Civitanova Marche e i “suicidi” Verra’ un giorno….


L'inferno esiste solo per chi ne ha paura Fabr...
L’inferno esiste solo per chi ne ha paura Fabrizio De André (Photo credit: ho visto nina volare)
(by pio dal cin) E’ doveroso stasera, dopo che si sono celebrati i funerali  a Civitanova Marche Omicidio di Stato tornare a meditare sulla morte  dei tre anziani che si sono tolti la vita perchè non riuscivano più a pagare l’affitto con una misera pensione. 

Di chi la colpa? Su chi puntare il dito? Innanzitutto diciamo che la cosa stride in maniera pazzesca con gli stpendi da urlo, le pensioni d’oro e le buone uscite delle quali sono privilegiati tutti i nostri Parlamentari (clicca qui per leggere in dettaglio)

Da destra a sinistra tutto il Parlamento è responsabile dello stillicidio che si è andato verificando negli ultimi mesi tra imprenditori e pensionati. Certo è facile per un gruppo o per l’altro far rimbalzare le colpe e scaricare le responsabilità. 

Io dico che se fossi un membro del Pd del Pdl del Movimento Cinque stelle, della Lista Civica Monti, o uno dei qualsiasi gruppi o partiti presenti in Parlamento oggi, sabato 6 Aprile 2013, mi sentirei completamente responsabile di queste morti, non ci sono scuse o alibi per cui si possa scaricare la colpa su qualcun altro. 

Chi ha governato negli ultimi vent’anni, chi governa ora, chi NON governa ora, chi sta perdendo tempo in una situazione a dir poco esplosiva.

Sedetevi, ragionate, e prendete le misure necessarie per arginare questo fenomeno che sta assumendo i contorni di una vera e propria tragedia Nazionale. Come?

Cominciate ad innalzare le pensioni minime ad almeno un “minimo” di 1000- 1200 Euro, in modo da far respirare chi ha lavorato una vita sputando sangue in una fabbrica magari facendo turni impossibili, e che ora, con 400 Euro non ha nemmeno i soli per garantirsi una vita degna di essere chiamata tale, mentre voi tutti percepite stipendi assurdi per non combinare assolutamente un tubo


                                                                                              VERRA’ UN GIORNO…



Verrà un giorno anche per voi, nel quale non riuscirete a sottrarvi alla Giustizia Divina. Quando, sul letto di morte, dopo aver rubato e scialacquato quello che è del Popolo Italiano, dovrete anche voi fare i conti e tirare le somme della vostra inutile esistenza. Dovrete confrontarvi con la vostra stessa immagine e coscienza, e forse, solo allora, capirete quanto male avete fatto ai vostri simili, colpevoli solamente di aver delegato a degli innetti la gestione della cosa pubblica.

Scrivo questo post a nome di tutti gli imprenditori e i poveri pensionati che hanno deciso di togliersi la vita pressati dalle tasse, da inutili e soffocanti burocrazie,da ingiustizie sociali che gridano vendetta al cospetto di Dio. Se potessero dire loro queste parole, lo farebbero, ma hanno deciso di andarsene in silenzio, in un silenzio che dev’essere assordante per tutti voi che non riuscite a prendere delle decisioni necessarie per salvare i passeggeri di una Nave, l’Italia che sta lentamente sprofondando nelle sabbie mobili che voi stessi avete creato.

Voi, Voi chi? Da sinistra a destra, tutti, senza esclusione. Tutti.

Bersani. Perdita inutile di tempo. E adesso?


(by pio dal cin) Lo Lo sapevamo tutti. Lo sapeva Bersani e lo sapeva Napolitano. Il Governo non si sarebbe fatto. Quello che non riesco a capire è il perchè Napolitano abbia conferito il mandato a Bersani che se l’è presa con una dannata calma, come il condannato che si avvia al patibolo senza fretta.

                                                                                     Il nuovo volto di Bersani

 
 
Forse Napolitano lo doveva alla vecchia guardia Bolscevica capitanata dallo skipper miliardario D’alema, o forse ha dovuto farlo perchè grazie al porcellum Bersani risultava vincitore, anche se lui stesso ha ammesso dopo le elezioni “Siamo i primi, ma non abbiamo vinto” (frase da consegnare ai posteri)
 
Visto che il matrimonio PdL Pd non si è potuto
realizzare (avrebbe spostato milioni di consensi verso +beppe grillo  +Beppe Grillo ) adesso la palla e la patata bollente tornano a Napolitano.
 
Si è perso anche troppo tempo. Bersani passerà alla storia come quello che ha cercato di fare quello che tutti sapevano già non sarebbe mai riuscito a fare. Peccato che si sia perso troppo tempo.
 
A chi toccherà ora puo’ deciderlo solo il Presidente. L’unica via a mio modesto parere è di individuare una brava persona, non legata alla vecchia politica, un super tecnico che possa traghettare il Parlamento verso quelle riforme urgenti che il Popolo chiede a squarciagola da oltre un anno.
 
In TV sanno solo ripetersi. I vari leaders e rappresentanti di partito si inseguono da Agorà
Porta a Porta , da Ballaro’ a Servizio Pubblico ripetendo le stesse frasi fatte su quello che bisogna realizzare per il Paese come dei “vinili” vecchi dove la puntina salta in continuo rimandando la stessa musica ossessivamente.
 
Posted 5 minutes ago by