Prosecco’s Hills of Conegliano & Valdobbiadene.Why are we a world’s heritage spot by UNESCO


Riccardo Poletti with a guitar bought at a charity auction by Desiderio Bortolin

“Take this glass with you” Told me Riccardo Poletti, the “right arm” of the family Bortolin that celebrated last year their 50th anniversary in this adventure ( I wouldn’t call it business because that is not the way they see it) “We are not going to taste our wine inside a cellar, we are going right there, where it’s produced” We took the ten minutes ride on a Land Rover through a rough path till we reached the top. Looking around there were only wineyards. 360 degrees of rolling hills. “This is where we produce, where we shed our swet trying to pamper our grapes so that they can become the best of wine. We pick them grape by grape, by hand. the morphology of the terrain doesn’t give us any other choice. In some cases, where the hills are really steep we have to secure ourselves to ropes, as if we were climbing a mountain, to make sure we do not fall. The hand picking assures a grape that is not smashed or damaged and this gives us thechoice of picking the right time to process it and turning it into the best Prosecco di Valdobbiadene & Conegiano. The recipe comes from our grandfather and other great men who believed in the potential of these hills just after the Second World’s War and experimented continuosly till they developed what is known today as the Valdobbiadene-Conegliano method of processing that is studied by all the producerds around the world” Riccardo uncorks the bottle with its typical sound. He then takes half a glass and purs it on the ground. “Rinsing the glass?” I ask. “Not really.. This is what we do always before drinking our wines. We give back some to Mother Earth what belongs to Her, it is a thanksgiving act that we perform all of the time” I’m positively startled. This is the bond between this working people and their Land, their Hills, their Grapes.

“pouring the wine before drinking it is a sort of Thanksgiving to Mother Earth that has provided us with this nectar made with love and passion. This is what we are”

During the two hours we spent together I learned from Riccardo and Desiderio Bortolin, the owner of the omonym wine producer’s cellar, that it is NOT the Prosecco itself that has gained the world’s heritage mention by UNESCO, is the Territory, the HILLS and all the products tha come within it in a huge container (like a hashtag). There are places and cheeses, meats and honey, churches from the ninth century and salami, and above all the LOVE. The LOVE of this great PEOPLE who were born here and they belong to these hills, to their rock, to their steepness, to the hard work of their ancestors that continues on to the new generations. “We love to provide a honest product. We aren’t in business just for the money or to cheat our customers , we are here to make sure to give everyone who puts their trust in our wines gets the best. Everyone returns for more, and this for us is the best reward.

(copyright by pio dal cin 2019- all rights on photos and text are reserved)

The breathtaking view from the “SALIS” B&B ‘ pool and SPA
The terrace at Salis’ Restaurant on the HIlls
Maria Boghetto manager of Salis B&B and SPA on the Hills

Continuing on my serach for the truth on this breathtaking area I decided to give it a “pink cut” and by that I mean that where there is something great in a place there must be some great women. I searched for them and find a few worth spending some time with, for their dedication to the Territory and above all for their LOVE and the PASSION they put in what they do. MARIA BOGHETTO was a woman keen to deal with numbers. Thirtheen years ago, after the passing on of her husband’s grandfather, she decided to turn the old farmhouse into a B&B. (four daisies is like four stars for a hotel). There are nine rooms and the swimming pool, along with the Jacuzzi, are placed in the right spot so that one can enjoy the amphitheatrical view of the Hills. “Every day, when I come to work, I consider myself a very lucky person” Says Maria :”What more could I ask for? Look at the scenery, isn’t it wonderful? ”

What do you think is needed now to develope this into something “up to the excpectations of the prepared tourists given the new spotlight?

“We really need to work together as in one body. There must be a single direction where we point to and there must be a guidance that would be appropriate to have in order to convey our energies with strict and solid rules as the Ten Commandements of the Hills, we also need a tourisms of prepared people who come here knowing what to expect, no need for load full of tourists who come in the morning and leave in the evening. This Hills and its Territory must be sipped slowly, like a good glass of CARTIZZE.”

Alfia De Sorbo was an accountant who decided to create a joyful, peaceful relaxing spot in VALDOBBIADENE. She remodeled the old houseand its three rooms and called it “LA CASETTA” (the small house). Here the guest have the whole house at their disposal, not just the room. The warmth and the good vibrations are everuywhere as Alfia created a small paradise inside this great place, ” I like to pamper my guests. My reward is to see them coming back, and they do. They love the concept of having the house for themselves. I love them staying here and enjoying the territory slowly, perhaps with a mountain bike, an electric one is worderful to taste the beauty of these Hills”

Michela De Bona was born on these Hills.In the last twenty years she lived her path of Public Relations getting to know all the businesses, the people, the restaurants and all enterprises small, medium and big. She loves these hills like she loves her two twin children and she knows everyone in the area. Michela to me is like a sister and everytime I need to know something in particular, a person, a business, a B&B, a restaurant, a place to visit, she points out the best, the one that has a story behind, because SHE KNOWS the story of every corner, or every person in this wonderful area. She is about to start something new, because she believes that this Territory, from Venice to the Dolomites must be known and the best way to do it is slowly, and why not on top of an eletrical bike.This gives me the opportunity of say THANK YOU Michela, from the deep of my heart, you have made my job of writing, taking photos, talking to people and getting to know these hills really easy.

Giancarlo Giannini strepitoso a Conegliano


NOV
20

Grazie Giancarlo Giannini a Conegliano Veneto

Una grande pagina di teatro è stata scritta quasi in silenzio questa sera a Conegliano, al Teatro Accademia di Giorgio Fabris.

Quasi in silenzio perchè, in punta dei piedi il mostro sacro della recitazione, l’artista, il più bravo attore che l’Italia annovera tra le folte fila di coloro che amano questo mestiere, ha saputo regalare ad un teatro stracolmo di gente un esempio unico di come si reciti una poesia.

Coadiuvato da due musicisti il Maestro Giancarlo Giannini ha declamato Dante, Petrarca, Ungaretti, Pasolini, Prevert, Shakespeare, D’Annunzio, Neruda ,Lorca e molti altri con un pathos e una capacità espressiva che appartiene solo a pochi bravi attori.

Personalmente ho apprezzato moltissimo l’Amleto, recitato in maniera impeccabile. Giancarlo Giannini è apparso in ottima forma e ha veramente regalato al pubblico una di quelle serate indimenticabili che sono destinate a rimanere delle perle da riscoprire di tanto in tanto per gustare quello che è il vero, il genuino teatro di cui ognuno di noi ha bisogno.

Photo copyright °piodalcin 2016
 
 
 

Oderzo, l’Opera in Piazza. Turandot conquista il pubblico


Oderzo, l’Opera in Piazza. Turandot conquista il pubblico

‪#‎Oderzo‬ si è vestita d’arte anche ieri sera con la messa in scena per la seconda volta di ‪#‎Turandot‬, l’opera incompiuta di ‪#‎Puccini‬ a causa della sua morte (dopo la scena della morte di Liu’) e portata a termine attraverso gli appunti che il Maestro stesso lasciò al compositore Alfano.
Inutile soffermarsi sulla portata artistica dell’evento che è “Opera in Piazza” concepito e voluto per gli ultimi ventisei anni da Mariagrazia Patella e Miro Busolin per i quali non basterebbero fiumi di parole ad esprimere a questi grandi Artisti il ringraziamento ed il riconoscimento di tutti coloro che amano la buona musica e lo spettacolo di qualità, ma non solo. L’intero territorio beneficia ed ha beneficiato dell’indotto di centinaia di migliaia di persone che venendo a #Oderzo per godere di questo spettacolo unico al mondo hanno conosciuto ed apprezzato la creatività e l’operosità del nostro amato ‪#‎Veneto‬.
Grazie ancora una volta Mariagrazia Patella Miro Busolin e a tutti coloro che hanno lavorato e contribuito in mille modi alla realizzazione di questo piccolo grande capolavoro che non a caso si svolge in quel piccolo grande capolavoro che è ‪#‎Opitergium‬ e la sua meravigliosa piazza. ‪#‎IoLeggoQuesto‬

Codognè I Presepi in biblioteca


Presepe in biblioteca a Codognè

 

Codognè I Presepi in mostra (video) La biblioteca comunale come fulcro culturale

La biblioteca di +Cuore Veneto Codognè Treviso  si riconferma ancora una volta come centro della cultura e cuore pulsante del paese. Le innumerevoli iniziative promosse dalla commissione culturale voluta dall’attuale sindaco avvocato Roberto Bet e dall’assessore alla cultura dottoressa Lisa Tommasella hanno fatto in modo che l’ex scuola elementare Giannino Ancillotto che ha visto transitare nei suoi locali generazioni intere di Codognesi, non solo rimane nell’immaginario collettivo un ricordo della propria infanzia trascorsa in queste stanze ad imparare con calamaio ed inchiostro la grammatica, la storia, la geografia e la matematica, ma viene “assunta” a ruolo primario di promozione di arte, cultura, dibattiti, spettacoli, gite organizzate,presentazione di libri,laboratori didattici e chi più ne ha più metta.

Con il potenziamento del collegamento internet la biblioteca inoltre offre ai residenti un servizio di collegamento WIFI e tanti altri servizi correlati allo scambio di libri interattivo con le biblioteche della Marca Trevigiana e di tutto il territorio regionale.

Un salto di qualità notevole che apre le porte a tutti atttraverso il linguaggio universale della cultura e dell’arte.

La mostra dei presepi è da non perdere. Rimango sempre sbalordito dalla incredibile capacità manuale e dalla creatività che certi artisti riescono ad esprimere con le loro opere semplici e piacevolissime da osservare quanto immensamente difficili da realizzare. Il presepe rappresenta per noi non solo il simbolo della nostra religiosità cristiana ma un’ancora ed un ponte che ci collega attraverso l’essenziale strumento delle tradizioni storiche ad un passato che non vogliamo e non possiamo dimenticare. Costruire, allestire un presepe a casa con i propri cari non significa solo rinnovare il germoglio della nostra fede ricollegandolo alla grotta di Betlemme, ma ha una funzione coadiuvante per le famiglie che in questo periodo si ritrovano a passare del tempo insieme. I vostri figli porteranno per sempre con loro il ricordo di quando, da piccoli allestivano il presepe con genitori, fratelli e nonni.

La cura della nostra società deve partire anche da queste piccole grandi certezze, dalle quali allontanarsi sarebbe veramente un peccato, soprattutto per il calore umano, per i ricordi, per le sensazioni di pace che esse evocano nel venire celebrate all’interno del nucleo famigliare.

Se ancora non l’avete fatto siete ancora in tempo. Non servono presepi complicati e macchinosi, bastano tre, quattro statuine collocate in un angolo strategico della vostra casa,un po’ di muschio,delle semplici luci. Ma soprattutto non dimenticate di allestirlo assieme a chi vi vuole bene e che anche voi amate. Rimarrà un ricordo indelebile per voi e per loro. Buon Natale.

Published on Dec 7, 2015
Codognè is situated in the province of Treviso, in the Veneto Region in the North Eastern part of Italy near #Venice and the #Dolomites
Sabato 7 dicembre alle ore 18.00 presso la biblioteca comunale, è stata inaugurata la bellissima mostra sulla Natività organizzata dal Cif di Codognè in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. E’ un’evento unico, perchè l’intero paese ha contribuito alla sua realizzazione: i talenti e gli artisti di Codognè: Stefania Biasi,Aldo Boscariol, Erica Dario, Giuseppe Gardenal,Luciana De Lorenzi, Federico Ghin, Domenico Grando (grazie ad Adelfio), Loretta Lucchetta, Sonia Maccari,Nadia Oliana, Chiara Pin,Carmen Rusalen , Luigi Tonon e Dora Zuccolotto.

che hanno lavorato sodo per tutta l’estate e l’autunno nella realizzazione di opere inedite che raccontassero le varie fasi della natività; le famiglie di Codognè che hanno accolto l’invito ad esporre i loro presepi in biblioteca; i volontari delle associazioni comunali che ci hanno aiutato.ORARI:

Lunedì | Mercoledì | Giovedì | Venerdì |
dalle 14.45 alle 18.30

Martedì
dalle 9.00 alle 12.00
e dalle 14.45 alle 18.30

Sabato | Domenica
dalle 9.00 alle 12.00
e dalle 15.30 alle 18.00

INDIRIZZO:
Biblioteca comunale di Codognè (Di fianco al municipio in centro paese):

Uscita A27 Conegliano – Strada Provinciale 15 Via Cadore-Mare – direzione Oderzo.
Via Roma, 4 (TV)
TEL: O438 793280
E-mail: biblioteca@comune.codogne.tv.it

– Codognè dista circa 10 km dalla stazione ferroviaria di Conegliano.
Per eventuali problemi di trasporto il servizio trasporti LA MARCA effettua corriere da
Conegliano – Codognè e Vittorio Veneto – Codognè

Codognè inaugura la mostra del Presepe


Sabato 7 dicembre  alle ore 18.00 presso la biblioteca comunale, è stata inaugurata  la bellissima mostra sulla Natività organizzata dal Cif di Codognè in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.

La Dottoressa Lisa Tommasella ha sapientemente illustrato la mostra e ha ripercorso la storia millenaria della Natività. Il Presepe come segno di unità e pace, il Presepe come simbolo della famiglia formata da un padre, una madre un figlio. La dottoressa Tommasella ha spiegato come sia nata la trasposizione in tre dimensioni della Natività grazie a San Francesco d’Assisi che ritornato da un viaggio in Terra Santa decise di rappresentare così la Nascita di Gesu’ nella cittadina di Greggio nel 1223.


La mostra merita una visita. Nelle opere esposte possiamo ammirare la creatività degli artisti locali che si sono prodigati con i  materiali  più svariati dal legno, il sughero, dalle pigne al cotone.

Una meraviglia per gli occhi e per l’anima, Veramente una gioia per gli occhi.

E’ un’evento unico, perchè l’intero paese ha contribuito alla sua realizzazione: i talenti e gli artisti di Codognè: Stefania Biasi,Aldo Boscariol, Erica Dario, Giuseppe Gardenal,Luciana De Lorenzi, Federico Ghin, Domenico Grando (grazie ad Adelfio), Loretta Lucchetta, Sonia Maccari,Nadia Oliana, Chiara Pin,Carmen Rusalen , Luigi Tonon e Dora Zuccolotto. Grazie a coloro

che hanno lavorato sodo per tutta l’estate e l’autunno nella realizzazione di opere inedite che raccontassero le varie fasi della natività; le famiglie di Codognè che hanno accolto l’invito ad esporre i loro presepi in biblioteca; i volontari delle associazioni comunali che ci hanno aiutato.ORARI:


Lunedì | Mercoledì | Giovedì | Venerdì | 

dalle 14.45 alle 18.30


Martedì

dalle 9.00 alle 12.00 DSCN5383[1]

Presepi in mostra a Codognè fino al 17 Gennaio

e dalle 14.45 alle 18.30


Sabato | Domenica 

dalle 9.00 alle 12.00

e dalle 15.30 alle 18.00

INDIRIZZO:

Biblioteca comunale di Codognè (Di fianco al municipio in centro paese):


Uscita A27 Conegliano – Strada Provinciale 15 Via Cadore-Mare – direzione Oderzo.

Via Roma, 4 (TV) 

TEL: O438 793280

E-mail: biblioteca@comune.codogne.tv.it

Codognè dista circa 10 km dalla stazione ferroviaria di Conegliano.

Per eventuali problemi di trasporto il servizio trasporti LA MARCA effettua corriere da 

Conegliano – Codognè e Vittorio Veneto – Codognè:

Alpini a Codogné. Comincia stasera la festa di tre giorni per i 25 anni dalla fondazione


OCT
23

Alpini a Codogné. Comincia stasera la festa di tre giorni

Codognè si veste di tricolore.Le strade, i negozi, i ristoranti, i bar, le pizzerie. Non c’è casa lungo la strada dove domenica sfileranno le PENNE NERE che non abbia esposto una bandiera, una coccarda, dei cimeli di guerra. Il paese si prepara così alla festa per celebrare i VENTICINQUE anni dalla fondazione del GRUPPO ALPINI DI CODOGNE‘ che trasformerà il paese della provincia di Treviso nei prossimi tre giorni nella CITTA’ DEGLI ALPINI.

Il gonfalone di Codognè a Conegliano portato da Angelo Tonon con il sindaco Roberto Bet

Per quelli che non hanno mai assistito alla pacifica invasione degli Alpini in una città sarà sicuramente una lieta sorpresa. Quando arrivano le penne nere arriva la serenità e la gioia di ospitare questi “Angeli con una penna sola” che tanto hanno dato nel corso dei decenni all’Italia e al mondo. Da sempre sono loro i primi ad accorrere quando c’è bisogno. Sia per una calamità naturale che per costruire il tetto di un asilo, riparare,mettere a posto,organizzare. Ho avuto il piacere di assistere a Conegliano Veneto al Raduno Triveneto 2015   ed è stata un’esplosione di colori, di bandiere di volti di fanfare e di spunti interessanti per un fotografo di strada. Quello che mi ha molto colpito é stata la capacità organizzativa che ha fatto funzionare tutto come una macchina ben oliata. Il minimo comune denominatore in tutto questo però è il senso di ALLEGRIA  che gli Alpini si portano dietro e trasmettono alla gente ovunque decidano di organizzare qualsiasi evento.Daranno l’impressione di invadere il paese,poi, mano a mano che le strade si riempiranno dei vari gruppi provenienti da ogni dove sarà veramente una kermesse indimenticabile. Al termine se ne andranno quasi in punta dei piedi, senza lasciare niente fuori posto, e il sentimento che prevarrà nella gente sarà quello di tornare ad ospitarli.. W.GLI ALPINI!

Si comincia quindi questa sera, nell’aula magna della biblioteca di Codogné dove si terrà  la conferenza” CODOGNE’ DURANTE LA GUERRA” A cura di Claudio Botteon a cui seguirà una proiezione con i momenti salienti dei Venticinque anni del Gruppo . Qui sotto troverete il programma completo della manifestazione che proseguirà domani presso il PALABLU’ con l’esibizione dei due cori ALPINI e culminerà domenica mattina con la sfilata,l’alzabandiera presso il monumento ai caduti, la Santa Messa e l’intervento delle autorità per concludersi poi con il rancio Alpino a cui tutti sono invitati a partecipare.

programma della tre giorni a Codogné

The Menu’ for a perfect Italian night of classical music with a live orchestra (video and photo story)


Ingredients: One fantastic orchestra named FILARMONIA VENETA and its director DIEGO BASSO

One Palladian Style Venetian Villa named VILLA TODERINI

One perfect hot summer evening with stars

One Moon

The public sitting in the park in front of the VILLA Toderini (www.villatoderini.com)

The RED CROSS chapter from CONEGLIANO VENETO

One photographer (myself) running all over trying to get the perfect angle in spite of spotlights creating a disturbance to the shooting of video/photos. for the videos please visit wveneto.com

That is really what made the night of Wensday July the 22nd a memorable one for this tiny town of 5300 souls nested in the country side of Veneto, between the Adriatic beaches and the Dolomites