Luca Zaia, Grande Luca. Al Veneto al te ringrazia. (In diaetto Veneto.)


Stasera vui scriver de Luca. Pi che scriver vorie ringraziarlo par quel che l’ha fatt pari Veneti e pal VENETO. Ormai a mezodì e mezo se ferma anca i Jevri in tei camp par scoltar quel che l’hà da dirne, SE no me sbaglie dovarissi essere vizini ai 80 dì de FILA, ogni di a sciorinar numeri, a dirne de PORTAR LA MASCHERINA, a star lontani e no GASARSE MASSA parché anca se ven scomenzà a moverse la “PARTIDA” (come che la ciama lu, no l’è finida. Sto semo de virus a l’è come na RUMOLA. TE sa che l’è là sotto ma te lo vede. Ogni tant però fioi, bisogna ricordarse de dirghe GRAZIE a sto FIOL. LUCA l’à dimostyrà de esser un vero comandante, sia in tel ben che in tel mal. Prima al ne à portà a casa le OLIMPIADI a CORTINA, i CAMPIONATI DEL MONDO, LE COLLINE PATRIMONIO DELL?UNESCO. Tra na ROBA (varda che in Italian se disaria “COSA”) e quelaltra al ne à parà al cul da DO ALUVION e da VAIA. ADESS col VIRUS i varda tutti cossa che l’à fatt al VENETO e i COPIA al MODEL. HAVARD, FINANCIAL TIMES, NEW YORK TIMES, se disè LUCA ZAIA I LO CONOSSE DAPARTUTT.

LUCA al podaria aspirar a qualsiasi carica istituzional del PAESE. Daprimo ministro a presidente. MA meteveo ben in testa: LU AL VOL STAR QUA, in mezo ala so zent, in tea so tera parchè LUCA l’è nassest a CONEJAN e l’à le radise fonde come quee de na QUERCIA. Adess al se à mess in testa de portar a casa l’AUTONOMIA.

MI son stuf de sentirme dir daa zent:” Ah,,,no i ne la dà no i ne la dà, massa schei ghe manden zo a ROMA, no i ASSA andar la VACCA fin che i POL MONDERLA” Basta ragionar CUSSI’, bisogna che ghe credene a sta AUTONOMIA… ma cossa ela po? VEO VIST come che al se à comportà LUCA in te sti do mesi de emergenza? L’à scoltà le diretive del GOVERNO ma l’à savu anca andar contro corrente e far dele ordinanze (col supporto scientifico dei MEJO DOTTORI CHE VEN QUA IN VENETO) che ne à permess do robe: LIMITAR AL NUMERO DEI MORTI, anca se i reesta tanti la podea andar veramente pezo, e de goder de un po de pi LIBERTA’ DECISIONAL quando che le robe le à comincià a andar mejo

Questa saria la vera AUTONOMIA. Al Governo al te da dee direttive e ti te decide in base a dove che te vive e te opera che norme e che leggi applicar. PUNTO. Eo tan diffizile? Varda che fea cussì anca i ROMANI quando che al so territorio l’era deventà massa grando. LA PALESTINA dove che i à copà al SIGNOR l’era governada da PILATO. SE in VAL D’AOSTA VIEN DO METRI DE NEVE, no te podarà mai ver le stesse leggi che te à in BASILICATA o in TOSCANA. Ogni region kl’à da decider par la so terra, par i so costumi, i so piatt, i so vin, le so tradizion. NO pol saver al GOVERNO CENTRAL de ROMA, fatt par la maggior parte de BUROCRATI cossa che sia bon par la LIGURIA o la PUGLIA. Savarà mejo chi che vive e lìè cressest là, come so pare, so nono e so bisnono,

Adess basta, no vui tirarla massa longa se no al BRODO SE SLONGA MASSA. Vui solche dirghe a LUCA: Grazie LUCA te si stat veramente all’altezza de un momento cussì difficile e strano, e no l’è facile tegner cont de tutt e de tutti. Ma al VENETO al riesce sempre a tirar fora al mejo quando che le robe le va pezo. Ringrazien al PADRETERNO che al te à mandà proprio quà, in te sta Tera de tante robe bele, de zent che à voja de far ben e no de ciacole.

CORONAVIRUS – The silence’s rumble


What strikes me the most about all this virus’ matter is SILENCE. A silence that pervades our streets, squares,cities,parks,beaches, the pizzerias and the bars, all closed and out of business. POPE FRANCIS has celebrated a ceremony at SAINT PETER’S SQUARE, a blessing for the City and the WHOLE WORLD (URBI ET ORBI in LATIN). What was really odd was the absolute desert, the absence of people in the enormous basin that is usually packed with people.

Amidst that silence under pouring rain, un front of the the very Crucifix that once saved the city of Rome from the plague of XVI Century, a SILENT POPE prayed. He blessed the world without saying a single word. In a THUNDERING SILENCE broken only by the noise of the rain pouring down Jesus’ chest as if He were crying Himself for Humanity.

Before the blessing, He read a passage from the New Testament that reported of a boat. A boat in which Jesus and His Apostoli were sailing in calm waters. Jesus was sleeping in the back portion of the boat. This is the only time that Jesus sleeps in the New Testament. The Apostoli represents the People of the World. All of a sudden a great storm comes their way.. the wind blows, the boat rocks dangerously on the waves. Jesus keeps on sleeping. Peter decides to wke Him up ” “Lord, you don’t care about us?” A distracted humanity. Distracted and scared that in time of need remembers to pray to a Higher Authority that could help to pass this time of fear , this time of death. Many have discovered the meaning of prayer in these weeks. A prayer that comes from the heasrt, not necessarely made of a repetitive formula but a colloquial conversation between a person that pleads his/her Father for help. For non-believers I can only wish that science will soon find an answer. In 1630 in VENICE while a terrible PLAGUE was decimating its citizens, they decide to ask the Madonna della Salute (Virgin of Health) to stop the PLAGUE. The PLAGUE did stop after a week they made that vow, and the Basilica della Madonna della Salute is still there 400 years later. Every year the Venetians build a temporary bridge connecting the downtown area to the island where the church stands in remembrance of that MIRACLE. Today when we speak about miracles the reaction is odd. People look at you as if you were a cave man. Is there today enough space in our hearts to believe that a MIRACLE 4.0 can still be possible?

The Basilica della Madonna della Salute in Venice (copyright -pio dal cin 2020)

People here in Italy are referring to this world’s emergency as a WAR. I disagree with the word “war”. Certainly the impact that this VIRUS has brought to our world’s economy is that of a Third World War. The main difference is that during the two wars before this one, our fathers, grandfathers and great grand fathers were asked to leave their spouses, their parents, their loved ones for the front. Mothers and Wives that had to go to sleep at night not knowing if their men will ever return. THAT WAS WAR. Today with COVID-19 we are asked to stay inside our homes with plenty of food, heated homes and cable television, WIFI connection and our children in most of the cases are with us, or at least we know their whereabouts. Our sacrifice is minimal . We are asked to STAY AT HOME and yet we complain that we feel prisoners in our own homes. The real FRONT LINE is not at our homes, in in the hospitals, where our DOCTORS, NURSES are fighting without weapons to keep the wounded alive. Without weapons because if we were ready and able to go anywhere in the world and deploy our armed forces in a heartbit with the most sofisticated armaments, we are not ready to fight an invisible enemy that spreads as fast as the speed of light

copyright -pio dal cin 2020

A VIRUS that seems to be intelligent for he hides inside the human body for two weeks, while spreading itself to thousands other people because the carrier has no symptoms. Intelligent because it varies, it changes, attacking old people, as well as young , then again it changes again and againg leaving researches helpless in finding a cure.

copyright -pio dal cin 2020

Was it necessary to have a VIRUS to have less pollution, clearer waters on our rivers and oceans, less road accidents, less homicides and drug smuggling? If it were not for all those who lost their lives to this MONSTER, we could say that it was and it is a GOOD LESSON for Humankind. But we can’t. People are losing their lives and we must come together to fight this challange. All we can really do is STAY HOME. What will be after the health emergency will stop, nobody knows. I have a strong feeling that there will be changes, radical changes in the whole world. A new REINASSANCE awaits us but must be supported by a very strong econimic support of governments to the people, small business are really suffocating. They were before the VIRUS, at leats here in Europe. In Italy we have the stronger fiscal pressure than any other Country of the “OLD CONTINENT”. This must change, as well as the RED TAPE and CORRUPTION that has nested in almost every chain of command, like a cancer. Our leaders should be prepared to stop the “bleeding” once the VIRUS will go away, like all the PLAGUES we had to ride in our past. It will end, leaving millions of people expecting to see what their leaders will do to ease the financial and the social pain. After World War II the USA issued a plan, known as “MARSHALL PLAN”. We are going to need a new one, only that this time it will have to be applied globally. Once the COVID-19 will be harnessed (and it will be) We are all going to start a new ERA. Nothing will be the same, but it doesn’t have to be worst than before, it could be a lot better, but this is only up to us and the future generations (copyright – pio dal cin 2020)

Cima Tofana- copyright -pio dal cin 2020

copyright -pio dal cin 2020

Conte firma il decreto.Chiuse 14 province tra Piemonte Lombardia Veneto ed Emilia Romagna e Marche.


LA CONFERENZA STAMPA DEL PREMIER CONTE SUL DECRETO APPENA FIRMATO

Ieri sera la bozza che girava dopo le 21 sembrava quasi uno scherzo. Una fuga di notizie che fino a tarda notte non trovava riscontro oggettivo. Nessun segnale, conferma o smentite ufficiali mentre si cercava di capire come mai una bozza abbia potuto sfuggire ad ogni controllo e sia riuscita ad arrivare prima ai social che ai sindaci, che subissati di chiamate e messaggi dai cittadini, invitavano alla calma, cercando di capire se il “decreto” fosse veramente tale o se la bozza fosse una specie di scherzo di carnevale in ritardo.

LA CONFERMA E LA FIRMA DEL DECRETO

Stamattina presto, la doccia fredda. il volto del premier CONTE su tutte le emittenti delle NEWS che annuncia la firma del decreto che di fatto blinda 14 province del PIEMONTE, LOMBARDIA, VENETO, EMILIA ROMAGNA, MARCHE.

SOSPENSIONI E DIVIETI

Tra le province ovviamente sono incluse TREVISO PADOVA E VENEZIA. Sara’ quindi impossibile muoversi, non sono tra PROVINCIA E PROVINCIA ma anche all’interno delle province stesse. “Se non per comprovati motivi di salute o di lavoro” . Sara’ quindi impossibile spostarsi per esempio all’interno della provincia di Treviso e di tutte le altre province che sono incluse nella zona rossa stabilita dal decreto firmato da Giuseppe Conte nella notte.

I sindaci, in prima linea fin dall’inizio dell’emergenza. Sono loro, i primi cittadini a dover fare da tramite e tradurre ai loro concittadini quello che il decreto CONTE significa in termini concreti. E’ di poco fa un post del sindaco di GAIARINE Diego Zanchetta che invita i cittadini a rimanere calmi mentre, spiega, il governatore LUCA ZAIA sta cercando di negoziare con il governo alcuni ritocchi evventuali a un decreto che di fatto blinda tutti all’interno dei propri confini comunali

Diego Zanchetta ha condiviso un post.

Amministratore · AdessoComune di Gaiarine6 min

Buongiorno a tutti. Il nuovo DPCM è stato firmato; il Governatore Zaia ha fatto pervenire delle controdeduzioni in tema sanitario, nel nostro piccolo stiamo chiedendo delucidazioni in merito a diverse problematiche ulteriori per i comuni a confine. Vi invito a tenere la calma, vi aggiorno in diretta (magari, come già successo, alcune cose le si sanno prima dai media, più o meno vere, io vi aggiorno solo su cose che sono validate ovviamente). Aspettiamo di avere chiarezza su qualche punto oscuro ancora.
So di avere una comunità formata da persone serie e responsabili; tutti assieme supereremo anche questo momento, ne sono certo.
Grazie per la comprensione
Diego Zanchetta

Al di la’ di ogni considerazione, rimane il fatto (grave) che la bozza sia arrivata prima ai social che ai sindaci, creando panico e confusione tra la gente. Se il compito del giornalista e’ quello di informare,quello di chi ci governa e’ soprattutto mantenere la calma e non scatenare isterismi o paure tra i cittadini. Era andato tutto bene finora. Eravamo abituati a vedere il governatore del Veneto, Luca Zaia ogni ad ogni collegamento su Antenna Tre. Con chiarezza ci descriveva in dettaglio la situazione e ad un primo momento (due settimane fa) di incertezza su cosa realmente stesse accadendo, era subentrato un senso di tranquillita’. Ci stavamo abituando a seguire le norme che ogni giorno ci venivano ripetute, come quella di lavarsi le mani, mantenere una distanza minima di un metro, di non toccarsi naso e bocca e di evitare affollamenti non necessari.

LA DOCCIA FREDDA

Ieri sera, verso le 21 circolava la “voce” di una bozza di decreto non ancora firmata dal premier Conte (che peraltro non si e’ fatto ne vedere ne sentire fino a tarda notte per smentire o per confermare quanto stava accadendo). I sindaci subissati di messaggi e di domande da parte di cittadini che volevano sapere cosa dovevano fare, se potevano partire, rientrare, se la storia che circolava fosse piu’ o meno vera. Solo stamattina con il video che vedete all’inizio del post, il premier ha confermato le misure restrittive atte a limitare gli spostamenti all’interno delle nuove ZONE ROSSE, tra le quali la nostra provincia di TREVISO, assieme a PADOVA e VENEZIA.

“Dobbiamo aderire a queste norme, per tutelare la nostra salute, senza fare i furbi. D’ora in poi, le persone con 37.5 di febbre e’ bene che rimangano a casa e contattino il medico curante. Coloro che sono soggetti a quarantena hanno il divieto assoluto di muoversi da casa. – Ha detto CONTE- Abbiamo scelto di muoverci con fermezza. Contenere il contagio ed evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere sono le nostre priorita”

Conte: chiusi cinema e teatri in tutta Italia

“Sono sospese manifestazioni, eventi, spettacoli di qualsiasi natura, compresi quelli cinematografici e teatrali, in qualsiasi luogo, pubblico o privato. È sospesa

l’apertura dei musei”.

Il divieto di spostamento in Lombardia e in 14 province

Ci sarà una zona con regole più rigorose che riguarderà l’intera Lombardia e poi le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia. Qui fino al 3 aprile – per fare solo due esempi – saranno limitati i movimenti, per e dall’esterno e all’interno della zona. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Chi ha 37,5 di febbre è invitato a restare a casa. I bar e i ristoranti dovranno chiudere alle 18 e per il resto della giornata garantire distanze di almeno un metro. Chiusi gli impianti sciistici. Sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi. Il divieto di lasciare la propria abitazione è assoluto se si è in quarantena.

Quando ci si potrà muovere

Conte ha spiegato che il divieto di spostamento non è un “assoluto”, e che “non si ferma tutto”, non si bloccano treni e aerei: sarà possibile muoversi per comprovate esigenze lavorative o per emergenze e motivi di salute. Ma la polizia potrà fermare i cittadini e chiedere loro perché si stiano spostando in territori dove la crescita dei casi di contagio porta il governo a disporre misure mai così restrittive.

Le misure previste per tutta Italia

Nel dpcm finale ce ne sono anche alcune generalizzate per tutta Italia, tra cui lo stop a pub, discoteche, sale gioco e manifestazioni di cinema e teatro. Restano sospese fino al 15 marzo le lezioni in tutta Italia. Sono sospesi congressi, meeting ed eventi in cui è coinvolto il personale sanitario. Sospesa anche l’apertura dei musei. Vengono sospesi anche gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Rimane consentito lo sport professionistico e di atleti di categoria assoluta, ma a porte chiuse e con tutti i controlli del caso per gli atleti. Chi è in quarantena ha il divieto assoluto di uscire.

Cosa è previsto per ristoranti, bar e negozi

Se in Lombardia e nelle altre 14 province, bar e ristoranti dovranno chiudere alle 18, nel resto d’Italia i gestori non avranno obblighi sugli orari ma dovranno far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione. Negli altri esercizi commerciali, il gestore dovra’ evitare assembramenti e garantire anche in questo caso la distanza di un metro tra le persone.

Cosa è previsto per scuole e università

Resta la sospensione fino al 15 marzo dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta formazione artistica musicale e coreutica, di corsi professionali, anche regionali, master, università per anziani, e corsi svolti dalle scuole guida, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza. Restano sospesi viaggi d’istruzione, gemellaggi, visite guidate e uscite didattiche. 

Le regole negli ospedali

Vietato agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso, salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto. L’accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

Smart working, congedi e ferie

Il dpcm suggerisce la modalità di lavoro agile, come lo smart working, per ogni rapporto di lavoro subordinato e raccomanda ai datori di lavoro di favorire la fruizione di periodi di congedo ordinario o di ferie.

Cosa è previsto per gli istituti penitenziari

Viene garantito al Ministero della giustizia idoneo supporto per il contenimento della diffusione del contagio del COVID-19 con controlli sui nuovi ingressi negli istituti penitenziari e negli istituti penali per minorenni. I casi sintomatici dei nuovi ingressi sono posti in condizione di isolamento dagli altri detenuti, raccomandando di valutare la possibilità di misure alternative di detenzione domiciliare. I colloqui visivi si svolgono in modalità telefonica o video, anche in deroga alla durata attualmente prevista dalle disposizioni vigenti. In casi eccezionali può essere autorizzato il colloquio personale, a condizione che si garantisca in modo assoluto una distanza pari a due metri, Si raccomanda di limitare i permessi e la libertà vigilata o di modificare i relativi regimi in modo da evitare l’uscita e il rientro dalle carceri, valutando la possibilità di misure alternative di detenzione domiciliare.

Sospese cerimonie civili e religiose

L’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Sono sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri.

La nuova Peste e la Madonna della Salute


Se ha funzionato nel 1630 potrebbe funzionare ancora. Forse gli scienziati, gli atei e i non credenti potranno sorridere ma forse potrebbe essere la SOLUZIONE a questa nuova PESTILENZA che sta mettendo in ginocchio il nostro VENETO e l’TALIA INTERA. Un atto di pieta’ e di PREGHIERA alla MADONNA DELLA SALUTE per farle e farci capire che a volte da soli non ce la facciamo. Un VOTO NUOVO

Nel momento culminante dell’epidemia, in assenza di altre soluzioni, il governo della Repubblica organizzò una processione di preghiera alla Madonna, a cui partecipò per tre giorni e per tre notti tutta la popolazione superstite. Il 22 ottobre 1630 il doge fece voto solenne di erigere un tempio votivo particolarmente grandioso e solenne se la città fosse sopravvissuta al morbo.

Poche settimane dopo la processione, l’epidemia subì prima un brusco rallentamento per poi lentamente regredire fino a estinguersi definitivamente nel novembre 1631. Il bilancio finale fu stimato in quasi 47.000 morti nel solo territorio cittadino (oltre un quarto della popolazione) e quasi 100.000 nel territorio del Dogado[3]. Il governo decretò allora di ripetere ogni anno, in segno di ringraziamento, la processione in onore della Madonna denominata da allora della “Salute”.

Il governo della Repubblica mantenne fede al voto, individuando nell’area della Dogana da Mar, oggetto di recenti demolizioni, la meta del pellegrinaggio nonché la sede del nuovo tempio votivo e indicendo subito il concorso per la costruzione della nuova chiesa. Il primo pellegrinaggio di ringraziamento avvenne il 28 novembre 1631, subito dopo la fine dell’epidemia.

Il concorso venne vinto da Baldassare Longhena con il suo progetto di un tempio barocco a struttura ottagonale sormontato da un’imponente cupola, ovvero l’attuale basilica di Santa Maria della Salute, che fu consacrata il 21 novembre 1687.

La ricorrenza è particolarmente sentita dalla popolazione veneziana. È tradizione, nel giorno della festa della Salute, consumare una pietanza a base di carne, la cosiddetta “castradina”[4].

La festa della Madonna della Salute è una festa religiosa istituita dalla Repubblica Veneta nel 1630 e osservata solennemente in tutto il territorio della Serenissima fino alla sua caduta. Ha luogo il 21 novembre, giorno della Presentazione della Beata Vergine Maria, e ancor oggi si celebra spontaneamente nella città di Venezia, a Trieste e in moltissime città e paesi dell’antica Repubblica, nell’Italia, in Istria e in Dalmazia. La Serenissima infatti, per permettere alle popolazioni distanti dalla Capitale di osservare la Festa, favorì la costruzione in tutta la Repubblica di santuari dedicati alla Madonna della Salute, che sono a tutt’oggi numerosissimi, anche in piccoli paesi, e molti di questi santuari sono ancor oggi, come a Venezia, meta di pellegrinaggi il 21 novembre. A Venezia il pellegrinaggio ha come meta la basilica di Santa Maria della Salute. Durante tutta la giornata, nella basilica, tenuta aperta senza interruzione, vengono celebrate in continuazione messe e rosari, con un afflusso continuo di fedeli. Per facilitare il pellegrinaggio, viene eretto sul Canal Grande un ponte provvisorio in legno che collega la punta della Dogana con Santa Maria del Giglio[1]. Nella città di Venezia il 21 novembre è ancor oggi giorno festivo anche agli effetti civili, grazie ad una fortuita coincidenza: il giorno del Santo Patrono di Venezia, San Marco, cade il 25 aprile, in cui la Repubblica Italiana celebra la Liberazione. In questi casi la legge consente che il Comune scelga un altro giorno per usufruire della festività patronale, e il Comune di Venezia ha scelto il giorno della Madonna della Salute

Veneti. Ecco perchè questo virus ci renderà più forti. Vinceremo anche questa battaglia.


Due giorni fa ho assistito alla cerimonia delle Ceneri in casa di un sacerdote in pensione per motivi di salute. Eravamo in tre, lui, il sacerdote, la signora che si occupa delle faccende domestiche ed io. Premetto che non sono un assiduo frequentatore di sacrestie, pur essendo credente. Ho voluto esserci quest’anno, più di ogni altra volta in cui mi sono avvicinato a questo millenario rito che separa il carnevale dalla quaresima, la voglia di scherzare e di sorridere a quella di meditare, di pensare, tirare le somme guardandoci allo specchio.”Ricordati uomo che sei polvere e polvere ritornerai”. Una frase breve sulla quale si potrebbe scrivere un libro. Ma non oggi.

Per la prima volta nella storia della SERENISSIMA nelle chiese della Diocesi di Venezia non è stato officiato questo rito. Non era stato sospeso nemmeno durante la Peste. Giusta la decisione del Patriarca di Venezia che ha deciso la sospensione. Giusta la decisione del Governatore del Veneto Luca Zaia di sospendere il carnevale evitando che centomila persone provenienti da ogni dove si ritrovassero gomito a gomito e bocca a bocca in uno spazio relativamente ristretto come quello della Piazza più bella del mondo.

Ringraziamo il cielo di avere un Governatore che sa prendere le decisioni giuste al momento giusto, e non solo per far promuovere le Colline di Conegliano Valdobbiadene a Patrimonio dell’ Unesco o per aver portato a casa le Olimpiadi del 2026 assieme ai campionati mondiali del 2021 a Cortina, che ha gestito emergenze come l’alluvione o la tempesta Vaia con grande freddezza e capacità, Ringraziamolo anche per aver creato uno dei sistemi sanitari in Veneto che è uno dei migliori al mondo. E questo mi da l’occasione di parlare dell’emergenza del Corona Virus. Non voglio parlare di statistiche, di persone infette o guarite, di blocchi, di fake news e mascherine vendute al prezzo dello champagne o amuchina che vale più di un’oncia d’oro. La gente è stufa di leggere e di sentire SOLO parlare di questo. Il senso del mio scrivere oggi è quello di analizzare una situazione che è venuta a crearsi d quando questo virus, partito dalla Cina è arrivato nella nostra Terra, nellle nostre province, nelle nostre case.

COMBAI

E’ arrivato come un uragano inaspettato e solo grazie alla grande preparazione dei nostri medici, della protezione civile, dell’apparato sanitario sempre in ordine e ben oliato, siamo riusciti ad arginarlo e sicuramente come accadrà, a sconfiggerlo. E’ solo questione di tempo e tutto tornerà alla normalità, sul piano sanitario almeno. Quello che NON sarà facile far ritornare alla consuetudine sarà la “normalita” per i piccoli artigiani, le piccole imprese, i ristoranti, i luoghi pubblici, le agenzie di viaggio, gli operatori turistici dall’Adriatico alle Dolomiti e tutte le partite IVA che dall’inizio di questa vera e propria piaga stanno soffrendo senza speranza di aiuti . Ancora di più oggi credo che i VENETI si sveglieranno con la consapevolezza che senza l’AUTONOMIA non ci sarà nessuna speranza.

Ho sofferto nel leggere che gli italiani vengono respinti alle frontiere. Ieri mi ha telefonato un amico che doveva partire per la Giordania domani. Viaggio annullato dalle autorità Giordane perchè provenienti dall’Italia. Altri Paesi “amici” discriminano addirittura gli arrivi dal VENETO. Impensabile. Abbiamo accolto il mondo intero, accettato, integrato a trecentosessanta gradi e oggi ci troviamo le porte chiuse in Francia, Austria, Croazia, Inghilterra e molti altri Paesi che ci trattano alla stregua di “untori” del virus. Il paragone che mi viene in mente è quello di un amico che si è speso in tutte le maniere per dare una mano a degli amici in difficoltà, ma quando la sorte gli rifila una “scartina” viene abbandonato da tutti e dimenticato per quello che ha fatto in passato.

Oggi, i VENETI che credono e amano la propria regione dovrebbero sentirsi più forti che mai. In questi giorni è maturata nelle coscienze una maggior consapevolezza che l’AUTONOMIA è l’unica stada da perseguire se vogliamo riconquistare quel turismo che per tutti noi è sempre stato e sarà la linfa vitale della nostra fortissima economia. Bisogna che ci liberiamo dai lacci fiscali di un governo centralista che non ci permette di usare le enormi risorse (23 miliardi di Euro l’anno) che potremmo benissimo usare per salvare i piccoli negozi di quartiere, le piccole imprese, le industrie che a fatica riescono a sopravvivere alla tassazione più alta d’Europa.

un grande leader Luca Zaia

E’ un percorso che vede di nuovo in prima linea il nostro Governatore. Luca Zaia, l’uomo che avrebbe potuto aver qualsiasi carica istituzionale nel nostro Paese, anche come Primo Ministro, ma che ha voluto rimanere in trincea, a combattere con i suoi soldati fino alla fine, perchè Zaia ama la sua Terra, il suo VENETO, le tradizioni, la gente, le sagre, il dialetto, le aziende piccole e grandi che hanno da sempre trainato l’economia del Paese. Lui non mollerà e rimarrà al suo posto per altri cinque anni, continuando un percorso “rivoluzionario” solo nel nome ma che percorre un sentiero legato alla Costituzione e alla legalità. Se AUTONOMIA dev’essere, sarà autonomia seguendo queste due strade e non attraverso colpi di testa o atti violenti. La legalità sarà quella che una volta ottenuta , non potrà più togliercela nessuno, ed è questo lo sforzo che Zaia e la sua squadra stanno cercando di portare avanti. Se il mondo tratta i Veneti come degli “untori manzoniani” noi sapremo reagire e dimostrare al mondo che con l’esempio di grande civiltà e capacità di prendere delle decisioni forti anche se impopolari, abbiamo saputo tener testa ad una nuova minaccia. Lo abbiamo fatto nei secoli. Malattie come la Peste, eventi naturali, carestie, siccità, alluvioni, due guerre, terremoti. Non sarà certo un virus a spezzare la schiena a chi si è sempre piegato alle calamità, ma non si è MAI SPEZZATO. Vinceremo anche questa battaglia, tutti insieme, in un ritrovato ORGOGLIO VENETO, e a testa alta andremo a reclamare la nostra dignità, e quel RISPETTO che oggi in molti, con la memoria corta ci stanno negando. ( pio da cin – riproduzione riservata- copyright 2020)

Corona Virus – Una settimana in casa, diversa, ma necessaria. Occasione per ..


Una domenica che sara’ ricordata quella di oggi. Fermato il Carnevale di Venezia assieme a tutte le manifestazioni pubbliche, comprese le funzioni religiose, le sfilate, le fiere (L’antica Fiera di Godega e’ stata cancellata con un comunicato stampa del comune). Niente partite di calcio in Veneto e Lombardia. Da domani niente discoteche, scuole chiuse fino al primo marzo. Qurresti gli effetti dell’allarme CORONA VIRUS dopo la morte di un anziano in provincia di Vicenza . In mattinata lo stesso Luca Zaia aveva annunciato che due anziani del Centro Storico di Venezia erano stati infettati e sono stati ricoverati urgentemente facendo pero’ scattare il piano che prevede lo stop a tutte le manifestazioni che vedono l’aggregarsi di persone, compresi i funerali. Chi morira’ in questi giorni dovra’ “accontentarsi di un funerale all’insegna della sobrieta’. Cancellate anche le Messe e le funzioni religiose

NON E’LA FINE DEL MONDO

Occasione per stare a casa. Rallentare, meditare .Si tratta solo di una settimana. “La differenza tra il virus dell’influenza e quello del CORONA e’ che quello dell’influenza lo conosciamo, abbiamo un vaccino e si tende a curare con degli antibiotici. Il Corona Virus e’ nuovo, non abbiamo un vaccino, e tende a colpire la parte piu’ bassa dei polmoni. La mortalita’ da Corona Virus e’ dell’ UNO PERCENTO. L’insidia di questo Virus e’ che puo’ contagiare molte persone (superspreader). Il contagiato deve isolarsi. Coloro che vivono con il contagiato devono isolarsi.” Ha dichiarato un emerito luminare della medicina in una popolare trasmissione televisiva

Certamente non bisognera’ sottovalutare l’emergenza. Attenti pero’ alle psicosi che non servono a niente se non a far crescere la paura. La task force messa insieme dalla Regione con a capo LUCA ZAIA e’ la sicurezza che tutto quello che sara’ possibile mettere in campo per arginare l’emergenza sara’ fatto. Siamo in buone mani . A proposito di mani, alcuni consigli per evitare il contagio. “Lavarsi le mani con cura, intersecando le dita e dando importanza a questa prastica ha dimezzato la trasmissione di altri tipi di infezioni. Sembra una banalita’ ma non lo e’. ” Ha detto un medico specializzato nella lotta alle malattie contagiose. Cerchiamo inoltre di starnutire ponendo la bocca nel vano tra il braccio e il gomito; non tra le mani. Manteniamo una distanza di almeno un metro quando parliamo con amici o sconosciuti. Evitiamo di stringerci le mani che potrebbero essere veicolo di trasmissione del virus. Questo e’ solo l’inizio di una emergenza necessaria ad arginare la possibilita’ di una espansione del contagio su tutto il territorio. Per il panico purtroppo non c’e’ antidoto, come per l’ignoranza.

Sette minuti :Aeroporto di Venezia, esempio unico al mondo di come NON accogliere i turisti (disabili)


Breve storia (vera) di come un disabile possa sentirsi discriminato e costretto a corse e gimcane impossibili all’aeroporto MARCO POLO di VENEZIA.

ORE 13:21 – Giovanni (nome inventato) arriva alla grande rotonda che immette ai terminal dell’aeroporto veneziano. Un enorme cartellone annuncia che ha solo SETTE MINUTI a disposizione per non prendere la multa. Il luogo che deve raggiungere è circa due chilometri dalla grande rotonda. Giovanni con lo sguardo, mentre percorre il perimetro dell’aeroporto cerca inutilmente delle indicazioni che lo dirigano ad un eventuale spazio dedicato ai disabili.

ORE 13:26 – Il nostro amico arriva al vecchio terminal, vicino alla darsena., luogo dove ha un appuntamento in un ufficio alle 14:00. I parcheggi di fronte all’edificio in questione hanno tutti il cartello di divieto di sosta e di rimozione forzata del veicolo. Giovanni tenta un ulteriore giro del terminal, chissà mai se gli sia sfuggita l’area dedicata ai disabili.

ORE 13.30 – Giovanni è’ già fuori tempo massimo e a questo punto scatterà la sanzione, ma lui ancora non lo sa. Ritornato al punto di partenza trova un poliziotto e gli chiede dove può parcheggiare con il tagliando disabili. :”Lo può fare in qualsiasi dei parcheggi che troverà” -Risponde il poliziotto. Ora Giovanni ha capito che , a differenza di tutti gli aeroporti del mondo, i parcheggi per i disabili non si trovano di fronte agli edifici dove uno deve recarsi, bensì nei parcheggi comuni anche ai normo dotati. Più tardì saprà che ci sono degli spazi dedicati ai disabili ma che rimangono tuttavia lontani dal punto dove lui dovrebbe essere alle 14:00.

ORE 13:35 – Giovanni è tornato di fronte al CULTO CAFFE’. Parcheggia e entrato nel terminal trova dei facchini ai quali chiede dove può parcheggiare con il cartellino disabili. “Deve andare nel parcheggio qui di fronte” Gli risponde uno dei signori interpellati – Però guardi che la multa l’ha già presa” Giovanni meravigliato dell’affermazione chiede come mai. “Quando lei ha superato la grande rotonda d’ingresso, sono scattati i SETTE MINUTI a disposizione per non prendere la multa. Si è chiesto da quanto tempo ha superato la rotonda?” Giovanni pensa un attimo e realizza che in effetti i SETTE MINUTI sono passati da un po’. Prende l’auto e, ora, che ha capito il funzionamento del sistema va a parcheggiare nel parcheggio coperto subito di fronte alla DHL.

ORE 13:45 Dopo aver parcheggiato Giovanni si reca all’ambsciata in tempo per il suo appuntamento ma si sente beffato da un sistema troppo subdolo e pronto ad approffittare del’ignoranza dell’utente e si ripropone di andare a fondo per capire e cercare di cambiare un sistema che non trova solo ingiusto ma addirittura vessatorio; una trappola per turisti che da buon Veneto non è disposto a digerire.

ORE 15:00 Dopo aver completato le pratiche presso l’ufficio preposto, Giovanni si reca all’interno del terminal delle partenze. Chiede alla polizia come si deve comportare in merito alla sua disavventura. Il poliziotto al citofono lo dirige al comando dei carabinieri al piano terra. Il carabiniere lo accoglie con gentilezza e gli spiega che :” Il servizio è gestito dalla polizia locale veneziana, ma non c’è un ufficio all’interno del terminal, bisogna contattarli eventualmente via telefono e cercare una soluzione” Giovanni cerca il sito su Google e vede che gli uffici sono chiusi, riapriranno il giorno dopo.

Qui finisce la storia di Giovanni che potrebbe essere stata quella di chiunque oggi. Di un turista Francese, Inglese, Americano, o di un residente in Veneto o di qualsiasi altra regione italiana. Quello che stride è il modus operandi un un aeroporto che dovrà in futuro accogliere milioni di turisti, come ha sempre fatto in tutti questi anni. Applicare una regola che limiti a così pochi minuti l’ingresso e l’uscita dei veicoli in transito e sarà controproducente per l’immagine della città di Venezia ma non solo, lo sarà per tutta la regione che in questo modo farà la figura di un ente vessatorio e non amico disposto ad accogliere chi viene nel nostro territorio per godere di tutte le bellezze che lo hanno reso famoso in tutto il mondo. Vogliamo essere amici di chi viene a spendere i propri soldi e il loro tempo qui da noi o vogliamo dare l’impressione di voler mettere loro le mani in tasca con dei trucchetti furbeschi che puzzano terribilmente di trappola? I DISABILI poi, che hanno sicuramente più bisogno di tempo di coloro che sono normo dotati per muoversi non credete abbiano il sacrosanto diritto di essere esentati da questi “giochini del tempo”? Immaginate una persona in carrozzella che arrivata al terminal dovesse cercare di rimanere dentro ai fatidici SETTE MINUTI,da quando supera la grande rotonda fino a quando deve salutare i parenti . Credo sia giusto che siano esonerati da questa stupida e fuori dal tempo e da ogni logica normativa. Alle persone normali non resterà che l’opzione di inserire il TURBO e di muoversi come Speedy Gonzales all’interno di questa grande e subdola trappola nel quale si è trasformato oggi il MARCO POLO

Corri corri… abbiamo solo SETTE MINUTI siamo al MARCO POLO di VENEZIA

Oggi primo gennaio 2020 ho scritto una lettera alla Commissione per l’Invalidita’ della Comunita’ Europea segnalando il fatto e l’ingiustizia di questa regola “BARBARA” dei SETTE MINUTI. Qui di seguito il testo:

L’aeroporto MARCO POLO di Venezia dispone di parcheggi per i disabili nei parcheggi normodotati tuttavia, entrando con l’auto nel perimetro aeroportuale,il disabile non viene informato correttamente. Cercando il consueto parcheggio (blu e bianco) e non trovandolo, il disabile si trova con due alternative:A) ritentare il giro per vedere meglio se tali parcheggi esistono B) parcheggiare all’interno dei parcheggi normali. Nel fare questi movimenti, il DISABILE ha solo SETTE MINUTI DI TEMPO, trascorsi i quali si trovera’ multato per aver superato il tempo limite (80 Euro). Trovo che questo subdolo sistema vada rivisto e leda i diritti dei cittadini sia DISABILI CHE NORMALI. Certo che, visitando preventivamente il sito, si possono trovare le informazioni atte ad evitare questa vera e propria trappola a tempo, ma a volte chi si reca urgentemente all’aeroporto o anche non urgentemente, non puo e non dovrebbe essere penalizzato in questo modo, che non tardo a definire “barbaro”. Non credo ci siano altri aeroporti nel mondo che trattino i disabili in questo modo. Sono disabile al 80% e riesco grazie a Dio a deambulare con le mia gambe.Mi metto nei panni di coloro che si trovano con una carrozzella a fare lo  stesso mio percorso. Senza dire che dal parcheggio “normale” all’ufficio dove dovevo recarmi quel giorno c’erano piu di 600 metri, mentre un parcheggio blu e bianco avrebbe potuto ovviare a tutta questa piccola ma fastidiosa odissea. Spero di essere stato abbastanza chiaro e soprattutto di poter vedere che almeno a Bruxelles ci si possa rivolgere al fine di risolvere un’ingiustizia vera e propria perpetrata da questa societa’ che gestisce l’aeroporto come un vero e proprio monopolio e con metodi poco trasparenti. Rimango a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento. al numero…..

L’accoglienza proverbiale dei Veneti anche nei momenti tragici


Premessa
foto e testo sono esclusivo copyright di pio dal cin 2019- riproduzione vietata
La casa non presenta danni ne lesioni. Il campo di mais invece è devastato irrimediabilmente. La caratteristica della tromba d’aria; disegnare un percorso di distruzione fuori dal quale tutto sembra essere normale

Venerdì sono stato mandato a documentare la tromba d’aria che ha flagellato Salgareda e le sue frazioni. Quando si scrive per un giornale è imperativo non usare la “prima persona”. Tutto va raccontato come se l’autore fosse ad una finestra e dovesse spiegare a chi non c’è cosa ha visto, le emozioni ed i sentimenti della gente che ha intervistato o solo brevemente incontrato. Gli spazi che il giornale può dedicare sono spesso limitati e così vengono, in un certo senso, compresse certe storie che invece andrebbero raccontate. Per questo scrivo in un blog. Questo blog mi da la possibilità di pubblicare le mie storie, quelle più cariche di emozioni, più umane, e soprattutto posso raccontarle in prima persona, perché nel blog non è così scandaloso come in un giornale, e si può fare

I DANNI E LE PERSONE

Arrivo a Salgareda poco prima di mezzogiorno. Ci vorranno tre ore per scrivere il mio “pezzo” di sessanta righe e un’altro sull’episodio del camionista che si è salvato per un pelo di 30 righe. Tre ore passate a cercare quale delle frazioni fosse stata la più colpita. CAMPO BERNARDO. L’avrò scritto già dieci volte il nome di questa borgata che conta circa cinquecento anime. Siamo al confine tra le province di Treviso e Venezia. Non sapevo nemmeno esistesse un Campo Bernardo. Ho faticato parecchio a trovarlo perché l’albero caduto, un pino secolare in via paradiso, impediva l’accesso da Salgareda, all’altezza della cantina MOLON. All’ingresso un camion. Sopra il camion si era spenta la corsa del pino. Per fortuna che la cabina era tre metri più in là, altrimenti per il giovane Polacco che aspettava di entrare non ci sarebbe stato niente da fare. (vedi foto qui sotto- albero- camion)

Il giovane camionista Polacco scampato per un pelo all’albero che ha travolto il suo camion (foto sotto)
Il camion centrato in pieno dal secolare pino
Ci voleva il signor Giorgio Menegon vicino al pino caduto dal suo giardino per rendersi conto di quanto grande fosse l’albero che ha schiacciato la sua ringhiera, ha invaso completamente la carreggiata ed è finito sopra il camion

Tre ore dicevo. Cercando i danni provocati da questa “tempesta” scatenatasi tra le 8:45 e le 9.00 del mattino sotto forma di vento, grandine, pioggia all’ennesima potenza. Chiunque abbia visto un’area dove sia passata una tromba d’aria potrà testimoniare che questa forza della natura si sviluppa in un percorso di solito che assomiglia alle rotaie di un treno. Seguendo una linea, che a volte zigzagando scorre lasciando certe cose intoccate, certe altre devastate. Filari di vigneti rasi al suolo

Il vigneto del signor Cester

I danni al garage di questo signore

La stalla del signor Manzato ha subito alcuni danni alla copertura della stalla facendo entrare l’acqua nella struttura.

I DANNI PIU’ GRAVI. L’ACCOGLIENZA DI UNA FAMIGLIA VENETA

Sono le due e quarantacinque, L’umidità mi ha intriso la camicia e la fronte di sudore ( si, è vero, si può sudare anche facendo il reporter). Parcheggio l’auto ai bordi della rotonda poco lontano dalla chiesa di CAMPO BERNARDO. L’occhio del fotografo è stato attirato da alcuni operai sul tetto. “Capperonzoli” (penso tra me e me mentre mi avvicino.) “Sono passate solo poche ore dalla tromba d’aria e questi stanno già lavorando a ripristinare il tetto? E’ vero..siamo Veneti, ci rimbocchiamo subito le maniche e ci mettiamo al lavoro , senza piagnistei o lamenti

Mentre gli operai buttano detriti dal tetto mi rendo conto che questa è veramente la casa più colpita. Forse perché la più alta a trovarsi sul cammino della tromba d’aria, con i suoi tre piani.Nel giardino di casa la famiglia Drusian al completo. Ognuno da una mano come può. Il nonno con la scopa in mano mi guarda e mi vede sudato e stanco . “Vegnelo dentro a bever un bicer?” “Volentieri, grazie”. Rispondo. Guardo l’orologio, sono le 15. E’ incredibile come passi il tempo mentre si scattano foto e si chiedono informazioni utili all’articolo. Non si pensa a mangiare ne a bere, ma solo a fare bene il lavoro di reporter. Tutto si sgonfia ora di fronte a quella domanda e a quel viso sorridente che esprime pace e serenità

Mi siedo e arriva la bottiglia di Prosecco. Dopo qualche minuto la soppressa, il pane. Brindiamo e la famiglia sorride, nonostante tutto, il tetto rotto, i danni, la paura, lo scampato pericolo. Su tutto questo prevale il DNA dell’accoglienza, dell’ospitalità, di condividere con l’ospite inatteso un bicchiere di buon vino, una fetta di pane, un piatto di soppressa. Ci scambiamo le impressioni sulla tempesta, su libri scritti. Scopro che Otello ne ha scritti due: “Santissimo Cortellazzo” e “Il vescovo della bassa”. Gli regalo il mio ultimo “Cuore Veneto.Interviste e racconti della nostra Gente”. Otello ricambia con i suoi due. Scriviamo le dediche. Facciamo amicizia. A casa più tardi leggo le dediche in entrambi i libri che mi ha regalato questa fantastica famiglia che non ha perduto il sorriso ed il senso dell’ospitalità nemmeno in un giorno che poteva sembrare nero. “A Pio, con gratitudine, in una particolare occasione. 2 agosto 2019 . Otello Drusian”

Emma Vidal. Sarebbe bastato un fiore.


Domani l’addio a EMMA VIDAL. Mi spiace non poterci essere a salutarla per l’ultima volta. Mi basta aver avuto il privilegio di conoscerla quando compì CENTO anni e di intervistarla per inserirla nel mio ultimo libro “Cuore Veneto interviste e racconti della nostra GENTE”

Qualche tempo fa, prima del centotreesimo compleanno del “monumento vivente” che EMMA rappresentava per VENEZIA, per BURANO e anche per un’ITALIA fatta di persone dedite alla loro passione scriss ihttps://www.codognetreviso.com/2019/02/emma-vidal-monumento-vivente-del.html questo post, augurandomi che le istituzioni si ricordassero di lei e potessero celebrarla con una festicciola, un ricordo, una medaglia, qualcosa che sottolineasse l’impegno di una persona UNICA e IRRIPETIBILE che ha dedicato la sua vita (inizio con la sua ARTE a dieci anni) alla promozione del MERLETTO DI BURANO e a continuare tenacemente a tessere quel filo magico come fosse una torcia olimpica da portare avanti e proporlo alle nuove generazioni spesso distratte e più attente a cose meno ANTICHE .

Purtroppo, il giorno del suo compleanno nessuno delle istituzioni si è ricordato di celebrare la sua dedizione a quest’ARTE unica nel mondo. Il sindaco LUIGI BRUGNARO accortosi della GAFFE ha cercato di salvarsi in corner pubblicando una vecchia foto che lo riprende assieme a EMMA qualche anno fa. Occasione perduta. Domani ai funerali ci saranno tutti e i discorsi che faranno saranno solo delle parole buttate al vento perché EMMA ha vissuto una vita lunghissima che comunque sarebbe terminata prima o poi come succede a tutti, ma almeno, se non fosse stata DIMENTICATA sarebbe morta felice.

Qualche mese fa ho parlato con una sua parente che le è stata sempre vicina, la quale mi ha confermato della profonda tristezza che aveva colpito EMMA per l’indifferenza nel giorno del suo ultimo compleanno. Gli anziani si sa, sono molto sensibili a questo. Sarebbe bastato poco per renderla felice, non serviva una grande festa, sarebbe bastato un fiore