

 

Enhanced by Zemanta

Forconi.Provinciali Regionali e poi a Roma.I Politici si mettano le mani in tasca


Saturday, December 14, 2013

Forconi.Provinciali Regionali e poi a Roma.I Politici si mettano le mani in tasca

(by pio dal cin) I Forconi che vanno a Roma? Un po troppo presto credo. A mio modesto avviso+Beppe Grillo , Letta, Alfano Epifani,D’Alema, Bossi,Renzi, Vendola, Casini, Bersani e via così, da destra a sinistra, senza distinzione di partiti. La gente non ne puo’ piu’ di sentire le solite chiacchere. E’finito il tempo del blablabla.Agiscano subito, il tempo è scaduto.

dovrebbero riunirsi prima nelle regioni, poi tra Regioni vicine Veneto Friuli, EmiliaRomagna, Toscana Umbria e così via.I politici? Aiutino concretamente auto-tassandosi per Natale e regalando un po di quella ricchezza che hanno sottratto agli Italiani in questi anni. Anche
La protesta dovrebbe rimanere non violenta, altrimenti si rivelerebbe un boomerang. I Forconi istituiscano nei presidi dei comitati di sicurezza che tengano lontani i violenti. Ognuno faccia la sua parte, ma soprattutto i politici che sono giustamente diventati il vero “bersaglio£ di questa protesta popolare che si allargherà a macchia  d’olio contrariamente a quello affermato (sbagliando) da Letta che ha detto che questa è solo una piccola minoranza che non rappresenta l’Italia (facendo un clamoroso autogol) 

I politici agli Italiani “Che mangino brioches”


o Sbaglio di Letta e dei politici rispetto ai “Forconi” “Che mangino brioches”?

Il Movimento dei Forconi: cos'è?
Il Movimento dei Forconi: cos’è? (Photo credit: KoFahu meets the Mitropa)
Il Movimento dei Forconi: cos’è? (Photo credit: KoFahu meets the Mitropa)

(by pio dal cin)  Ieri ho scritto il mio primo  pensiero in  Questo post a proposito della rivolta dei“Forconi”.
Abbiamo accertato che i politici diRoma vivono in un’altra dimensione, una sorta di Universo Parallelo ricco, ovattato e fuori dalla realtà di ogni giorno. Che Letta dica“Questa piccola minoranza non rappresenta l’Italia” rivolgendosi a coloro che, disperati da una situazione che sta diventando ogni giorno più drammatica, non ha capito un tubo, come non hanno capito i vari politici che dalletrasmissioni TV continuano a sparare cazzate, senza rendersi conto che il loro mandato è scaduto.

Se io rubassi mentre lavoro, o in un supermercato,in una banca o un ufficio privato cosa mi succederebbe? Sarei arrestato e dovrei subire un processo.

I politici che hanno rubato e rubano continuano a fare i parlamentari, non vengono “licenziati”. La gente, il Popolo Italiano è stufa e vuole misure immediate per affrontare la crisi, non chiacchere. E’ arrivato il momento della riscossa e che si chiami movimento dei “Forconi” o del “Cittadino Disperato” o del “Giovane senza lavoro” dell'”Esodato” del “Pensionato affamato”  non importa

Quel che importa è che oggi padri di famiglia, giovani, anziani sono tutti daccordo su un punto: Questa “rivolta” che è pacifica ( a parte qualche sporadica eccezione) andrà molto, molto lontano.La pressione fiscale che subiamo è diventata insopportabile e molti ormai non hanno più nulla da perdere se non la propria integrità, la propria dignità e la propria vita.

Ieri c’era Formigoni  in TV; riapparso dal nulla dopo la bufera sulla sua amministrazione dellaRegione Lombardia. Adesso è sempre in TV e sembra il nuovo paladino del popolo. Nessuno lo vuole vedere, e la gente in piazza ieri, gli ha girato le spalle mentre lui, con il suo sorriso beffardo sparava cazzate.

Stasera su “Servizio Pubblico” c’è Brunetta, e avanti così. Tutti a sparare parole,parole,parole.

Ascoltate questa interessante intervista rilasciata dal giornalista Luttwak a Repubblica qualche mese fa, dove da del “Pazzoide” a +Beppe Grillo  e spiega il perchè ci sarà rischio di violenza nelle strade

La gente vuole soluzioni. Quali?

Diminuzione della pressione fiscale – Togliete tasse odiose come il Canone Rai, Imu, mini Imu, Irpef, Ilor
Iuc Iac gulp e fuck. Licenziate e chiudete gli uffici della Burocrazia e prendete i loro stipendi, assommateli a quelli dei politici strapagati e distribuiteli alla povera gente.

Meno Tasse sulle buste paga  Ma vi serve proprio mungere il povero cristo che lavora? Ritirate le commesse sugli aerei F35 ed i soldati dall’Afganistan. Ma chi ci deve attaccare? La Francia? La Germania?
E’ ora di finirla con queste spese assurde

Imprese che chiudono  Pagate i debiti alle Imprese (Stato inadempiente) lasciate che assumere un giovane diventi un onore invece che un’onere. Date la possibilità a chi fa impresa di svolgere la sua attività senza la burocrazia che rallenta ed impantana tutto, che prosciuga le casse e non serve a niente

Agenzia delle Entrate ed Equitalia Controlli, cartelle fiscali, multe. Basta. Quanti Italiani ancora si devono suicidare per farvi capire che una cartella che arriva ad un povero cristo che non puo’ più pagare perchè ha perso il lavoro, o perchè ha i figli da sfamare, un mutuo da estinguere, puo’ diventare letteralmente un “cappio al collo”?

Costi della Politica  Immorale che un Parlamentare prenda in un mese lo stipendio che un’ operaio prende in un anno. Auto Blu, privilegi, spese pazze pensioni d’oro. Uscieri del Quirinale che prendono diecimila euro al mese per stare come delle statue dietro al Presidente mentre rilascia le interviste

Si caro Letta, e con lui i vari Alfano e la compagnia allegra (ridono e sghignazzano quando non sanno di essere inquadrati dalle telecamere) di Governo; a voi potrà sembrare che questa “minoranza” non rappresenti l’Italia ma sbagliate.

Prima o poi dovrete fare i conti con questa fiumana di gente, il popolo Italiano che siete stati indegnamente chiamati a rappresentare, e che non vi vuole più. Ma non solo voi, di sinistra o di destra o di centro. Non vi vuole più, di qualsiasi partito siate. Questa non è una rivolta dei partiti. E’ una rivolta del popolo Italiano, che vi ha creduto per oltre cinquant’anni e che ora sta affilando la “ghigliottina” che per il momento (purtroppo) è solo virtuale, ma che vi farà ugualmente male, perchè non potete dire al popolo Che_mangino_brioches! 
Lo disse poco prima della Rivoluzione Francese Maria Antonietta, e fu un’affermazione che le fece letteralmente “perdere la testa”

Pope Francis visits the forgotten in Lampedusa Island


by pio dal cin Codognè  Pope Francis is celebrating the Holy Mass, as I write, in an Altar made with a boat used by some of the thousands immigrants that every year try to make it to the European Southernmost point of Lampedusa, an Island that is geographically in Italy but it is closer to African coasts thatn Berlin or Bruxelles. Not only geographically but also politically, since the European Union has done absolutely nothing to help this tiny Island of 5000 people to hel them with the immense flux of people that try to make it here and have perished in the efford by the thousands (20.000 is timid estimate so far)

http://www.codognetreviso.com/2013/07/pope-francis-visits-lampedusaport-of.htm

Perchè Grillo perde consensi e continuerà a perderne se non cambia rotta


http://www.codognetreviso.com/2013/05/grillo-perde-consensi-perche.html

English: Beppe Grillo, Italian comedian, activ...
English: Beppe Grillo, Italian comedian, activist and blogger. (Photo credit: Wikipedia)

 

“No More Hurting People” Martin the boy killed in Boston wrote


https://plus.google.com/u/0/115135005437142391944/posts/3kCUFvdC9kh

 

This is a sad story about a young kid who went to see his dad run the Boston Marathon and was at the wrong place at the wrong time. A couple of years ago he was photographed holding a sign that says “NO MORE HURTING PEOPLE. PEACE” as you can see  by clicking on the link above.

 

What a terrible loss. How many children do we have to lose to insanity and  hatred?  Is this the Country that our forefathers fought so hard for? Is this the Freedom that we have conquered fighting wars and terror both abroad and at home? The time for a change  has come. Enough of the killing of children, teachers, dads moms,brothers and sisters. Why do we have to pursue hatred instead of Love ? What if that child was our own? What if that child was of the evil person who placed the bombs?

Every child that dies on Earth from Newtown to Aurora, from Damascus to Rome leave us human beings impoverished . We must change the killing and the hatred into Love and Compassion. We are all tired of the breaking news bringing us images of death and dispair.

Sting wrote in one of his songs “I hope the Russians love their children too” Don’t we all? From the North to the South Pole of this battered Planet, where we are “implanted” to live for a short span of time ? We are all going to die one day, so why do we keep on killing each other? What is wrong with us?

One last thought for the evil people who carried out this last massacre. Look into Martin’s eyes while is holding his sign “NO MORE HURTING PEOPLE” and think at what you did to that family tthat was spending a holiday together. Look at what you did to a City, Boston and its people. Look what you did to a Country, and then look at yourself in the mirror.

One day you will face death too. It may come fast, or slow, who knows. On that day you will think at what you did yesterday and your tears will not grant you a second more on this Planet. Then you will close your eyes and you will be among those considered the scum of humanity.

 

 

 

One

 


St. Francis of Assisi (circa 1182-1220)
St. Francis of Assisi (circa 1182-1220) (Photo credit: Wikipedia)
St. Francis of Assisi (circa 1182-1220) (Photo credit:Wikipedia)
Pope Francis waves to crowds
Pope Francis waves to crowds (Photo credit: Christus Vincit)

(by pio dal cin) Stunning decision by Pope Francesco today when he announced that He will not move into thePapal Apartmentpreviously occupied by His predecessor Benedict XVI but He will stay in the Santa Marta Humble Apartment  where he was when theConclave was held.

The decision underlines a behaviour that has made George Bergoglio, Pope Francis, or Papa Francesco as you may want to call the new Pontiff, so popular with millions of people. 

Few days ago He announced that the Good Thursday’s celebrations of the “washing of the feet” will be held in a Jailhouse in Rome, where minors are detained for small crimes.

His ways and His words of Peace and Poverty, resemble more and more the life and the “modus operandi” od Saint Francis of Assisi, the most famous Saint of Christianity who left all his belonging to the poors and tried to be in touch with the last ones, trying to live pratically the teachings of Jesus.

Today’s decision of staying in the apartment he shared with His fellow Cardinals during the conclave determines the path that He is going to take during His Papacy and makes people go crazy for Him and His simple ways